Vai direttamente a:

Combattere e battere il terrorismo islamico

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 9 Gennaio 2015 | Prima Pagina

Il terrorismo islamico si batte:
1. Sul piano militare agendo nei Paesi dove combattono e si addestrano i terroristi.
2. In Italia e in Europa con attività di intelligence, di prevenzione e di repressione mirata; 
3. Sul piano culturale essendo orgogliosi delle nostre radici culturali e religiose; 
rinunciando al politicamente corretto; 
essendo consapevoli che questi terroristi non sono l’Islam ma sono un pezzo dell’Islam.

Commenti

Commenti Commenti (135) |

135 Commenti »

  1. giuseppe muru scrive

    Per combattere il terrorismo, la forza delle armi non è sufficiente. Puoi uccidere il nemico ma non le sue idee, anzi se uno viene considerato un martire, dopo la sua morte altri seguiranno le sue gesta. Quello che si deve fare è sconsacrarne l’immagine. Demolire il suo spirito, come facevano i coloni americani con gli indiani, che preferivano essere uccisi piuttosto che umiliati, magari col taglio dei loro lunghi capelli. Basta guardare le religioni per capire in che modo si può demolire il loro credo. Io come esperto in matteria so per certo che quando un individuo uccide un suo simile, nell’aldilà non avrà il premio sperato, anzi sarà tormentato per l’eternità. Non sono un prete, ne un religioso quindi non parlo per sentito, ma solamente per aver avuto dei contatti con degli spiriti che hanno commesso atrocità. Per nessuna cifra al mondo ammazzerei un mio simile quello che ho visto mi ha sconvolto. Ora se queste esperienze (tramite dei bravi medium) con provata esperienza, venissero documentate, è divulgate state sicuri che nessuno più oserà ammazzare un altro essere. Documentari, film, e quanto altro sparati in continuo sui social vincerebbero sulle armi. Certo se non credete a un futuro (dopo la morte) riderete di questo metodo. Però ricordatevi che chi si fa saltare in aria lo fa perché crede nella forza del suo spirito legato a Dio. Tra l’altro stupidamente si fanno giudici di Dio, come a voler dire che loro sono superiori a lui stesso, diminuendone la sua immensa potenza.

    13 Giugno 2016 | #

  2. ETTORE scrive

    Caro Palmieri per quanto riguarda l’islam poichè legge e religione sono uguali dovremmo richiedere di rispettare la nostra tradizione giudaica cristiana quando vengono in Europa per immigrazione politica, economica, altrimenti rimangano nei loro paesi. Per quanto riguarda decreto Cirinà dobbiamo bocciarlo totalmente per essere almeno il partito in Europa che difende la famiglia fatta da padre madre perchè ne hanno diritto i bambini. Siamo diventati ininfluenti nel governo se passerà Cirinà le assicuro che spariremo, iniziando da me, purtroppo

    30 Gennaio 2016 | #

  3. RICCARDO scrive

    Gent. Onorevole,
    Non mi sembra che il Cavaliere sia stato trattato molto bene da Renzi. Lui e’ stato sodomizzato pirma da ” oscar luigi”, poi da re giorgio , poi da ” angelino” ( ed e’ pure disposto a perdonarlo)ed oggi da Renzi con la votazione di Mattarella. Il dubbio mi assale: siamo sicuri che il Cav. non sia troppo CREDULONE e dia fiducia a troppi che se ne approfittano? I fatti sottolineano proprio qs aspetto che NON DEPONE CERTO A SUO FAVORE. Penso che abbia perso la grinta con il passare degli anni….

    31 Gennaio 2015 | #

  4. Wanda Spagnuolo scrive

    Sono d’accordo su quanto hai scritto, ma queste posizioni rimangono, per così dire, tra noi, e non arrivano forti e chiare agli italiani come posizione di FI e questo è un problema, perché la sensazione della gente è che solo la Lega si stia battendo contro l’invasione islamica. Da quando Berlusconi è stato violentemente “silenziato” i nostri deputati e senatori sembrano presi da altri interessi. Per esempio a Lecce sta per realizzarsi una Università islamica, non si capisce finanziata da chi, ma il partito è silente. Probabilmente verrà Salvini a farsi portavoce delle preoccupazioni di cittadini. Non sono cotanta.

    26 Gennaio 2015 | #

  5. Luigi S scrive

    Antonio caro, solo due parole, viste le 100.000 altre dette dai nostri normopensanti, come me. Hai condensato in tre punti, fatti capitali ed essenziali che dovrebbero contraddistinguere una Democrazia vera e che sa difendersi! Sono con te.

    20 Gennaio 2015 | #

  6. Gian Pietro scrive

    Ora anche il Belgio, dopo la Francia, si “goda” i frutti avvelenati del “buonismo ed accoglienza ad ogni costo”. Di primo istinto mi verrebbe da dire che se lo sono meritati, visto che è un Paese che sta rinunciando alle proprie tradizioni, ai propri usi e costumi, alla propria religione (hanno proibito di scambiarsi gli Auguri di Buon Natale, il presepio, le canzoncine natalizie, hanno permesso l’eutanasia), poi invece la ragione mi dice che forse i Belgi e la stessa Europa è meglio che si sveglino dal torpore in cui sono caduti. Se ci sono religioni non compatibili con la nostra democrazia, è bene che vengano messi dei paletti. Da qualche anno a questa parte, gli attentati di matrice religiosa compiuti in Europa, tutti, dico proprio tutti, sono stati compiuti da terroristi che inneggiavano ad Allah. Ora non ditemi che questo è un caso. Certo non bisogna fare di ogni erba un fascio, perché ci sono milioni di mussulmani che vivono in pace, però, forse c’è qualcosa che non va. Io vorrei sentire in modo forte e chiaro i Mussulmani di tutta Europa prendere le distanze dai fondamentalisti con una grande manifestazione. L’Europa, con la sua inerzia e il suo “buonismo ad ogni costo” si sta suicidando. D’altronde quel “benedetto” buonismo non ce l’ha mica ordinato il medico. Meditiamo, gente.

    16 Gennaio 2015 | #

  7. Saverio scrive

    Il terrorismo islamico si batte automaticamente se noi cominciamo a dimostrare di saper scegliere una buona politica prima per il nostro paese (L’Italia).
    Dobbiamo pensare a moderare la democrazia … nel nostro paese, la libertà va severamente custodita, vi sono troppi soggetti che lanciano benzina sul fuoco, l’unione europea va revisionata totalmente perché così è soffocante per le culture individuali, uniti ma ognuno a casa sua con le proprie abitudini e principalmente con la propria economia.
    Con la macchina della giustizia così funzionante non possiamo insegnare niente a nessuno, siamo il paese più incivile D’Europa, ogni giorno dimostriamo di non saper custodire accuratamente il benessere che ci è stato consegnato. Se siamo più seri Il terrorismo islamico si batte da solo.

