Vai direttamente a:

Suorofobia o autocensura?

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 11 dicembre 2009 | Prima Pagina

Ho postato il pezzo di Renato Farina sul caso della suora rifiutata da alcune mamme come insegnante di italiano in una scuola statale solamente perchè suora perchè è indice della stessa mentalità autocensoria che porta a rimuovere crocifisso e presepe…e ho firmato la sua interrogazione a riguardo.

Tags: ,

Commenti

Commenti Commenti (1) |

1 Commento »

  1. Marco scrive

    Juan Manuel de Prada e la matrice progressista della nuova tirannia..

    di Juan Manuel de Prada

    “Come si può parlare di ‘nuova tirannia’, quando mai prima d’ora gli uomini hanno goduto di tanta libertà e tanti diritti?”, potrebbe chiedersi un lettore sprovveduto. Le tirannie classiche, in effetti, si caratterizzavano per il fatto di reprimere la libertà e negare i diritti. Gli uomini avevano coscienza di tale usurpazione perché, privati di qualcosa che apparteneva loro per natura, si sentivano sminuiti.
    La nuova tirannia a cui ci riferiamo, invece, esalta l’uomo fino all’adorazione, dandogli l’opportunità di trasformare i propri interessi e i propri desideri in libertà e diritti, che però non sono più inerenti alla sua natura, ma diventano “gentili concessioni” di un potere che li consacra legalmente. E così, trasformato in un bambino che contempla i suoi capricci mentre vengono ingigantiti e soddisfatti, l’uomo del nostro tempo è più che mai ostaggio di istanze di potere che gli garantiscono il godimento di una libertà onnicomprensiva e diritti in continua espansione. Nelle tirannie classiche al suddito restava almeno la consolazione di sapersi oppresso da un potere che violentava la sua natura; chi è sottomesso a questa nuova tirannia non ha invece altra consolazione che la protezione dello stesso potere che lo ha innalzato sull’altare dell’adorazione. E così l’uomo è divenuto, senza neanche rendersene conto, uno strumento nelle mani di chi lo accudisce con minuziosa cura, come le formiche accudiscono i gorgoglioni prima di mungerli.
    In cambio di queste “gentili concessioni”, l’uomo accetta una visione egemonica del mondo che gli viene imposto e lo trasforma in oggetto d’ingegneria sociale. Chiameremo Matrice progressista questa visione egemonica: un miraggio, una grande illusione o trompe-l’oeil che viene accettata con spirito gregario. Chi osa mettere in dubbio il trompe-l’oeil è immediatamente raggiunto da anatemi, è considerato un reprobo o un blasfemo, un nemico dell’adorazione dell’uomo. La Matrice progressista, utilizzata dalla sinistra, è stata assimilata anche dalla destra, che ha rinunciato a dare battaglia laddove il confronto con l’avversario risulterebbe efficace e lusinghiero: nell’ambito dei principi. Nel suo claudicare, la destra si limita a introdurre varianti insignificanti nel funzionamento della grande macchina, ma non osa utilizzarne gli ingranaggi. Il che è come arare senza buoi.
    La Matrice progressista è così diventata una specie di fede messianica; ha instaurato un nuovo ordine, ha imposto paradigmi culturali inattaccabili, ha stabilito una nuova antropologia che, promettendo all’uomo la liberazione finale, gli riserva solo il futuro suicidio. E contro questo nuovo ordine, si erge solo l’ordine religioso, che restituisce all’uomo la sua vera natura e gli propone una visione corretta del mondo che mina le fondamenta del trompe-l’oeil su cui poggia la nuova tirannia, dissolvendo le sue falsificazioni. Una visione che il potere combatte con grande sforzo, essendo l’ordine religioso l’unica fortezza che gli resta da espugnare prima che il suo trionfo sia completo.
