Vai direttamente a:

La tattica di Franceschini: tossica per il Paese, probabilmente inutile per il PD

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 23 febbraio 2009 | Prima Pagina

Per cercare di frenare l’emoraggia verso Di Pietro, (ri)guadganare voti a sinistra, anestetizzare le divaricazioni interne e arginare la delusione (e il conseguente astensionismo elettorale) Franceschini ha scelto la tattica più facile: riesumare la “resistenza” al Berlusconi alfiere di un moderno totalitarismo.
Ha scelto la via più facile, che è anche quella più tossica per il Paese, che ha invece bisogno di un moderno partito di sinistra, con il quale la nostra maggioranza possa cercare di condividere le riforme strutturali per il bene di tutti.

Commenti

Commenti Commenti (6) |

6 Commenti »

  1. aurim scrive

    ER NOVO SEGRETARIO

    Appena uscito Walter dar portone
    e già in parecchi l’aveveno previsto,
    l’artri se so girati e in processione,
    hanno trovato n’artro poro cristo.

    Li capoccioni soliti, d’accordo,
    su Franceschini se so concentrati,
    perché lo sanno già ch’è poco ingordo,
    e a controllallo poco so’ impegnati.

    Ma lui nun ha capito e s’è buttato
    contro er berlusca ed il governo tutto,
    nun penzanno che l’artro, giubilato,
    s’è levato la sete cor presciutto.

    Mo’ deve da stà attento a come move
    Le leve drento e fora dar partito,
    perché er Piddì nun pare se commove,
    guarda quell’artro come se n’è ito.

    Roma 28.02.09

    Maurizio Nardi

    28 febbraio 2009 | #

  2. aurim scrive

    VELTRONI L’AFRICANO

    Da Sindaco de Roma nun s’è visto,
    Usciva solo affà inaugurazioni,
    Da Ponte Garibbardi a Ponte Sisto
    Da li Parioli ‘nfino giù a Marconi.
    Nun se curava de li cittadini
    Si questo lo teneva un po in disparte,
    voleva fasse bello coi provini,
    sguazzanno drento er cinema e nell’arte.
    Ma un giorno disse, doppo avè penzato
    “vado affà l’africano, pijo e parto,
    e invece come un lampo jè passato,
    e s’è rifatto l’abbito dar sarto.
    I vecchi suoi compagni l’hanno messo
    affare er segretario der Piddì,
    e lui jè fa : “ nun faccio mica er fesso
    de stà assieme co’ quelli del Piccì.
    E perdi oggi e perdi poi domani
    alla fine der gioco s’è dimesso.
    Forze era mejo annà co’ l’africani
    Che finì in fonno a destra , verzo er cesso.

    Roma 29 Gennaio ‘09
    Maurizio Nardi

    28 febbraio 2009 | #

  3. andrea cevasco scrive

    Diciamolo francamente: il PD sembra “ il grande fratello”, e il nominato della puntata è stato Dario Franceschini. Votato praticamente all’unanimità dagli abitanti della casa, è riuscito nell’ardua impresa, di farsi nominare da tutti. Perché si sa il Vero Grande Fratello, è il re della finzione, ma in salsa PD, invece, è una triste realtà. Una cosa comune che unisce le due grandi case però esiste davvero: Tutti fanno finta di amarsi di litigare di stringere alleanze e poi, per creare il patos, le corna sono all’ordine del giorno ( e sono vere). Il fatto è che il PD, come il Grande Fratello, non ha fondamenta solide e dura il breve spazio di una stagione. Nella versione originale, dimenticati in fretta gli attori protagonisti di quella precedente, lo show riesce a riproporsi, solo cambiando totalmente gli attori.
    Nella versione reale del PD invece, nulla si muove in modo che nulla possa cambiare. E’questo che differenzia il successo del grande fratello anno dopo anno, dal continuo insuccesso del Partito Democratico. Con gli stessi attori e senza fondamenta, la casa “prefabbricata” continua rovinosamente a implodere su se stessa. Ma loro non si accorgono di nulla e sono fedeli al motto “ costi quel che costi bisogna continuare” Bassolino e Jervolino docet. Il nominato, dicevamo è il prode Franceschini che appena saputo della cosa, cerca l’audience, il colpo ad effetto, la novità assoluta. E alla prima intervista inveisce indovinate contro Chi? Ma contro Silvio naturalmente. Deve aver pensato: come posso essere leader se, lascio a Di Pietro l’esclusiva degli insulti al Premier? D’altronde condividere la casa con il buon Antonio Di Pietro che, con l’avvento di Veltroni si era illuso di avere l’esclusiva sulle invettive a Berlusconi, non è cosa facile. Supportato com’è dagli altri coinquilini, il Travaglio il Santoro, u sciù Beppe Grillo, l’ineffabile Sabina e l’ombroso Vauro. Difficile competere quando dalla tua parte invece, puoi annoverare, sottiletta Fassino l’austera Rosi Bindi il machiavellico Parisi. Non basta giurare sulla Costituzione per diventare il Barak Obama italiano o molto più modestamente il Di Pietro molisano. Ma a Franceschini, questo, non lo hanno ancora spiegato.
    Fedele al copione spera, di conquistare i voti dei teleutenti in modo da non essere la più veloce meteora nel variegato mondo della sinistra italiana.

    Andrea Cevasco.

    27 febbraio 2009 | #

  4. Rosella scrive

    Signor Nunzio,
    non le è mai capitato di fare un errore di battitura?
    Perchè subito la malafede?
    Alla forma ,oltretutto,è da preferire sempre la sostanza e in quanto a contenuti l’On.Palmieri ha sempre dimostrato di essere ineguagliabile.
    Come in questo caso,del resto
    Saluti
    Rosella

    27 febbraio 2009 | #

  5. aurim scrive

    Bisognerebbe parlare anche del testamento biologico dei partiti, sopratutto di quelli che ogni tanto cambiano CAPA.

    24 febbraio 2009 | #

  6. nunzio scrive

    Onorevole,
    emorragia ci vuole due erre ed una sola g.
    Condividiamo almeno l’ortografia.

    23 febbraio 2009 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.