    15 Gennaio 2015 | #

  8. Giuseppe scrive

    Egr. On.
    sono completamente d’accodo con Lei, tuttavia ritengo che nel nostro paese sia molto difficile attuare quanto afferma. Prima di tutto perché qui si tende sempre di più a distinguere tra un Islam moderato ed uno radicale, l’Islam é l’Islam e il Corano loro guida principale afferma principi che non sono assolutamente conciliabili, con quelli del momdo occidentale derivati in primo luogo da quelli della Rivoluzione Francese. Che poi ci siano islamici i quali non seguono le regole del Corano é vero e sono certamente molti e dai quali penso che non ci sia da temere. Ma per contro ci sono interi stati tra i quali in primis l’Arabia Saudita, gli Emirati arabi, l’Iran e molti altri del medio oriente i quali navigano nell’oro per la produzione del petrolio, che hanno regolamenti interni degni del più oscuro medio evo, in contrasto marcato con la nostra civiltà e che certamente finanziano i gruppi terroristi, stati con i quali noi e tutto il mondo occidentale ha rapporti di dipendenza a causa della necessità di reperire materia prima per l’energia per cui ben difficilmente si potrà combattere il terrorismo delle bestie islamiche. Quella distinzione tra Islam moderato ed Islam radicale penso che sia un antico retaggio comunista quando i comunisti italiani distinguevano tra un comunismo sovietico ed un comunismo italiano. Anche qui sostengo che il comunismo é comunismo ovvero marximo leninismo ed abbiamo visto come esso si é comportato negli anni in Unione Sovietica, in Cina, a Cuba nella Corea del Nord ed in quei paesi che lo hanno provato o lo stanno ancora provando. Non é mai esistito un comunismo all’italiana se non nella propaganda criminale che ha sempre fatto e della quale paghiamo ancora le conseguenze. Se l’Italia é a pezzi lo dobbiamo a quel retaggio, la medesima cosa é il generale atteggiamento nei confronti dell’Islam. Vorrei sentire gli italiani gridare “aux armes, citoyens!” , ma é una speranza vana!
    Cordialmente.
    Giuseppe Cippitelli

    14 Gennaio 2015 | #

  9. Federico scrive

    Un pezzo dell’Islam? Direi piuttosto il corrispettivo dei nostri satanisti!

    13 Gennaio 2015 | #

  10. FRANCO scrive

    DAL CORANO:
    Esortazione ai Credenti, versetto 93.

    Se Dio avesse voluto, gli uomini avrebbero costituito un’unica comunità e adorato un unico Dio.
    Ma Egli guida chi vuole e chi vuole allontana da Lui, spingendo sul Sentiero dell’Errore.

    Nel Giorno del Giudizio, ogni uomo risponderà a Lui delle azioni compiute nella vita mortale.

    NB: (Perciò i Terroristi di qualsiasi Religione saranno Giudicati da Lui).
    ——————————————————————————————
    THE KORAN:
    Exhortation to Believers, verse 93.

    If God had wanted, the men would form a single community and worshiped one God.
    But He guides whom He pleases, and those who want to move away from him, pushing on the Path of Error.

    On Judgment Day, every person will respond to him the deeds done in the mortal life.

    NB: (So the terrorists of any religion will be Judged by him).
    ————————————————————————–

    القرآن الكريم:
    موعظه لالمؤمنون، الآية 93.

    إذا كان الله قد أراد، أن الرجال يشكلون جماعة واحدة ويعبدون إله واحد.
    لكنه يهدي من يشاء، وأولئك الذين يرغبون في الانتقال بعيدا عنه، ودفع على طريق خطأ.

    يوم القيامة، فإن كل شخص يستجيب له أفعال القيام به في الحياة البشرية.

    (لذا الإرهابيين من أي دين سيحكم عليه وسلم).

    13 Gennaio 2015 | #

  11. bbruno4 scrive

    Caro Onorevole,

    ho provato di postare queste righe sul blog di Forza Silvio, dove si invita a commentare le riflessioni dell’ On. Vito e di Berlusconi sui fatti di Parigi: ma ogni bvolta la risposta è stata: SALVATAGGIO NON RIUSCITO- Praticamente il commento non è passato. Mah.

    Lo scrivo qui:

    Caro Presidente,

    riferendosi ai fatti di Parigi, lei parla, come tutti, di atto ‘ terroristico ‘.

    Non qualificandolo come ‘ islamico’, lei è certamente dell’opinine che il vero islamè quello moderato.

    Leggo nel Corano:

    “Allah AMA quelli che arrivano fino ad UCCIDERE per la SUA CAUSA” Cor.61/4.

    Domanda: Che moderazione vede lei in questa affermazione??

    13 Gennaio 2015 | #

  12. Piero scrive

    Egregio Sig. Palmieri
    Io sono stato un grande estimatore di Berlusconi, e tuttora lo stimo , ma se siamo nei casini in cui siamo con l’immigrazione e’ anche colpa del PDL attuale che dorme sonni profondi. Mi dispiace non vi votero’ piu, sembrate collusi con i comunisti che con il nazismo e l’islam sono il male assoluto

    13 Gennaio 2015 | #

  13. Beniamino Sassi scrive

    Purtroppo già qualche tempo addietro precisai che Forza Italia non sa ascoltare. In quella occasione proposi che tutti gli immigrati, al momento del loro ingresso nel nostro paese, devono sottoscrivere una dichiarazione di adesione totale ai nostri valori, ai nostri principi etici ed alle nostre leggi. Che peccato: invece di Forza Italia la proposta l’ha avanzata Grillo insieme ai suoi accoliti. Naturalmente, ora, per non sposare la tesi di Grillo, avanzeremo altre ipotesi. Peccato!