    Il laicismo rampante accusa la Chiesa di mischiarsi nella politica, adducendo a pretesto quella sentenza evangelica che sono soliti sbandierare quanti non leggono il Vangelo: “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”. Ma, cos’è proprio di Cesare? Le cose temporali, le realtà terrene; ma non, naturalmente, i principi di ordine morale che nascono dalla stessa natura umana, non i fondamenti etici dell’ordine temporale. La nuova tirannia, tanto attenta a espandere le “libertà” dei suoi sudditi, nega alla Chiesa quella di giudicare la moralità delle azioni temporali, poiché sa che tale giudizio include un radicale sovvertimento del trompe-l’oeil su cui sui fonda la sua stessa esistenza. Il potere anela una Chiesa farisaica e corrotta che rinunci a restituire all’umanità la sua vera natura e accetti quel “mistero d’iniquità” che è l’adorazione dell’uomo; spera in una Chiesa posta in ginocchio dinanzi a Cesare, trasformata in quella “grande meretrice che fornica con i re della terra” di cui parla l’Apocalisse.
    Oggi in Occidente si sta ingaggiando questo grande scontro, che la nuova tirannia maschera molto abilmente da “battaglia ideologica”. Ma se questa fosse veramente una “battaglia ideologica”, il potere non la considererebbe un sovvertimento; poiché l’ideologia è proprio il terreno fertile che favorisce il suo dominio, in quanto instaura una “demo-rissa”, cioè una lotta “democratica” di tutti contro tutti, capace di trasformare gli uomini in bambini indispettiti che lottano per le loro “libertà” e i loro “diritti”, così come i costruttori di Babele lottavano, in mezzo alla confusione, per erigere una torre che raggiungesse il cielo.
    La battaglia che oggi s’ingaggia non è ideologica, ma antropologica, poiché tende a restituire agli uomini la loro autentica natura, permettendo loro di uscire dalla confusione babelica fomentata dall’ideologia, fino a raggiungere il cammino che conduce ai principi originali. Se si vincesse – se la Matrice fosse disattivata – gli uomini scoprirebbero che non hanno bisogno di costruire torri per raggiungere il cielo, per il semplice motivo che il cielo è già dentro di loro, anche se la nuova tirannia cerca di strapparglielo.
    Gli articoli raccolti in questo volume sono bollettini di questa battaglia, emessi dalle tribune che benevolmente il giornale “ABC” e la rivista “XL Semanal” mi concedono ormai da più di 13 anni, e che “L’Osservatore Romano”, “Capital” e “Padres y Colegios” hanno inaugurato da poco. Il lettore curioso constaterà che in questi “bollettini di battaglia” convivono la diatriba e l’introspezione, l’invettiva e l’elegia, la riflessione di indole politica e la divagazione artistica; troverà persino una selezione di cronache scritte in una primavera romana che cambiò il corso della mia vita, poiché fu allora – nei giorni che seguirono la morte di Giovanni Paolo II – che aderii definitivamente alla “vecchia libertà”, l’antidoto contro tutte le tirannie del mondo. In un’epoca di incertezze che lasciano l’uomo smarrito in un oceano d’inquietudini, Roma si erse dinanzi a me, all’improvviso, come uno scoglio di salvezza: non mi riferisco solo alla salvezza religiosa, ma anche a quella culturale, poiché considero la fede di Roma una fortezza che chiarisce i termini della nostra genealogia spirituale e ci difende dalle intemperie nelle quali vorrebbe gettarci la nuova tirannia. Rinnegare questo illimitato possesso equivale a firmare un atto di morte sociale; assumerlo come proprio non costituisce un atto di sottomissione, ma di orgogliosa e gioiosa libertà.
    La rivoluzione eterna del cristianesimo consiste nel rivelarci il significato della vita, restituendoci la nostra natura; da questa scoperta nasce una gioia senza data di scadenza. Quando a questa gioia si aggiunge una minima sensibilità artistica, la vita diviene una festa dell’intelligenza. Scriveva Chesterton che la gioia, che è la piccola pubblicità del pagano, diveniva il gigantesco segreto del cristiano. Io, che sono un cristiano un po’ impudico, ho cercato di rendere pubblico in questi articoli, o almeno di far intravedere, questo segreto gigantesco che m’invade e mi trascende.
    Madrid, marzo 2009.

    Tratto da Sandro Magister,
    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1340484
    http://cercatoridellaverita.blogspot.com/2009/10/juan-manuel-de-prada-e-la-matrice.html

    15 dicembre 2009 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.