Vai direttamente a:

I parlamentari e Facebook. Riflessione breve

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 21 luglio 2009 | RASSEGNA STAMPA

Sabato il quotidiano “Il Tempo” ha pubblicato questo mio commento, all’interno di due pagine dedicate al fenomeno dei social network.

“Facebook è facile da usare e ti dà soddisfazione. Carichi un post e, se hai azzeccato il tema, in pochi minuti i commenti fioccano. Molto meglio che nel blog, per quantità di risposte e per “calore”: dialogare con una faccia e un nome riscalda e vivifica la comunicazione. E se poi conosci davvero chi ti scrive l’impatto è ancora più forte.

Per la mia esperienza, il rapporto tra politica e Facebook si sta sviluppando bene. Proprio perché è semplice, Facebook ha consentito a numerosi parlamentari di affacciarsi al dialogo con i cittadini on line. Numerosi deputati hanno il profilo su Facebook e non il blog o il sito personale.
Gli usi sono dei più vari. C’è chi fa la diretta dall’aula di ciò che stiamo discutendo in quel momento. Chi è molto radicato in un territorio lo utilizza per mobilitare rapidamente i cittadini su un singolo tema che riguarda quella località o per organizzare incontri pubblici. Altri hanno aperto gruppi tematici legati a specifiche iniziative politiche e altri ancora hanno aderito a gruppi o a iniziative suggerite da amici di Facebook. C’è chi l’usato nelle recenti elezioni e, se il profilo era aperto da tempo e dunque il rapporto on line consolidato, ne ha ricavato voti e preferenze.

In definitiva, chi usa Facebook lo adopera per quello che è, uno strumento per ampliare le proprie possibilità di contatto diretto con cittadini che magari mai verrebbero a un incontro politico. Certamente, come avviene in tutti i rapporti, stare in Facebook comporta tempo, dedizione, costanza e una presenza davvero personale, autentica. E richiede consistenza personale e competenza politica, senza le quali, peraltro, ogni strumento di comunicazione risulta controproducente. Non conta essere giovani di età: conta “esserci”, come persona e come politico. Se ci “sei”, Facebook ti fa bene e dunque certamente giova alla politica. Questo è il positivo. Invece del lato oscuro di Facebook parleremo un’altra volta.

Commenti

Commenti Commenti (2) |

2 Commenti »

  1. mafalda scrive

    è un modo veramente nuovo e positivo ,perchè i cittadini sentivano anni fa il bisogno di contatto con i politici del governo ,e questo grazie alla nuova tecnologia avanzata e ,la vera e propria politica di demograzia di questo governo il cittadino non si sente più solo .Grazie per tutto quello che fate .

    22 aprile 2010 | #

  2. Paolo della Sala scrive

    Ciao e piacere di web-risentirti. Mi permetto di consigliare la lettura del mio intervento su Internet e politica, fatto al meeting di Viareggio dei giovani universitari del PdL:
    http://lapulcedivoltaire.blogosfere.it/2009/07/mio-intervento-a-incontro-dedalo-09-azione-universitaria.html

    22 luglio 2009 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.