Vai direttamente a:

A proposito dei siti e dei gruppi Facebook che minacciano di morte Berlusconi

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 23 ottobre 2009 | Prima Pagina

La polemica di questi giorni sui gruppi che minacciano di morte Berlusconi ha sicuramente il pregio di far riflettere sul fatto che è ora di finirla di considerare normale che il web sia il luogo dell’insulto e dell’odio.

Commenti

Commenti Commenti (4) |

4 Commenti »

  1. Franco scrive

    E aberrante che qualche disperarto minacci di di uccidere il Presidente del Consiglio o qualsiasi altro parlamentare che non la pensi come lui (sia esso di destra o di sinistra). Con la violenza non si risolvono i problemi del Paese. In merito è anche necessario che i politici siano prudenti nel rilasciare le proprie dichiarazione e che i mass-media facciano lostesso nel pubblicarle. La Democrazia e la libertà di stampa, e di espressione non sono in pericolo. Questi sono proclami per chiamare a raccolta nelle piazze e nelle strade i delusi della sinistra che conosciamo: non riuscendo a rialzarsi dopo la batosta ricevuta alle ultime elzioni politiche, amministrative e comunali, si agitano soltanto, ma senza ragionare.

    27 ottobre 2009 | #

  2. aurim scrive

    Ci si scherzava sopra anche agli inizi del periodo post 68 quando le Bierre facevano recapitare i loro pazzi messaggi nei cestini della spazzatura degni contenitori di ciò che scrivevano, poi però sono iniziati gli anni di piombo ed allora tutti, o quasi, meno certo i mandanti, si sono allarmati. Cosa facciamo ora, prendiamo sul serio i vari corpuscoli in giro partendo per esempio dagli intoccabili centri sociali?

    27 ottobre 2009 | #

  3. Augusto scrive

    Ho guardato in fb se era stato oscurato come detto nei tg il gruppo UCCIDIAMO BERLUSCONI. 24/10/09 ORE 17.12 c’é ancora, anzi é stato affiancato da altri due. Nel vecchio, tra l’altro si scrive: ..UNA PALLOTTOLA PER BERLUSCONI (+ foto con pallottola che sta per colpirlo alla tempia) ..
    .. LA SUA ELIMINAZIONE E’ NECESSARIA PER LA SOPRAVVIVENZA DELLA DEMOCRAZIA…… cosa aspettiamo a metterli in galera?

    24 ottobre 2009 | #

  4. flaminio cozzaglio scrive

    Il 68 fa parte della vita dei più vecchi di noi . Cominciò per una sorta di emulazione verso Parigi , parole e cortei contro un mondo un po’ vecchiotto . Poi s’è visto dove possono portare le parole , anche le più ingenue . Oggi siamo più moderni e di conseguenza più veloci : parliamo subito di uccidere .

    24 ottobre 2009 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.