Vai direttamente a:

L’Italia merita DAVVERO qualcosa di meglio. Risposta all’editoriale di Mario Calabresi

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 16 settembre 2011 | Prima Pagina

Risposta all’editoriale di Mario Calabresi  “L’Italia merita qualcosa di meglio” su La Stampa. 

Caro Calabresi,

 
vorrei aiutarla a “vedere meglio”, vale a dire da un altro punto di vista ciò che lei evidenzia nel suo editoriale odierno.

Che nella vicenda libica Sarkozy (soprattutto) e Cameron abbiano fatto e stiano facendo di tutto per tagliare fuori l’Italia (l’Italia, non Berlusconi) è una evidenza. E’ anche una realtà che abbiamo aderito obtorto collo alla guerra contro Gheddafi. Tuttavia siamo così “assenti dalla politica internazionale che conta”, come lei dice, che il capo del governo provvisorio libico è venuto in Italia a trovare Berlusconi il 25 agosto, vale a dire ben venti giorni fa. In quella data è stata ribadita la scelta della nuova Libia di continuare il rapporto privilegiato con l’Italia. Il lunedì successivo l’amministratore delegato dell’Eni Scaroni ha firmato a Tripoli un accordo per sostenere la popolazione libica, ed è attivo un comitato italo-libico presieduto dal ministro Frattini per pianificare le azioni comuni per la ricostruzione. Tutto questo settimane prima della passerella di ieri dei leader francese e inglese.
 
Lei ha ragione: Berlusconi vive una vita spericolata. Però è la sua vita privata, che tale sarebbe rimasta se i pm non avessero deciso di scandagliarla cercando ipotesi di reato e se i giornali (d’intesa con loro) non l’avessero messa in piazza. L’accanimento dei magistrati contro il premier, che lei in qualche modo ammette, è dunque colpa di Berlusconi? E’ colpa sua se per mesi (e in assenza di reati) i magistrati decidono di mettere sotto controllo la sua abitazione e di intercettare chiunque entri lì, passando poi ai giornali le intercettazioni? Non le sembra curioso che  tutti i giornali pubblichino intercettazioni di cui per legge non potrebbero disporre e solo l’editore de Il Giornale viene rimandato a giudizio per aver pubblicato l’intercettazione della famosa telefonata tra Fassino e Consorte?

Berlusconi ha sicuramente il torto di non accettare di essere spazzato via dalla scena politica dalla magistratura e dai media, come avvenne ai partiti del pentapartito. Per questo deve dedicare tempo ed energia alla sua difesa: è colpa sua o di un sistema giudiziario-mediatico in servizio permanente effettivo contro di lui? In una democrazia decidono chi governa gli elettori o questo potere spetta a giudici, editori e direttori di giornali?
 
Siccome lei è persona onesta, non ha il coraggio di dire che “la profonda crisi economica sia conseguenza diretta dei processi berlusconiani”, perchè sa che non è così e sa che Berlusconi la sua parte l’ha fatta, faticosamente e non come avrebbe forse pienamente voluto, nelle due manovre di luglio e di agosto. La fuga degli investitori stranieri dai titoli di Stato italiani in parte perchè siamo considerati un anello debole nell’euro e in parte è una profezia che si autoavvera, grazie alla ripresa universale di quanto magistrati e media italiani fanno contro il premier.

Infine, a proposito della sua visita alla Camera, lei certo ha colto un aspetto vero: colleghi preoccupati per le cose che i giornali scrivono, per le voci che i giornalisti in Transatlantico alimentano, per il proprio futuro personale.  Sono, siamo esseri umani, con i nostri limiti. Se al suo giornale ogni giorno girassero voci sulla imminente chiusura da parte della proprietà, forse anche voi sareste preoccupati, no? Tuttavia, se avesse parlato con altri colleghi, avrebbe però anche sentito preoccupazione per le sorti del nostro Paese, senso di impotenza e di delusione perchè la direzione che Berlusconi e il governo hanno indicato per il fine legislatura – tenuta in ordine dei conti pubblici, avvio processo di dismissione dei beni pubblici per ridurre il debito e dunque tranquillizzare i mercati definitivamente, approvazione delle riforme costituzionali, del fisco e della giustizia – rischia di naufragare sotto i vostri colpi mediatici-giudiziari. Anche così si uccide la speranza. Lei ha ragione: gli italiani non meritano di vivere in quest’angoscia. Mettiamoci tutti una mano sulla coscienza e lavoriamo per il bene comune, ciascuno nel posto dove si trova.
 
