Vai direttamente a:

Ici e Chiesa

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 6 dicembre 2011 | Prima Pagina

A volte ritornano…anche oggi è emersa da aprte di alcuni colleghi la proposta di far pagare l’IMU (cioè l’ICI) alla Chiesa. Chiariamo allora alcuni punti:

1. Non esiste alcuna norma che preveda esenzioni fiscali esclusivamente per la Chiesa. L’esenzione Ici per gli immobili riguarda tutti, assolutamente tutti gli enti senza scopo di lucro, purché utilizzati per alcune attività di rilevanza sociale. Non solo quelli religiosi, dunque tutti gli enti non commerciali che svolgono non profit attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive

2. La Chiesa paga già l’Ici per gli immobili dati in affitto e le strutture alberghiere. Quindi chi vuole cambiare vuol far pagare l’Ici alle mense Caritas, agli oratori, alle sacrestie, ai monasteri, ecc.

3. Completiamo l’informazione: la riduzione del 50% sull’imposta sul reddito delle società (Ires) si applica agli enti religiosi in quanto questi sono equiparati agli enti aventi fine di beneficenza e di istruzione, e la riduzione non vale per le attività commerciali.

4. Inoltre, all’8 per mille concorrono altre sette confessioni religiose diverse e pure lo Stato, non soltanto la Chiesa cattolica, che riceve quanto i contribuenti italiani le destinano. Se i contribuenti non firmassero più per lei non riceverebbe niente.

Commenti

Commenti Commenti (12) |

12 Commenti »

  1. anna maria baldocchi scrive

    Fa riflettere ed è da approfondire il rifiuto di Sarcosì di incontrare Monti e fa subito pensare ad una situazione non chiara, tra qualche giorno la Merkel farà sapere cosa sta accadendo. La fiducia nel governo Monti comincia a venir meno. Se tutto ciò fosse avvenuto con Berlusconi ci sarebbero state crisi isteriche, invece oggi tutti buoni, zitti e questo lascia un pò perplessi.

    16 gennaio 2012 | #

  2. anna maria baldocchi scrive

    Declassamento dell’Italia. Tutte quelle colpe al governo Berlusconi si sono rilevate infondate, è Monti che porta l’Italia in serie B dopo aver imposto nuove tasse. Ci sono Paesi come la Scozia, in cui il governo demanda al popolo di scegliere il proprio destino e Paesi come l’Italia, in cui il popolo non può nemmeno scegliere il governo.

    14 gennaio 2012 | #

  3. anna maria baldocchi scrive

    A Reggio Emilia, in occasione della festa del tricolore, Monti è stato sì applaudito mentre parlava, ma anche contestato in piazza dalla Lega e Rifondazione. Condivido il discorso della Santanchè che Berlusconi continua a far politica come gesto di grande responsabilità, che c’è una sospensione della democrazia, che la lotta all’evasione era già stata affrontata con il governo Berlusconi (20 miliardi di euro) quindi nessuno deve salire in cattedra a fare il professore della lotta all’evasione. Non c’è da prendere troppe lezioni dai professori che è bene che insegnino nelle aule delle scuole.

    7 gennaio 2012 | #

  4. anna maria baldocchi scrive

    Tutti coloro che credono che Berlusconi lasci la politica rimarranno delusi perchè resta di scena, non voterà mai a scatola chiusa, se necessario andrà all’opposizione, lavorerà anche per le prossime elezioni. Chi pensava di essere già sul carro del vincitore stia attento perchè il percorso non potrebbe essere lungo.

    5 gennaio 2012 | #

  5. anna maria baldocchi scrive

    Ho iniziato l’anno guardando con un pò di ottimismo, che questi provvedimenti portino, prima o poi, alla crescita. Ho fatto un brindisi di auguri: che il nostro presidente resti sempre nella politica e Lei Onorevole Palmieri che ci sia sempre vicino con internet continuando a tenerci informati dando la possibilità di esprimere le nostre idee.

