Vai direttamente a:

Dalla posta per me/ Siete guerrafondai

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 12 ottobre 2010 | Prima Pagina

Mi è arrivata questa mail:

Mai armare i nostri aerei di bombe! Ricordate l’articolo 11 della costituzione della Repubblica Italiana, che recita “che l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli..ecc.. Allora come fanno i deputati o i senatori ha dire o fare certe cose che vanno contro la costituzione? Siete diventati guerra fondai?

Nel commento la mia risposta

Commenti

Commenti Commenti (9) |

9 Commenti »

  1. stink scrive

    Pienamente daccordo con Franco Calla: Il governo D’Alema ha ignorato la Costituzione così come la sta ignorando l’attuale governo. E continuano a chiamarle MISSIONI DI PACE, Pace si ma eterna (purtroppo).

    30 ottobre 2010 | #

  2. FRANCO CALLA scrive

    Come mai l’articolo 11 della Costituzione non è stato osservato dal Govrno D’Alema quando inviò gli aerei per bombardare la ex Jugoslavia?

    29 ottobre 2010 | #

  3. Francesco scrive

    Roberto Calderoli è nato a Bergamo il 18 aprile 1956, laureato in medicina e chirurgia col voto di 110 e lode, specializzato in chirurgia maxillo-facciale con la lode (altro che odontotecnico). E non dite che sono leghista, sono del PDL e pure siciliano…
    Quanto a La Russa, se lui disprezza i militari, pensa a quelli di sinistra!
    Io so chi sono i Talebani abbastanza bene e sono certo, come anche lo sarà L’on. Palmieri che li ha creati Dio, anche se loro, essendo ignoranti, lo odiano immotivatamente.
    Forza Antonio

    28 ottobre 2010 | #

  4. ROMANA BORGHI scrive

    Ho 76 anni e non capisco,data l’età, cosa vorrebbero certe persone quando dicono che i nostri militari dovrebbero ritonare immediatamente. Certo i morti sono troppi, anche uno sarebbe stato troppo, Ma non si tiene conto che facciamo parte della NATO,dell’UE ? Ed alle direttive di queste dobbiamo attenerci senza se e senza ma. Che farebbe l’Italia da sola se si defilasse? La saluto cordialmente Romana

    24 ottobre 2010 | #

  5. Nicola scrive

    Il problema è a monte. Questo governo, nella persone del min. La Russa, sta trattando malissimo i militari. L’ultima vile coltellata alla schiena è stata l’abolizione della 241/90 per i soli militari. E’ l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso. Prima delle bombe sugli aerei è importante che il militare e la sua famiglia siano trattati con dignità. Questo governo (La Russa per primo) ha solo dimostrato disprezzo e disinteresse per la nostra categoria. Io e tanti miei colleghi ce ne ricorderemo volentieri alle prossime elezioni.

    22 ottobre 2010 | #

  6. Edededed scrive

    Egregio On Palmieri

    Spiacente di leggere NON SENSE del tutto BANALI nel suo commento

    1-gli impegni che i nostri MILITARI (formazione molto ambigua) hanno preso, violano la nostra Costituzione (non ancora totalmenbte STRAPAZZATA dal Ruspante On Calderoli..un Ex odontotecnico)

    2-Lei ignora chi sono i TALEBANI e chi li ha creati..

    3-la ZONA dove l’ultimo assalto con le IED si trova, era prima in mano ad altri eserciti..si guardi bene il tipo di VEICOLI (Il LINCE) che avevano in dotazione detti eserciti: il LINCE e’ un **LIGHT VEHICLE** e totalmente inadeguato per il tipo di ESPLOSIVI (vedasi CAPACI) usati..

    4-il Vostro ESERCITO virtuale di PROMOTORI, commette REATI su tutta la RETE, incluso il sollecitare PETIZIONI da una compagnia tecnologica con voi dai tempi di FORZA ITALIA: petizioni (e raccolta DATI) come IMPEACH BERLUSCONI

    Il MODELLO San Martino alla Previti ed acquisti immobiliari, non credo lo dovreste esportare in RETE..e lo fate

    Non credo durerete molto, in RETE ed in PARLAMENTO..a meno che non SABOTITAE e ne avete i MEZZI, la RETE

    No..gestire un Paese non e’ un TALK SHOW MEDIATICO e RISSE, scoops e gossipismi..Mi Spiace

    Cordialita’

    19 ottobre 2010 | #

  7. Franco scrive

    Sono del parere che i nostri soldati debbano avere a lorodisposizione tute le armi utili per difendersi dai nemici, nel nostro caso da coloro che le nostre truppe – guarda un pò -vogliono beneficiare togliendoli dall’ignoranza, dall’arretratezza, dalla miseria e dalla fame. La sinistra si appella alla Costituzione e lo fa contro ogni buon senso, soltanto per affossare il Governo Berlusconi!!. Se gli italiani lasceranno l’Afganistan, se L’America farà lostesso, la situazione per noi occidentali non muterà, peggiorerà: saranno loro a invaderci prima o dopo – come già stanno facendo – per ricondurci nella barbarie. Al riguardo l’IRAN sta costruendo l’atomica!! Cio non ci dice niente? Ma che c’entrano l’Afganistan, i talebani con l’IRAN? C’entrano…,c’entrano!!

    18 ottobre 2010 | #

  8. aurim scrive

    Se stiamo li e ci attaccano ci dobbiamo difendere c’è poco da chiacchie rare. però non credo che in quelle popolazioni tribali si possa inoculare la democrazia all’occidentale per forza. Quindi anche se dobbiamo rispettare
    gli impegni internazionali presi non possiamo non tenere conto del nume ro dei nostri soldati morti fino ad ora che per i risultati raggiunti mi sembrano veramente troppi.

    15 ottobre 2010 | #

  9. Antonio Palmieri scrive

    Se lei preferisce che i nostri militari, che non sono lì per fare la guerra ma per proteggere la popolazione e aiutare i primi passi di una incerta democrazia, siano alla mercè degli attacchi dei terroristi talebani, possiamo pure continuare così. La guerra, alla popolazione afgana e, di conseguenza, ai militari nostri e NATO, la fanno i talebani. Possiamo decidere di restare esponendoci alla reazione dei terroristi che stanno reagendo ai successi della coalizione, possiamo decidere di tornare a casa, abbandonando gli afgani al terrore talebano e galvanizzando i terroristi islamisti di tutto il mondo. Ciò che non possiamo fare è restare lì inermi ed esposti più degli altri agli agguati.

    12 ottobre 2010 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.