Vai direttamente a:

Di Pietro chiama alle armi. Dove andremo a finire?

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 11 marzo 2010 | Prima Pagina

“CHIAMATA ALLE ARMI: Roma, Sabato 13 marzo 2010 ore 14:00 piazza del Popolo.”

Questo il titolo della newsletter giornaliera inviata da Antonio Di Pietro. Come si fa a chiamare una manifestazione una “chiamata alle armi”? Dove è disposto ad arrivare per una manciata di voti in più?

Ha ragione Bondi, che oggi ha dichiarato che si stanno ricreando le stesse condizioni che hanno reso possibile l’attentato avvenuto a Milano lo scorso dicembre contro Berlusconi.  Stanno ricreando un clima esasperato, con parole e dichiarazioni irresponsabili e violente, proseguendo la politica della demonizzazione e dell’odio.

Tags: ,

Commenti

Commenti Commenti (4) |

4 Commenti »

  1. aurim scrive

    com’è buono lei sig. J. L. si vede subito da che parte sta. PUNTO

    13 marzo 2010 | #

  2. Jean Lafitte scrive

    attentato quello?

    suvvia…

    dove arriverete?

    in alto, molto in alto.

    a Piazzale Loreto. a testa in giù.

    12 marzo 2010 | #

  3. aurim scrive

    IL Sior Bossi non più lo stesso quindi ….i fucili sarebbero un eufemismo; invece la “chiamata alla armi” del sandipietrino potrebbe scatenare ben altro per reazione come, per esempio: “ora basta, qui comando solo io e tutti zitti” no? Questa potrebbe essere la fatale pero voi tutti (chi) ultima sera. A me personalmente non me ne fregherebbe un tubo tanto settantatreenne pensionato nullatenente che mi può succedere?

    12 marzo 2010 | #

  4. claudio scrive

    Umberto Bossi, nostro fedele alleato, nell’agosto 2007 a riguardo di fisco ingiusto: “Se la Lombardia chiude i rubinetti l’Italia muore in cinque giorni perché vivono con i soldi dei lombardi. I lombardi non hanno mai tirato fuori i FUCILI ma per farlo c’è sempre la prima volta”.
    La risposta di Maurizio Gasparri all’epoca in AN: “I fucili di Bossi sono verbali”.

    Però a Bossi lei non lo dice che semina odio, vero? Magari perchè a Cantù qualcuno leghista c’è ancora?
    Io vorrei vederla finita questa manfrina dell’odio, della demonizzazione, è roba da asilo infantile. Parliamo di cose serie, ignoriamo i loro deliri e li strabattiamo. Sempre più deluso.

    Su Bondi qualcuno potrebbe fraintendere le sue parole e inconsciamente prenderle come incoraggiamento per una azione criminale. Per ironia della sorte John Lennon predicava pace e amore eppure uno squilibrato l’ha ucciso. Nessuno diede la colpa ai Rolling Stones, però.

    “Ma venne la fatale per voi tutti ultima sera”

    12 marzo 2010 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.