    31 dicembre 2011 | #

  6. gualtiero scotti scrive

    Ho la sensazione che invece Berlusconi venisse preso tanto sul serio in Europa da non sopportarlo… l’aver “preteso” che nel computo del debito pubblico si tenesse anche conto dell’indebitamento della popolazione … l’aver bloccato la trasformazione della famiglia (lei – lui e figli) in altra cosa…
    Aggiungiamo anche l’insistenza di Tremonti sugli Eurobond … sinchè non li ha proposti é stato altamente considerato , poi… un po meno
    Che abbiano ragione i “complottisti” riguardo a Bildeberg – trilaterale – Goldman Sachs e legami del presidente del consiglio attuale con tali “sigle”?
    Comunque… Monti permettendo: AUGURI A TUTTI

    31 dicembre 2011 | #

  7. Vincenzo scrive

    Egregio onorevole, questa faccenda afferente l’Ici (Imu) secondo cui alcuni media e quotidiani insistono nel dire che la chiesa è ne esclusa, è pura demagogia. Tutto parte dalla legge 222/85 che, purtroppo e per effetto dei governi del tempo, è quanto di più incerto e “nebuloso” esista. Una legge fatta male e dunque adattabile alle esigenze di chi, successivamente e con l’introduzione dell’Ici dal governo Amato, prese spunto per non pagarla. Parlo di sindacati, partiti et similia, mentre la chiesa la paga per quegli immobili adibiti ad “uso commerciale”. Certo, può esservi qualche furberia anche in merito, ma questi compiti sono propri, specifici della G.d.F., non certo dei media o di chiunque altro scoprire eventuali irregolarità. Personalmente vedo in giro troppi “segugi” ideologizzati e sprovvisti delle conoscenze più importanti in materia legislativa. Per il resto questa legge finanziaria montiana, l’ennesima che ci toglie altro sangue dalle vene, spero sia l’ultima, altrimenti – proposizione a seguire del tutto personale – smetterò di andare a votare. Mi creda, su quest’ultima linea siamo in tanti, aumentiamo ogni giorno, ergo Berlusconi dia una regolata a questo governo in cui alligna, a mio modesto avviso, la massoneria non solo italiana ma anche straniera. Auguri di buon Anno per lei, onorevole, e per i suoi cari. Vincenzo RICCA

    29 dicembre 2011 | #

  8. anna maria baldocchi scrive

    Nel formulare i più sentiti Auguri non posso non ricordare che la situazione del nostro paese risente, oggi più che mai, della crisi che si può definire mondiale. Siamo in una fase purtroppo recessiva che abbraccia tutti i settori, dalla diminuzione del personale negli ambienti di lavoro all’aumento dei costi per arrivare al blocco degli stipendi che provoca il conseguente calo dei consumi. Il tutto in un clima di incertezza per il nostro futuro, non abbiamo infatti a tutt’oggi garanzie e certezze. Che in nostro Presidente sappia continuare a prendere le migliori decisioni e che il 2012 sia foriero di gioia e serenità.

    25 dicembre 2011 | #

  9. Rosella scrive

    Il “compromesso” è la bandiera madre del relativismo e l’equità è un concetto amorfo se non è riferito alla condizione particolare di ogni uomo.
    Dare un pane ad una famiglia composta da 10 persone non equivale a darne uno ad una famiglia composta da 2 persone.Il calcolo non può essere meramente matematico,nè proporzionale,ma esso deve essere effettuato ponendo al centro di tutto ogni singolo uomo con i suoi bisogni.Per conseguenza ,la parola corretta che dovrebbe ,in questi giorni bui,essere usata ed esaltata non è equità,ma GIUSTIZIA
    Perchè mai la Chiesa Cattolica non dovrebbe pagare l’ICI?
    Perchè noi Cristiani siamo diventati così ipocriti?
    Gesù nei Vangeli asseriva che è giusto pagare le tasse.Anche lui le pagava.
    La nostra Chiesa non dovrebbe vivere nella semplicità e nella carità?
    Quante statue della Madonna devono ancora piangere sangue perchè un vescovo si converta?
    Di buono c’è che moltii sacerdoti sono diventati così materialisti da elevare ogni irriducibile peccatore, come me, alla condizione di San Giovanni Battista (minimo!)
    Che vuol dire “discutiamo sul pagamento dell’ICI?”Se è giusto la paghi,se non è giusto protesti. Cosa c’è da discutere ? A volte sembra di aver a che fare con la mamma santissima!
    E finitela anche con questa storia dell’amore per metterci a tacere! Vi sorge il dubbio che è proprio l’Amore per la Chiesa Cattolica che ci porta a gridare per difenderla da chi vuole usarla per scopi diversi da quelli per cui è stata concepita? E’ difficile capire questo,vero?
    Caro Onorevole Antonio Palmieri ( che io stimavo veramente tanto e che mi ha molto deluso ),
    se è vero ,come lei asserisce,che la Chiesa paga già l’Ici per legge,allora vuol dire che evade le tasse,non si scappa.
    Lei sa quello che intendo,non voglio infierire girando il coltello nella piaga!
    Gesù è VERITA’! Abbiate il coraggio di dirla questa verità ,se siete i Cristiani che dite di essere.
    Ciao
    Rosella nel deserto

