Vai direttamente a:

Dalla posta per me/ Questa proprio non la capisco…

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 4 marzo 2011 | Prima Pagina
Mi scrive Renata:
“Qualcuno mi spiega, per cortesia, perché almeno il 95% dei profughi che sbarcano sulle nostre coste ha una media d’età che va dai vent’anni ai quaranta e sono in maggioranza uomini?
Per ogni paese questa categoria rappresenta il patrimonio nazionale, la forza pensante e lavorativa, in Libia, in Tunisia, in Egitto chi ci resta nelle piazze a far la rivoluzione, le madri, i padri, le mogli, sorelle, figli, i nonni? Ma questi non sono i primi da proteggere?
Boh! Sicuramente mi sfugge qualcosa, ma io questa cosa qui non la capisco tanto bene.
Ciao e buona giornata.
Renata.

Commenti

Commenti Commenti (9) |

9 Commenti »

  1. Edda Buti scrive

    Ultima sui tunisini. Da leggere di Sergio Bagnoli “branco tunisino stupra due donne rumene. La Procura lascia gli aggressori in libertà” Penso che lasciando in libertà dei CLANDESTINI delinquenti i magistrati autorizzino quelli che hanno subìto questa barbarie a farsi giustizia. Inoltre quanto puntualizzato oggi dai francesi è indubitabilmente giusto… Dovevano essere fermati prima che arrivassero nel nostro mare.

    25 aprile 2011 | #

  2. pier giuseppe greco scrive

    gentilesig. Palmieri, ho ricevuto i suoi auguri che contraccambio. Devo comunque dirle che sono profondamente deluso, e mi limito nell’espressione, perchè ancora una volta il parlamento ha avvallato un ulteriore e non ultimo aumento di stipendio per voi parlamentari. Ora io con lo stipendio che ricevo non arrivo alla fine del mese!!! mentre voi siete strapagati!!! VERGOGNATEVI. Ma non vi accorgete che siete completamente distaccati e alieni dal’intera popolazione italiana? Vivete in un altro mondo fuori dalla realtà!!! Personalmente vi ritengo tutti, dall’estrema destra all’estrema sinistra, dei ladri, degli sfruttatori del popolo e dei bugiardi oltre che dei vigliacchi perchè, tutti d’accordo, fate passare questi aumenti ingiustificati sotto silenzio. Non ho più alcuna considerazione dell’intera classe politica italiana sia a livello nazionale che regionale e provinciale pertanto NON ANDRO’ PIU’ A VOTARE, e come lei sa io non voto a sinistra.
    Cosa mi dice a proposito? Cestinerà questa mia mail oppure avrà il coraggio di rispondermi?
    Pier Greco

    22 aprile 2011 | #

  3. Edda Buti scrive

    Finalmente ho sentito il giusto appellativo per le migliaia di tunisini arrivati a Lampedusa. Questi sono giustamente “CLANDESTINI” e non immigrati come definiti da telegiornali e giornali. Quindi vanno IMMEDIATAMENTE RIMPATRIATI. Non diamo ascolto a Ue e Cei, le altre nazioni già lo fanno, solo noi dobbiamo pagarne dazio?

    23 marzo 2011 | #

  4. Edda Buti scrive

    Ha ragione aurim, comunque non vi è un solo problema, ve ne sono tantissimi. Oltre al problema sessuale, anche quello delle molte malattie che vengono portate ai nostri cittadini (vdr ritorno della tubercolosi, ecc.). Impossibile elencare quanti possono essere. L’importante è che gli Italiani a un certo punto, non potendone più, si faranno giustizia da soli. Siamo in 60.000.000 di abitanti mentre in Africa hanno spazi immensi da utilizzare. Che si diano da fare per renderli fruibili. Evidentemente non interessa faticare agli africani. Meglio farsi mantenere da noi!!!!!!

    20 marzo 2011 | #

  5. aurim scrive

    Mi meraviglia come nessuna delle tre donne che hanno scritto qualcosa sul problema non hanno sottolineato il fatto che i giovani immigrati come sfogheranno i loro bisogni sessuali? E sopratutto con chi? Forse aumenteranno gli stupri, ma si vede che questo è un “affare” secondario.

    12 marzo 2011 | #

  6. Antonio scrive

    “Stante la differenza tra il fenomeno migratorio e i fenomeni delinquenziali si può asserire una convergenza tra gli stessi poichè il primo è “hunus” dei raccordi e viene favorito dalla pseudopolitica di sinistra che cerca di eludere la politica seria del Governo che la osta sui suoi piani realizzativi e antidemocratici.”

    chi te l’ha scritta questa? e per grazia di Dio, che diavolo è Hunus? il dio egiziano del bunga bunga con le minorenni?

    11 marzo 2011 | #

  7. anna maria baldocchi scrive

    Stante la differenza tra il fenomeno migratorio e i fenomeni delinquenziali si può asserire una convergenza tra gli stessi poichè il primo è “hunus” dei raccordi e viene favorito dalla pseudopolitica di sinistra che cerca di eludere la politica seria del Governo che la osta sui suoi piani realizzativi e antidemocratici.

    7 marzo 2011 | #

  8. Edda Buti scrive

    Oltre alla protezione dei loro famigliari, giustamente negata, come possono pensare di trovare lavoro in Italia? Ma chi prendono in giro? Sanno perfettamente che saranno lautamente mantenuti da noi (cibo, alloggio, sigarette e carte telefoniche, il tutto gratuito e a nostre spese) e successivamente andranno ad incrementare le fila della malavita. Ma io penso che gli Italiani preferiscono che vengano aiutati nei loro paesi, e non rischiare di dare la nostra Patria in mano ai mussulmani. Siamo una nazione sovrapopolata, specialmente la Lombardia, mentre in Africa hanno spazi enormi.

    6 marzo 2011 | #

  9. anna maria baldocchi scrive

    Infatti non si capisce bene, specialmente gli uomini in quella fascia di età dovrebbero rimanere nel loro Paese a combattere e non lasciare i propri cari per arrivare qua. Questa invasione potrebbe essere davvero un pericolo, non possiamo permetter loro di venire così a pioggia nella nostra penisola. La gente è esasperata, bisogna che qualcuno intervenga.

    4 marzo 2011 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.