Vai direttamente a:

Un minuto di silenzio

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 21 settembre 2009 | Prima Pagina

La partecipazione aI funerali dei 19 connazionali uccisi a Nassirya fu il giorno più “vivo” e intenso della mia esperienza parlamentare. Furono ore di commozione intensissima, di partecipazione al dolore dei familiari. Tuttavia, fu anche il giorno dell’orgoglio di essere italiani e della consapevolezza che stavamo facendo la cosa giusta: aiutare una popolazione oppressa a ritrovare vera giustizia, pace e libertà.

E’ lo stesso anche oggi. Allora come oggi il nemico è spietato e crudele ma la soluzione non è lasciargli campo libero: bisogna insistere e semmai cambiare strategia se l’attuale non funziona nel modo sperato.

Tags: , ,

Commenti

Commenti Commenti (0) |

Nessun Commento »

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.