    12 Gennaio 2015 | #

  14. Casimiro Fumagalli scrive

    Quello che è successo a Parigi per me è opera dei servizi segreti francesi e forse anche degli USA. Mi spiego: un obbiettivo sensibile era poco protetto, hanno parlato di un commando di professionisti altamente preparato, ma uno perde una scarpa (si va ad un attentato con le scarpe da ginnastica?), sbagliano indirizzo e vanno prima al n. 10 e poi accortisi dell’errore vanno al n. 6 (o viceversa), si attardano a dare il colpo di grazia ad uno a terra e ferito, mentre fuggono hanno 2 scontri a fuoco che le forze dell’ordine francesi, uno dei terroristi perde la carta d’identità. Tutto questo sarà durato circa 20/25 minuti. I giornalisti francesi fuggiti sul tetto immagino che abbiano telefonato alla polizia, Parigi non ha un traffico molto scorrevole, ma i servizi segreti non hanno avuto il tempo di mettere posti di blocco? Non hanno avuto il tempo di fare alzare in volo degli elicotteri? I terroristi erano ben noti ai servizi segreti, ma sono riusciti a sfuggire ad ogni controllo. Eppure sono i servizi segreti più preparati al mondo. I terroristi per me sono stati preparati dai servizi segreti grazie ai loro infiltrati che hanno scelto qualcuno poco preparato e poco intelligente, che hanno condizionato nella fuga e nella successiva strage in modo da ucciderli tutti, per scongiurare il pericolo di dichiarazioni e testimonianze compromettenti. LO SCOPO? Alzare il livello di paura e perseguire la strategia della tensione, con la conseguenza di aumenare i controlli e forse fare leggi per diminuire le libertà con la scusa di una maggiore sicurezza. UN ALTRO SCOPO? Riunire in una manifestazione decine di capi di stato e di governo e molte personalità per preparare un maggiore attacco all’Islam ed altro…….
    COME EVITARE IL TERRORISMO? Semplice, non invadere gli altri stati espropriandoli delle loro ricchezze, non esportare la democrazia, non sfruttare ed impoverire le popolazioni dei paesi occupati. Vedrete che il terrorismo sparirà, ovviamente ci sarebbe qualche altra misura da prendere, ma manca il tempo. Inoltre cooperazione con tutti gli stati mantenendoli sovrani e rispettandoli.

    12 Gennaio 2015 | #

  15. Pietro scrive

    Egr. Onorevole:

    Il terrorismo islamico usa modi che da noi verrebbero definiti “mafiosi” in cui è stato elevato a Boss una Divinità e a Padrino un Profeta in veste di mandanti ditutte le atrocità da loro commesse. Infatti si finanziano con riscatto da rapimenti di esseri umani, con minacce, con azioni illegali come invasione di territori allo scopo di sfruttare popoli e giacimenti di petrolio, per tacere di altre azioni ascrivibili a reati, il tutto a favore dei fabbricanti di armi.
    Una cosa mi lascia interdetto: molti emigranti di Fede musulmana perchè vengono da noi? Per sfuggire alle guerre civili volute in nome della loro fede? Per sfuggire alla miseria e alla schiavitù prodotta dalla “Sharia” (legge coranica)? Perché allora troppi di loro collaborano per omertà con i terroristi islamici, non si rendono conto che se si installasse il “Califfato”, in Europa avremmo la stessa miseria e le stesse guerre civili che li hanno fatti fuggire dalla loro Patria? Insomma chi viene da noi e vuole essere ben accolto e tollerato, deve adattarsi alle nostre leggi e non deve pretendere che noi ci adattassimo alle loro (come vorrebbe certa “Sinistra buonista”) Se il nostro modo di essere non piace perché non tornano “a casa loro”? Cosa si aspetta a ripristinare il reato di “Immigrazione Clandestina”?

    Diatinti saluti: Pietro da Pisa

    12 Gennaio 2015 | #

  16. oreste scrive

    In primo luogo va salvaguardata la nostra cultura ,tradizioni ecc.
    Intervenire dove si toglie il crocefiiso,dove non si vuole fare il presepe.
    non acquistare e non frequentare centri commerciali dove non si espongono e non si vendono articoli per il presepe.
    io non entro da anni in IKEA ed RINASCENTE.Boicottare distributori di benzina i cui propietari sono i finanziatori di terroristi od altra forme di boiccottaggio economico,
    In questo caso è la politica che ci deve indirizzare quindi anche VOI.
    Non andare a fare i turisti in quei paesi dove si uccidono i nostri fratelli CRISTIANI.
    ED INTRATTENERE AL MINIMO I RAPPORTI POLITICI ED COMMERCIALI.

    AGIRE E NON SUBIRE

    e
    è

    12 Gennaio 2015 | #

  17. Rita Galvano scrive

    E’ vero e’ ora di finirla con il politicamente corretto ed anche con questo “buonismo” ipocrita e idiota che ci ha portato esattamente dove siamo cioe’ nel delirio totale. Non ci si puo’ integrare con chi vuole la supremazia e con chi vuole solo imporre le proprio idee , difatti dovunque nel mondo stanno distruggendo le chiese cattoliche. E noi che siamo idioti che cosa facciamo? A Milano il sindaco vuole fare una moschea naturalmente con i soldi dei milanesi. Ma che cosa ci vuole per capire chi sono????
    Chiedetelo a chiunque per strada e losa, ma invece i nostri illuminati politici vogliono accettare qualsiasi immigrato sopratutto illegale e pretendono di non mettere nessuno in galera. Ed i presidi nelle scuole tolgono i crocifissi perche possono dare fastidio. Mi stupisco che esista ancora una Italia con tutti questi idioti in giro.

    12 Gennaio 2015 | #

  18. paola scrive

    onorevole Palmieri belle parole le sue ma appunto solo parole non èquestione di essere fedeli alle nostre radici, la questione è che non sappiamo farle rispettare agli altri :il nostro buonismo ci ha portatoa questi risultato. Questi entrano ed escono dal nostro paese come se nulla fosse… provi lei ad andare nei loro pe rvedere se le lasciano tutta questa libertà.nel 2008durante una crociera sono scesa atunisi per una semplice escursione di qualche ora allo sbarco erano con i mitra a controllarc ieprecedentemente abbiamo dovuto compilare una scheda dove volevano sapere tutto di noi non solo le generalità edio mi sono adeguata ci mancherebbe ero a casa loro…devo sentire anche da suoi autorevoli esponenti di partito che “li stiamo monitorando”questisesappiamo chi sono vanno messi in condizione di non nuocere .

    12 Gennaio 2015 | #

  19. Loris Cavallo scrive

    Per me, quando si parla di terrorismo islamico, si parla di persone sfruttate per la jihad, da persone senza scrupolo, tra cui trafficanti, petrolieri abusivi e trafficanti di uomini per gli scafisti sulle nostre coste.
    Penso, che il primo passo da fare, sia chiudere le frontiere a chi di tale religione, e mettere sotto repressivo controllo ogni moschea edificata in Italia, che permette infiltrazioni e massimi esponenziali di ospitanza tra i fedeli delle stesse.
    In secondo luogo, provvederei a facoltizzare le pretese dei criminali per poter trafficare di meno su persone destinate alla morte.

    12 Gennaio 2015 | #

  20. Lucio improta scrive

    Tutto bello e giusto ma quando leggo che la corte di Strasburgo ha ordinato di eliminare i crocefissi dalle aule scolastiche…… Mi cadono le braccia!!!!!!