Cordialmente,
 

on. Antonio Palmieri

Commenti

Commenti Commenti (6) |

6 Commenti »

  1. Bruno Nissotti scrive

    Egregio On.le Palmieri, pur condividendo quasi tutte le motivazioni citate in risposta all’articolo apparso su “La Stampa” a firma di Calabresi, ritengo che il Presidente Berlusconi avrebbe dovuto porre maggiore attenzione nella scelta delle persone che gli sono vicine, in particolare dei Ministri e Sottosegretari. Non si può perdere, anche per questo motivo, la credibilità politica abbondantemente dimostrata.
    Cordiali saluti
    Bruno Nissotti

    25 settembre 2011 | #

  2. Giovanni scrive

    Non voglio occuparmi della vita privata di Silvio Berluscuni, perchè è sua e la gestisce come meglio ritiene.
    Il comportamento di certa Magistratura è deviato e non ci sono attenuanti.
    Se permettete voglio dire due parole sulla vicenda libica. E noi dovremmo concludere che l’Europa è unita, quanda ci si è scannati per il greggio libico? Come possiamo affermare che se crolla l’euro crolla l’Europa? Con il greggio libico l’Europa è caduta prima dell’euro. Torniamo alla nostra cara lira! L’Europa non esiste, perche i popoli non sono uniti e si son fatti una guerra bella e buona per il greggio.

    22 settembre 2011 | #

  3. Flavio scrive

    Da imprenditore e commerciante in attrezzature edili posso dire che la maggioranza dei miei clienti si sta stufando del fatto che in Italia oltre le chiacchiere non si fa nulla per risanare il debito pubblico. Credo fermamente che se ci fosse una testa calda che facesse un colpo di stato assicurando gli italiani di tagliare per prima cosa le spese del governo e di tutti i suoi addetti, costui avrebbe il lasciapassare per un nuovo governo ( non fatelo fare a Tonino di Pietro però!!”). E’ inutile chiedere agli italiani sacrifici, assicurando gli stessi che questi verranno fatti anche dai parlamentari e ricchi del paese, per poi andare ad aumentare l’IVA, sigarette, benzina (ovvero ciò che tocca solamente ed unicamente il popolo) e non ripristinare il cumulo dei redditi ai parlamentari che oggi godono per non essere stati toccati in nessuna maniera. Che Berlusconi abbia mille ragioni per quello che gli stanno preparando da tempo sia le sinistre che i PM è vero ma non dimentichiamo che è l’unico uomo politico che può realmente risanare l’economia del paese e fare diminuire anche il debito pubblico tassando VERAMENTE la “Casta” e levando a costoro privilegi e quanto altro detto nel libro Sanguisughe di Mario Giordano. In diversità tra poco più di 5 anni saremo anche noi nella morsa dei Cinesi Indiani Pachistani e paesi emergenti in generale. Spero e confido, pronto a scendere in campo nuovamente, in un politico pulito che possa sostenere le ragioni degli italiani.

    20 settembre 2011 | #

  4. anna maria baldocchi scrive

    Risposta davvero ottima, La ringrazio Onorevole, i Suoi interventi sono ineguagliabili. Desidero esprimerLe la mia piena solidarietà.

    17 settembre 2011 | #

  5. Edda Buti scrive

    Un indegno figlio di un grande padre. Credo che il tempo lo metterà di fronte ad una realtà ben diversa. Berlusconi si è trovato in un momento orrendo, dato da una situazone mondiale originata da tuttaltre personalità.

    16 settembre 2011 | #

  6. renata pastori scrive

    Ben detto! Sarebbe buona cosa vedere la risposta pubblicata domani sul quotidiano La Stampa.

    16 settembre 2011 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.