Vai direttamente a:

Ieri e oggi

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 2 maggio 2011 | Prima Pagina

La fine di Osama Bin Laden è comune a molti seminatori di odio e di morte. E’ una notizia buona ma non credo farà ravvedere nessuno, purtroppo. Anzi, i fanatici ne troveranno nuova linfa. Per cambiare serve un incontro con persone come Giovanni Paolo II, capaci di parlare a quel “cuore” che è comune a tutti gli uomini.

Commenti

Commenti Commenti (2) |

2 Commenti »

  1. aurim scrive

    Oltre l’incontro con uomini Santi vale la soppressione fisica non tanto come vendetta ma per fargli quello che lui (o loro) hanno fatto agli altri. Perchè Gesù parlava del prossimo come quelli che sbagliano ma si ravvedono o chiedono perdonoe non vedo altri profili umani da perdonare.

    11 maggio 2011 | #

  2. anna maria baldocchi scrive

    Dalla ultima cronaca politica si evince l’appagamento del mondo occidentale al decesso di Osama Bin Laden come notizia confutata dal reperimento del DNA in artitesi al video falso della tv. Contemporaneamente si è palesato il timore del futuro considerando la possibile riorganizzazione del fanatismo islamico il cui “leader” è Al Zowahiri.

    4 maggio 2011 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.