Vai direttamente a:

Monsignor Kaigama, presidente Conferenza Episcopale Nigeria, incontra i Deputati italiani.

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 11 luglio 2012 | Prima Pagina

Omelia di Monsignor Arcivescovo Ignatius Kaigama, presidente della Conferenza Episcopale Nigeriana.

Camera dei Deputati, 11 luglio 2012

Carissimi fratelli e sorelle, sono molto onorato di essere stato invitato qui in questo luogo per celebrare con voi questa Eucaristia. Questa celebrazione avviene in modo particolare per le tante vittime della violenza in Nigeria e per invocare Dio Padre di Misericordia. Vuole anche essere per me una Messa di ringraziamento a Dio per tutti voi che state dando il vostro tempo e le vostre energie per lavorare e per collaborare alla costruzione di una società più giusta che rispetti la dignità e la libertà di ogni uomo e di ogni popolo.

Sia io che gli altri nigeriani con cui sono venuto a Roma siamo stati profondamente commossi e vivificati dalla vostra amicizia e dalla vostra solidarietà e per tutto quello che state facendo e che ci avete testimoniato. La vostra presenza così fraterna e sincera ci ha fatto sentire subito a casa e questa amicizia che abbiamo qui sperimentato è una realtà umana segno di una presenza divina. Per questo sono sicuro che questa amicizia crescerà e porterà frutti di ogni bene per tutti.

Grazie a ciascuno di voi ed a tutti i vostri colleghi impegnati nel vostro stesso lavoro anche a nome di tutto il mio popolo nigeriano: continuiamo insieme in questo cammino certi che il Signore è con noi.

Oggi è il giorno di San Benedetto e siamo chiamati per nome a seguire Gesù ed ogni giorno ed ogni attimo ci dà la vita e ci chiede di riconoscerlo presente. Che il Signroe ci aiuti a rispondere con coraggio e grande fiducia dentro in questa situazione in cui ci troviamo. Per Lui, in Lui e con Lui possiamo trovare quella pienezza di vita che ogni cuore e ogni persona desidera.

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione per affrontare i problemi di sicurezza, di ignoranza, mal governo e corruzione. Spero che anche questo momento poco felice per noi, il popolo italiano ed i suoi leaders politici continuate ad essere un sicuro sostegno per noi come già ci avete dimostrato con le vostre iniziative per la libertà religiosa.

Abbiamo sentito la vostra effettiva presenza di Italiani in Nigeria anche attraverso suor Caterina Cosi, una missionaria in Nigeria da quasi trenta anni: lei opera e lavora con il suo servizio proprio nel mio villaggio nativo. E’ una presenza degli italiani in Nigeria.

Che il Signore benedica voi per tutto il vostro lavoro a favore della Libertà in Nigeria.

Grazie

Mons. Ignatius Kaigama

Commenti

Commenti Commenti (2) |

2 Commenti »

  1. anna maria baldocchi scrive

    On. Palmieri ottima idea di raccogliere le firme per cercare di fermare questa strage contro i cristiani della Nigeria. Quello che sta succedendo è davvero una cosa barbara, incredibile. Grazie ancora una volta per tutto quello che fa.

    21 luglio 2012 | #

  2. Simone scrive

    Grazie Antonio per averla condivisa.
    La cosa più importante è chiedere a tutti di firmare la raccolta firme e tenere alta l’attenzione. il Governo si impegni ancora di più in sede europea e ONU per arrivare a fermare queste violenze contro i cristiani della Nigeria.
    http://bit.ly/NKluMN

    Simone

    17 luglio 2012 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.