    12 Gennaio 2015 | #

  21. Delphi Marino scrive

    Sapete chi ha finanziato l’ISIS? Voi leccatori di deretani statunitensi e ora ve lo dico, ma credo che gia’ si sappia. Sono stati gli americani, i bravi americani , i vostri padroni che vi tengono il laccio al collo, per rovesciare il presidente Siriano. Li hanno foraggiati con armi sofisticatissime non solo fucili, ma anche mezzi pesanti per spostarsi. Loro, i terroristi, per ringraziare gli USA, hanno tagliato la testa al primo americano Foley. Prima di pensare a stroncare questo massacro che operano quelli dell’ISIS, pensate di togliervi dalla NATO, ho detto NATO, Associazione a Delinquere, atta a tenere nella gabbia i “partner europei”. Ripeto che semina VENTO, raccoglie TEMPESTA!

    12 Gennaio 2015 | #

  22. Rinaldo SARTORE scrive

    Caro Onorevole PALMIERI, per decidere quale legittima difesa adottare, fatti non aria fritta, basta rileggere Oriana Fallaci e il Corano. Poi prendere atto che se è quasi vero che non tutti gli islamici siano fanatici assassini e terroristi, è verissimo che tutti i terroristi fanatici e assassini sono islamici. A questo aggiungo che il presidente e tutto il c.s.m. il Papa e quasi tutti i sacerdoti con tutti i “sinceri democratici” sono stati e sono ancora complici degli adoratori di Allah. Lor signori hanno abusato della nostra democrazia e oggi non vedo come potremo difenderci e ristabilire la legalità con provvedimenti democratici. Alfano e donna Annunziata hanno definito le bestie assassine “combattenti”. Con questa definizione si sono dichiarati anche loro complici dei terroristi. Quando comincerete voi eletti di FI a schierarvi chiaramente e con parole semplici ma al di sopra di ogni ambiguità e di ogni dubbio. Gli islamici non vogliono integrarsi ma ucciderci, sottometterci e rubarci tutto. Mia moglie ed io siamo iscritti a FI da quasi vent’anni anzi, mia moglie lo è stata; da poco è passata con Salvini ed io ci sto pensando. Salvini non sarà un uomo di cultura ma certamente sono stati i tenutari della cultura italiana a portarci alla disperazione e dovendo scegliere tra la cultura di Salvini e quella dei musulmani, non so lei, ma io non avrei dubbi!

    11 Gennaio 2015 | #

  23. Armando Giovannini scrive

    Sono senz’altro d’accordo sui punti indicati è come aggiunge qualche altro lettore, indispensabile interrompere l’assurdità messa in atto con i traghettamenti e il mantenimento di tutta questa gente di cui non si conosce nulla . È inutile l’assurda affermazione di Alfano : ritireremo loro il passaporto. Ma quale passaporto . Sono assurdità di un personaggio il cui interesse è la poltrona .Aggiungerei l’interruzione dell’accordo di Schengen ed il ripristino di una legge contro l’immigrazione clandestina. Colgo anche l’occasione per dirle che sono molto perplesso sulla decisione del cavaliere di sponsorizzare il sig Prodi . Se così fosse ……..