    10 dicembre 2011 | #

  10. anna maria baldocchi scrive

    Per una manovra come questa non importava scomodare professori e tecnici,, così la poteva fare anche Berlusconi. L’unica differenza è che in Europa e in Italia Monti viene preso sul serio, mentre l’uomo di Arcore no. Sono stati colpiti i soliti noti , gli operai, i pensionati e le imprese, mentre sono stati salvati i soliti che non hanno mai pagato le tasse o al limite in una riforma ridicola. L’aumento della benzina, la reintroduzione dell’ICI sulla prima cas per tutti , la legge sulle pensioni, la revisione degli estimi catastali, chi andrà maggiormente a colpire? Le famiglie e le persone che già soffrivano la povertà ed ora fanno smpre più fatica. Altre sarebbero state le misure che ci saremo aspettati. Non è stata annunciata una vera lotta all’evasione, il vero cancro del nostro paese. Perchè non si fanno forti riduzioni alle spese militari e magari si organizza meglio la polizia che ci dovrebbe proteggere? Colpire i grandi evasori resta una chimera. Una nota stonatissima quella di pensare di non esonerare la chiesa dall’ICI.

    9 dicembre 2011 | #

  11. Luciano Baroni scrive

    Io chiedo chi mi può dare una risposta seria sui punti che riguardano le agevolazioni, e sono quattro, che vengono date alle Banche, responsabili di riffa o di raffa della crisi Internazionale che stiamo subendo, supportate dagli speculatori che assieme a loro, ed alle Agenzie di Rating, fanno lo sporco lavoro che ci sta ammorbando.

    Perchè la tracciabilità, l’obbligo anche per i pensionati con redditi minimi di fare i Conti Correnti, sono salassi ulteriori a loro favore, così come le Card ed i pagamenti elettronici.

    E’ chiaro chi ha dato queste indicazioni, non può il PdiL accodarsi a queste vessazioni delle Libertà individuali.

    Non si può intervenire solo sull’ICI, giustamente da avversare.

    8 dicembre 2011 | #

  12. marco scrive

    La questione dell’ici alla Chiesa è varamente stucchevole ed usata strumentalmente

    PENSIONI:

    “La Commissione lavoro approva la riforma, ma chiede che gli assegni fino a tre volte il minimo vengano adeguati al costo della vita”.

    La misura (al limite) può essere prevista solo come TEMPORANEA (3 anni?), non certo come definitiva.

    Adeguamento al costo della vita va previsto per TUTTE le pensioni (anche quelle superiori) FINO AL LIMITE DI TRE VOLTE IL MINIMO (cioè va rivalutata almeno in quella parte, saranno 1200 euro circa).

    ICi (o come diavolo si chiama adesso)
    fare molta attenzione ai parametri perché ad occhio così come concepita è un disastro… bisogna arrivare ad una tassa più equa possibile. Vanno rivistii i parametri (anche per la seconda casa.. chi ha una piccola casetta al mare od in montagna non è certo un ricco da massacrare con le tasse).

    ps comunque, almeno per me, il governo monti non è la soluzione, è il problema. Credo che bisognerebbe cominciare a pensare di uscire dall’euro. Saluti.

    7 dicembre 2011 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.