Vai direttamente a:

Dalla posta per me: Perchè la fiducia alla Camera?

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 8 ottobre 2008 | Prima Pagina

Logan mi scrive (nel primo commento la mia risposta):

La scelta di votare la fiducia mi lascia perplesso.
Infatti, o al Senato non ci saranno variazioni, oppure il testo dovrà tornare di nuovo alla Camera.
Nel primo caso (assenza di variazioni), tanto valeva allora avere un po’ più di tempo per discutere alla Camera eventualei emendamenti e correzioni e poi porre la questione di Fiducia, e immediatamente porla anche al Senato sul testo in arrivo dalla Camera.
Nel secondo caso (variazioni al Senato) il testo dovrà comunque tornare alla Camera.
Non capisco la tempistica.

Potrebbe sorgere il sospetto che la fiducia sia posta per ricompattare la maggioranza, ma francamente non ne capisco il perché visto l’ampio scarti di Deputati di cui dispone.
E’ possibile avere quaklche delucidazionwe?
Grazie

Commenti

Commenti Commenti (1) |

1 Commento »

  1. Antonio Palmieri scrive

    Come ha ricordato ieri il ministro Vito, il punto è che un decreto legge ha 60 giorni di tempo per essere convertito in legge. Questo decreto scade il 31 ottobre. Da qui la fretta. Al Senato il testo non sarà toccato. Le principali variazioni e miglioramenti sono già stati apportati alla Camera.

    8 ottobre 2008 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.