    11 Gennaio 2015 | #

  24. Luisito scrive

    Caro Palmieri colgo mi permetto, per l’esperienza che ho avuto in materia, di cogliere l’occasione per fare un piccolo punto di situazione che spero possa chiarire alcuni interrogativi che molto probabilmente molti si staranno ponendo in queste tristi e drammatiche ore
    Quello che è successo in Francia è la conseguenza di una politica sulla sicurezza (quella della Comunità Europea non esiste!!) dei singoli Stati europei che rasenta il criminale dato che i politici preferiscono ignorare il problema e nascondere la testa sotto la sabbia come fanno gli struzzi!!
    Le menti eccelse che ci hanno governato e ci stanno ancora governando, da 60 anni a questa parte, sia per demagogia, per lucro e soprattutto per inettitudine, vista la situazione in cui ci troviamo grazie ad una politica dell’accoglienza e del buonismo a buon mercato, non vogliono capire (anzi capiscono benissimo ma fanno finta di non capire) che la minaccia del fondamentalismo islamico coinvolge tutto il nostro continente, senza operare distinzioni tra paesi in base al loro impegno militare in aree di crisi e colpisce allo stesso tempo sia l’Europa che gli Stati Uniti, lasciando così pensare, alla massa, ad un terreno comune all’interno del quale gli alleati occidentali, divisi ormai dai tempi dell’invasione dell’Iraq, possano trovare una strategia unitaria e cooperare per sconfiggere il nemico comune.
    Al momento tuttavia, le due sponde dell’Atlantico non hanno ancora trovato un minimo comune denominatore sul modus d’agire, come dimostrano le varie polemiche ( la BHI. le condizioni dei prigionieri a Guantanamo, l’intervento in Libia ( che grazie a quella mente eccelsa di Sarközy si è offerto il Nordafrica agli integralisti e, per citare un nostro caso, quello dell’imam Abu Omar.
    In Europa lo scenario nei Balcani, dopo la crisi Jugoslava,ha assunto una rilevanza strategica per qualsiasi tipo di politica sulla sicurezza Europea e dell’Italia dato che i Balcani hanno costituito e continuano a costituire lo snodo dei maggiori traffici illegali tra Asia ed Europa, con l’eccezione di alcuni paesi come Slovenia e Croazia, che si sono sempre più qualificati tanto da essere accolti al riconoscimento comunitario; altri, a causa di conflitti interetnici e guerre civili striscianti rimangono pesantemente condizionati da una situazione di persistente vulnerabilità e debolezza dei sistemi istituzionali e socio-economici, con tutte le conseguenze socio-politiche che questi problemi comportano. In questo contesto si sono stabilizzati focolai di diffusa illegalità, con conseguente radicamento di mafie locali ed internazionali, e di enclave islamiche radicali sulle quali agiscono infiltrazioni esterne con sempre più insistenza. Bosnia, Sangiaccato, Albania, Montenegro e FYROM sono stati, in questi anni, interessati da una “re-islamizzazione” che si è sviluppata su due binari paralleli: Il primo fa capo alle istituzioni islamiche locali ed il secondo è coordinato da OnG saudite e di altri paesi del Golfo che investendo non solo nel settore assistenziale ma soprattutto nella costruzione di moschee e scuole islamiche stanno acquisendo, rispetto alla componente indigena, maggiore autorevolezza nei confronti della popolazione islamica. La conseguenza di ciò è la diffusione di una visione più radicale ed estremista del credo religioso che viene diffusa da giovani imam locali ed itineranti formatisi in Medio Oriente grazie a borse di studio elargite dalle stesse OnG. Di solito si tratta di giovani facenti parte del ceto più diseredato con un livello di scolarità basso e quindi facilmente influenzabili e plagiabili.
    In questo ambito l’Islam si muove come una grande OnG: la società islamica pone in evidenza l’aspetto sociale, dove il buon musulmano ha l’oobligo di aiutare i fratelli bisognosi: il debole va protetto, per cui le OnG islamiche subentrano ogniqualvolta lo Stato diviene carente riaffermando la solidarietà e riportando alla ribalta uno dei cinque pilastri dell’Islam: la Zakat (imposta sociale purificatrice).
    Elargendo e quindi soddisfacendo il bene pubblico nelle moschee, scuole, ospedali, cooperative, fondazioni sociali per orfani, anziani, handicappati riescono a manipolare, controllandone i movimenti, migliaia di giovani musulmani, materialmente psicologicamente deboli, che per soddisfare alcuni bisogni psichici essenziali, come il bisogno di sicurezza, di ancoramento, di autorità, d’identificazione, di perfezione e di semplicità, vengono spinti a far parte di un gruppo integralista, al solo unico scopo di fornire al terrorismo islamico, soddisfacendo tutte le domande ed evitando il confronto con altre opinioni, la manovalanza per condurre il Jihad e, di conseguenza, gli attentati.
    A questo punto sorge spontanea una domanda: come mai questo interesse per l’Europa da parte dell’Islam fondamentalista? (Balcani, Italia, Francia, germania ecc: il modo di approccio è diverso dal tipo di società che è stata presa di mira : guerra (Balcani) , immigrazione selvaggia e ventre delle donne (Paesi europei) aiuto alla classe più diseredata sfamandone le famiglie e facendone studiare i figli per occupare posti chiave in un prossimo futuro (Egitto, Libano, Tunisia ecc) Tutto è dovuto a due fattori:
    Le interpretazioni, estrapolate ad arte dal contesto in cui si trovano, dei versetti del Corano e dei fatti contenuti nelle Fonti (Hadith), che costituiscono il Diritto Musulmano Classico con il conseguente travisamento del linguaggio politico dell’islam.
    Il modo d’intendere la divisione del mondo.
    Nell’Islam il diritto (Shari’a), che è estremamente ampio, costituisce la forma di conoscenza per eccellenza, espressione della parola divina e parte integrante di un sistema di norme morali e religiose. Questo diritto che possiamo definire canonico, ha subito, nel corso dei tempi, degli emendamenti, portati da ciascun Profeta che, predicando la medesima tradizione religiosa ma con una Shari’a differente, più confacenti alle condizioni del proprio popolo e della propria epoca, ha fatto progredire la civiltà dei differenti popoli mediante un sempre più alto livello di moralità.
    Il processo si è concluso con l’arrivo di Maometto, l’ultimo dei profeti, il quale ha portato il codice definitivo destinato a tutta l’Umanità e per tutte le epoche a venire; il mondo per quest’ultimo concetto, deve essere musulmano per la qualcosa il mondo viene diviso in due case (Dar): La casa dell’Islam che rappresenta il territorio posto sotto la Shari’a e la casa della Guerra che rappresenta il territorio dove ancora deve essere imposto l’Ordine musulmano e che deve essere conquistato per diventare Islam.
    Per il militante islamico, tra le due Case , esiste un ininterrotto stato di belligeranza, palese o latente( a seconda delle opportunità temporali), imposto dalla Legge religiosa.
    A tale proposito il poliziotto musulmano ucciso in maniera efferata, sicuramente sarà stato un musulmano buono come ha dichiarato il fratello ma per il militante islamico è considerato un apostata perché, in quanto musulmano, è stato “contaminato” dalla civiltà occidentale di cui era un fiero e devoto servitore e, per il Diritto Musulmano Classico, quindi passibile della pena capitale ( unico caso in cui un musulmano può uccidere un altro musulmano) come tutti quelli uccisi nel Califfato dell’ISI.

    11 Gennaio 2015 | #

  25. Mario Marcenaro scrive

    Carissimo Antonio,, solo ieri ho ricevuto i due tuoi messaggi con il primo dei quali fai a tutti noi gli Auguri di Buon Natale, auguri che ricambio di tutto cuore aggiungendo quelli per un Nuovo Anno, che sia portatore una buona volta di pace e non più di tanto odio.
    Per quanto concerne il secondo messaggio, ricevuto contemporaneamente al primo, dichiaro di essere d’accordo con te per quanto concerne la strategia da seguire per contrastare e combattere il terrorismo islamico. Tuttavia ritengo necessario evidenziare e commentare, se me lo permetti, quanto tu scrivi in chiusura del punto 3: “essendo consapevoli che questi terroristi non sono l’Islam ma solo un pezzo dell’Islam”. Mi spiego con l’evidenza dei fatti.
    L’Islam e di conseguenza “tutti” i suoi adepti, nessuno escluso, non possono né devono essere considerati suddivisi in moderati ed estremisti, almeno nel senso inteso da noi Cristiani: è il Corano che non glielo permette, pena la morte. Essi sono obbligati molto energicamente, proprio a pena di morte, a rispettare quanto è materia del Corano a combattere, uccidendo o asservendo al loro credo, tutti gli infedeli, ossia tutti coloro che non si assoggettano, resistendo, alle prescrizioni nel Corano elencate e minuziosamente descritte. Tutto ciò è tanto più vero in quanto quelle coraniche sono leggi inevitabili da chiunque si professi Musulmano, senza nessuna differenza con qualsiasi altra legge politica. Per l’Islam, e tu lo sai bene, il Corano é tutto, e i precetti religiosi del Corano sono la sola legge valida in assoluto. D’altra parte non potrebbe essere differentemente, considerato che Maometto, che avrebbe configurato, prima in sogni fantasiosi e poi da sveglio i precetti del Corano e che li ha trasferiti solo verbalmente come volontà inappellabile, rivelata solo a lui, di un dio degli eserciti contro tutto il suo mondo di gente dei deserti, Maometto dunque ha conferito al suo dio la facoltà di affidargli la sua ferrea volontà e conferirgli l’autorizzazione di dominare il mondo, senza appello, e tutto a vantaggio del suo popolo, almeno così sembra. Si tratta del solito refrain “dio lo vuole”, come il massimo delle imposizioni ricattatorie. Che poi Dio, molto prudentemente, non si pronunci in pubblico, é tutt’altra cosa, anche se avrebbe potuto incaricare della cosa l’Arcangelo Gabriele. D’altra parte basta solo avere letto Corano e Bibbia con un poco di attenzione e di passione, possibilmente in parallelo come ho cercato di fare io, per avere almeno l’impressione che fra Antico Testamento della Bibbia, anche e molto più in particolare fra il Libro del Levitico, il terzo del Pentateuco cioè i cinque Libri della Legge secondo gli Ebrei, ed il Corano, dalla loro lettura emergano tante a tali corrispondenze da pensare che la Bibbia, i Libri per eccellenza del popolo ebraico, sia stata la lettura di ispirazione da cui il Corano è derivato. Se si pensa poi che la Bibbia fu scritta nel corso di circa tredici secoli da scrittori lontani da noi fino a trentadue secoli e che il Corano fu concepito da Maometto circa sei secoli dopo l’inizio dell’era volgare, si può bene immaginare quale tipo di attualità abbia una raccolta di leggi-versetti delle sure come leggi coraniche elencate come valide per genti ed imposte a genti del deserto primitive di migliaia di anni fa. Ciò che però è ancor più esaltante é la enorme differenza di precetti e di prescrizioni fra Antico Testamento, con un Dio degli Eserciti, si clemente e misericordioso, ma con la mania del comando ed autoritario al punto da minacciare la morte, valido evidentemente per il popolo ebraico ma riconfermato per quello islamico, con quello musulmano e quello ebraico sempre in lotta, e quanto è oggetto del Nuovo Testamento, basato su un Dio, origine di comportamenti di fratellanza, di amore e di speranza. Un Dio che, a differenza di quello imposto agli Islamici, chiede il rispetto delle leggi divine, ma che riconosce all’essere umano la libertà del “libero arbitrio”. Parlo qui della Religione Cristiana”, purtroppo contaminata da quando Cristo è vissuto, da problemi connessi con personaggi che hanno utilizzato la parola di Dio, quello del Cristianesimo, per fini tutt’altro che cristiani. In ogni caso, senza essere io Ebreo, da Cristiano sono orgoglioso che un Ebreo sia stato l’artefice della inimitabile svolta dei nuovi rapporti estesi a tutti gli esseri umani con un Dio di amore, di fratellanza e di pace, sentimenti a cui ciascuno, di buona volontà, in qualsiasi luogo della Terre e di qualsiasi credo, aspira. Ad una condizione però. Se c’è qualcuno che desidera o è obbligato a vivere in un ambiente diverso da quello suo di nascita del quale potrebbe essere scontento, non esiste nessun problema, sempre che si impegni a rispettare alla lettera le leggi del popolo al quale chiede protezione. In caso diverso, beh, é meglio che torni là da dove è venuto e se non lo fa, sia gentilmente accompagnato alla porta, senza se e senza ma. Il popolo che lo accoglie non può né deve essere prevaricato da chiede aiuto con la speranza di essere accolto solo per distruggere o dominare chi lo accoglie. Fra l’altro ci sono indubbiamente molti altri aspiranti, con aspirazioni oneste, in attesa di soccorso, senza che chi soccorre sia obbligato a fare ulteriori sacrifici a quelli ai quali si é assoggettato per rendere la situazione della sua nazione desiderabile di accesso e ricovero. Intelligentibus pauca, anche qui “senza se e senza ma”.

    11 Gennaio 2015 | #

  26. Angelo Tartufoli scrive

    Onorevole Palmieri, da noi, una volta, si diceva che correre a chiudere la stalla quando i buoi erano fuggiti sarebbe servito a poco. Oggi la situazione è tale per cui credo che ben poche cose sono ancora possibili. Da un lato dobbiamo pensare alla nostra sicurezza e sarà ben difficile riuscire ad evitare attentati, forse ben più dirompenti di quello di Parigi, dall’altro dovremmo andare a combattere in un terreno che non conosciamo contro un nemico che ormai ha raggiunto una potenza enorme. Se permette io credo che la prima cosa da fare è quella di fare un elenco di TUTTI gli errori che fino ad ora sono stati fatti dai paesi Europei tra cui il più grave è stato quello di fare entrare in Europa un numero di stranieri enorme e non controllato. Che nel numero degli Islamici presenti in Italia ed in Europa si nascondono tranquillamente terroristi lo sanno ormai tutti, forse soltanto il governo è rimasto all’oscuro di ciò. Siamo riusciti a far predicare gli Imam che inneggiano al terrorismo, nessuno si è mai preoccupato di far registrare le prediche nelle Moschee e men che meno di controllare i precedenti di tanti immigrati. C’è chi vuole attaccare l’ISIS militarmente ma non capisco come mai l’ISIS vende petrolio ed incassa milioni di dollari per armarsi molto meglio dell’Italia senza che nessuno abbia fatto nulla per impedirlo. Chi è che compra il loro petrolio? attraverso quali canali lo paga? Come mai non sono stati ancora interrotti i canali verso le banche di Mosul ed altro? Sono anche io assolutamente d’accordo circa il fatto che non tutti i Musumani siano terroristi ma nel contampo vorrei sapere come mai nessun Musulmano, sino ad ora, ha mai denunciato un Imam predicatore di terrorismo oppure aiutato la polizia ad arrestare chi si è affiliato a organizzazioni terroristiche. A quando la richiesta ormai non più procastinabile verso la comunità Islamica di collaborare fattivamente in questo senso? Sono d’accordo sul “vogliamoci bene” ma a me sembra che va tutto bene se noi vogliamo bene a loro e basta. A senso unico. Gradualmente abbiamo rinunciato a molta parte della nostra libertà: dobbiamo stare attenti a come parliamo, a come scriviamo, abbiamo dovuto rinunciare al presepio nelle scuole, al crocifisso, alla carne di maiale nei panini in aereo etc etc. Adesso rinunceremo a Schengen, andremo in giro osservando le facce di chi ci circonda sempre pensando che forse uno di tanti, a caso, può anche esplodere. Staremo in pensiero per i nostri figli che studiano nelle città sempre in attesa della notizia che ci farà dimenticare le Torri gemelle o Parigi perchè molto più grave. Le sembra che le parole di Renzi ed i sorrisini con cui le accompagna siano sufficienti??? Caro Onorevole, sono cosciente che il popolo Italiano NON vi ha delegato ma che in forza di una legge oscena, che peraltro si perpetuerà, solo i partiti politici nominano per nostro conto chi poi pretende di rappresentarci. Vorrei soltanto dirvi che però alla fine anche voi state sullo stesso carro e se non correte ai ripari, quelli seri, il carro si sfracellerà con tutti noi e voi dentro. Le invio i migliori saluti.

    11 Gennaio 2015 | #

  27. Laura Pasini scrive

    Buona sera Onorevole,
    Sono d’accordo con Lei, ma ci vorrebbe una Europa meno buonista, ipocrita e burocratica. Ci vorrebbe, come peraltro per risolvere i molteplici problemi che affliggono l’Europa per quanto concerne la sicurezza in generale, più attenzione alla sicurezza dei cittadini, velocità nei processi e certezze delle pene . Inoltre le espulsioni per i soggetti non desiderati, perché spesso si tratta anche di soggetti pericolosi ,dovrebbero avvenire rapidamente e senza indugi. Meno commessi in parlamento a €200’000, — l’anno, meno macchine blu inutili, e polizia meglio addestrata e armata. Cordialmente, Laura

    11 Gennaio 2015 | #

  28. Guido scrive

    SONO PERFETTAMENTE D’ACCORDO CON QUANTO EVIDENZIATO DA TE. tuttavia RITENGO CHE LA PREVENZIONE DA PARTE DEGLI IMAN NELLE MOSCHEE SIA DETERMINANTE. cIò SIGNIFICA CHE DEVONO RIBADIRE IN OGNI CIRCOSTANZA CHE IL CORANO PUNISCE SEVERAMENTE CHI UCCIDE PER ODIO O PER VENDETTA E CHI SI MACCHIA DI DELIDDI SE NON PER DIFESE FINIRà ALL’INFERNO, IN MODO CHE FIN DA BAMBINI GLI ISLAMICI SI EDUCHINO ALLA TOLLERANZA E NON ALLA VENDETTA. cHI NON LA PENSA ALLO STESSO MODO E NON RISPETTA TALI REGOLE DEVE ESSERE PUBBLICAMENTE ESPULSO DALLE MOSCHEE E ADDITATO COME TRADITORE DEL CORANO.

    11 Gennaio 2015 | #

  29. © FRANCO scrive

    “Not every silver lining.”

    After this tragedy took place in Paris,
    Europe will understand now, that will be reasonably undertaken to protect its citizens honest taxpayers, of every religion and origin.

    Europeans already believe, that the EU policy is more important in the Monetary Union.
    First of all, the Brotherhood of Man Intelligent.

    At first the family; Parents and children who are the future of Europe itself.
    Who is exploited to make the Terrorist, he does the will of Halla, but for the “god” Money received from someone in the flesh, a (hand with the devil), who wants to rule the world.

    =====================================================

    ” Non tutti i mali vengono per nuocere “.

    Dopo questa tragedia avvenuta a Parigi,
    L’Europa ora capirà, che sarà ragionevolmente impegnata a proteggere i suoi cittadini onesti contribuenti, di ogni Religione e provenienza.

    Gli Europei credono già, che l’Unione Politica è più importante dell’Unione Monetaria.
    Prima di tutto la Fratellanza Umana Intelligente.

    Al primo posto la Famiglia; Genitori e Figli che sono il futuro dell’Europa stessa.
    Chi è strumentalizzato a fare il Terrorista, non lo fa per la volontà di Hallà, ma per il “dio” Denaro ricevuto da qualcuno in carne ed ossa, a (braccetto con il diavolo), che vuole il dominio del mondo.

    11 Gennaio 2015 | #

  30. Aurimquattro scrive

    Manca il n4 che io completerei la lista con “acquisto di kalaschnicov” e uccisione di più terroristi possibile e come si avessero altri reclutamenti giù ancora fino a fargli passare il vizio. Ora basta con il buonismo generico e con le aperture che fanno male solo all’Europa, all’Italia e a tutti noi. Stoppare l’assalto alle nostre coste ed allontanamento coatto di tutti quelli che la sinistra direttamente e gli altri compreso FI in silenzio hanno concesso.

    11 Gennaio 2015 | #

  31. Massimo A. Lencioni scrive

    Poco da dire ancora, iniziamo a fare qualcosa con il punto “1”, Nigeria ed ISIS, il fondamentalismo in generale, non può essere libero di esprimersi così come sta facendo, uccidendo e distruggendo intere comunità. Concordo con i diversi punti espressi da Bellantone ()82)

    11 Gennaio 2015 | #

  32. Luciana scrive

    da un amico:
    rispondi tu all’on.Palmieri dicendogli che la prima cosa da fare è chiudere l’operazione “Mare nostrum” o come diavolo si chiama adesso e spedire invece le nostre navi vicino alle coste da cui partono le navi dei cosiddetti “migranti”, al fine di intercettare e riportarle indietro da dove partono.

    Non si può fare? E allora anche il resto è solo fumo negli occhi!

    Palmieri ha solo fatto una lista di pii desideri e di cose inattuabili! Invece chiudere quella idiozia suicida chiamata “mare nostrum” (nostrum? Ci prendiamo in giro da soli!) si può fare subito e a costo negativo (nel senso che ci si guadagna pure).

    FI si batta perché si faccia e forse riguadagnerà qualche voto.

    Furio

    11 Gennaio 2015 | #

  33. Riccardo scrive

    Gent,Onorevole. in Italia si assiste ad un fenomeno globalizzato perseguito dalla maggior parte delle amministrazioni comunali: qs signori sono prodighi di luoghi comuni sella solidarietà’ e l’accoglienza sviluppata sulla pelle dei cittadini italiani.Si fa tutto per proteggere qs comunità’ gli si danno case popolari alla faccia di chi è’ in lista da anni, gli si da precedenza negli asili e per gli italiani non c’è’ posto e devono rivolgersi alle strutture private, carissime. Qs signori non pagano biglietti su treni metro e tram ma se un italiano viene beccato senza biglietto allora la multa sacrosanta scatta immediata.Lei dice di controllare ma io dico di impedire che il ns paese sia invaso senza che le ns vedette vadano a ritirare i profughi a casa loro. Mi piacerebbe vedere una presa di posizione da parte di F.I che fino ad ora ha latitato ed ha fornito solo pannicelli tiepidi senza una vera strategia di forza e di convinzione.Saluti, Riccard

    11 Gennaio 2015 | #

  34. bbruno4 scrive

    … ah, già, ma noi che abbiamo inventato Marenostrum (!) e ora Tritone, come potremmo questi trasportati chiamarli ‘CLANDESTINI’ se ci siamo dannati l’anima e (dissanguati) ,per portarli a casa nostra? E come si sarebbero potuti salvare e trasportare se come ‘clandestini’ (da:’clam’ latino. nascosto ) non si sarebbero nemmeno potuti vedere??? E allora un’altra proposta: tante navi sul mare nostro , ognuna battente bandiera delle 25 unità che fanno la grande EU, e poi, seduti a dividerci le spoglie in parti proporzionali e secondo la capacità contributiva di ciascuno! Sarebbe una gara a barare, vista la grande risorsa che rappresentano!

    11 Gennaio 2015 | #

  35. Maria Luisa scrive

    Sul piano CULTURALE,dimostrandoci ORGOGLIOSI della nostra appartenenza religiosa.
    NO ad ELIMINAZIONE DI CROCIFISSI o altri SIMBOLI RELIGIOSI.
    NOI SIAMO CRISTIANI… e dobbiamo manifestarlo,sempre rispettando anche coloro che appartengono a religioni diverse dalla nostra.
    NO AL POLITICAMENTE CORRETTO DELLE SINISTRE !!!
    SI ad attività di INTELLIGENCE, DI PREVENZIONE E REPRESSIONE MIRATA CON COINVOLGIMENTO DELL’EUROPA LATITANTE anche PER QUANTO RIGUARDA L’IMMIGRAZIONE.
    SILVIO DEVE TORNARE ALLA GRANDE, ED è ora che la sinistra SI RASSEGNI LE HA PROVATE TUTTE PER ABBATTERLO …MA LUI RISORGERA’ …
    SILVIO SEI TUTTI NOI…

    11 Gennaio 2015 | #

  36. Marina scrive

    Caro Palmieri,il problema è che è una religione ferma al Vecchio Testamento ,a Abramo, i primi Libri e dopo Maometto non ha subito aggiustamenti come fece e fa la Chiesa cattolica, revisioni anche.Io l’ho letto, il Corano, per loro è sacro e secondo me e altri fra i quali la Magli il nostro errore è giudicare l’Islam con la mentalità occidentale, così non capiremo mai.Chi si immola per Allah va più rapido in Paradiso.E’inutile ad esempio parlare di viltà, orrore, per la bimba kamikaze.Sono giudizi occidentali.I suoi genitori saranno fieri perché è stata scelta per il sacrificio in nome di Allah.Quelle vignette, per le quali è stato richiamato Voltaire, che si rivolta nella tomba lui mai ha ridicolizzato i capi religiosi ma il potere clericale occidentale,, erano di pessimo gusto, spesso oscene su un capo religioso da loro venerato come da noi Cristo, solo che noi cristiani ci prendiamo gli schiaffi e pure ne godiamo, loro no.Quindi quello che è successo era logico, alla luce del pensiero islamico.
    La libertà di espressione qua ,secondo me, non c’entra niente ed è comunque del pensiero occidentale, non la puoi applicare a tutti prendendotela perché non capiscono!
    Oggi qualcuno comincia a considerare quelle vignette stupide,offensive e inopportune, ieri sembravano tutti i disegnatori dei Daumier!
    Hanno anche disegnato papa Benedetto, un grande teologo che stimo molto, che sbavando abbracciava una guardia svizzera dicendo:-Finalmente libero!-
    A me non fa ridere e credo manco a Lei, e un vero cristiano avrebbe dovuto almeno protestare se credesse davvero che quello rappresenta Cristo ,ma siamo cristiani per modo di dire.Quindi giusto restare nei nostri valori ma cerchiamo bene di capire quella Civiltà, come è stata nel passato e come è oggi e regoliamoci.Quanto all’altro Islam, gli islamici “moderati” –che secondo me sono quelli che hanno ancora bisogno dell’Occidente-dovrebbero dimostrarlo cancellando pubblicamente dal Corano le 123 sure che chiedono la distruzione degli infedeli e la promessa a chi interviene personalmente, di un biglietto rapido per il paradiso di Allah.Noi siamo dei mollaccioni disincantati che prendiamo il Vangelo un pò come ci pare, loro no!Tutto il discorso buonista del “dialogo” con loro non ha senso.Ecco le sure e vi pongo una domanda: dato che il Corano è la parola di Allah, che il Profeta Mohammed (la Pace sia su di Lui) altro non è che il diligente redattore del Libro e che dovere di ogni buon musulmano è applicare quanto scritto sul Corano (e non interpretarlo, si badi bene), è mai possibile un “Islam moderato”?
    Secondo me no.E allora perché perdiamo tempo in chiacchere buoniste, che nascono dalla nostra Civiltà che niente ha a che fare con la loro?Perché nessuno chiede loro di cancellare queste sure?

    :

    11 Gennaio 2015 | #

  37. giuseppe talamo atenolfi scrive

    Il politicamente corretto con tali figuri non puo’ servire che a dare impressione di debolezza ed incapacita’ di reazione. Ho apprezzato l’azione Francese che anche se dura e dolorosa per le perdite civili, ha dato un messaggio ben forte di risolutezza: chi sbaglia paga. E’ necessario cancellare la spinta propulsiva determinata da successi ottenuti. Devono cominciare a capire che hanno difronte popoli che non si lasceranno sottomettere.

    11 Gennaio 2015 | #

  38. bbruno4 scrive

    Riccardo, visti i precedenti, mi pare facile prevedere che F.I. , quando arriverà Renzi, giggionando, e ciuinga in bocca, a decidere per lo ius soli con cittadinanza connessa, per meriti di conquista, ovviamente ( via mare via terra via aria…), F.I , con Silvio in testa, per alto senso di responsabilità- perché non si può andare a votare nella data situazione di catastrofe ( creata proprio per il troppo senso di responsabilità?….) – si adeguerà; o, per stare alla sua immagine, si ‘rassegnerà’ a reggere la coda al Giggione Nazionale. Ma responsabilità verso chi??? Un partito non deve RISPONDERE prima di tutto ai suoi elettori, adeguarsi al pensiero dei suoi elettori, quelli già in saccoccia e quelli da conquistare??? Non dimentichiamo i precedenti: con Maroni, governo Berlusconi, ci fu la più grande sanatoria in un colpo solo che ricordi (700.000 regolarizzati)….; Maroni , Governo Berlusconi, allestì il più grande Campo di Accoglienza di Europa, vantandosene, quello di Mineo; Berlusconi, dopo aver appoggiato Monti – a cui ha ceduto il Governo ( per senso di responsabilità, ovviamente!)- appoggia Letta, che ci sbatte in faccia come Ministra la famosa ‘mangiatrice di banane” Kashetù Kyenge, italiana davvero D.O.C…. e adesso che motivo avrebbe di non sostenere il Giggione Toscano, nella sua scelta illuminata di chiamare italiani tutti quelli che arrivano – a nostre spese – sui nostri lidi??? Volete che sopporti l’accusa di nemico dello straniero, lui che di ‘stranieri’ ha riempito il suo Milan? di nemico dei musulmani, lui che con la sua azienda ha il 25% del capitale di NESSMA, il primo canale di itrttenimento rivolto al mondo arabo? lui che si si è sempre dichiarato amico del sultano di Turchia Erdogan e pronto a caldeggiarne la sua entrata in Europaa???

    Perché Berlusconi con F.I. non si fa promotore almeno almeno di una proposta di legge tipo quella che vige nel Regno Unito, per la quale vale il principio che chi entra illegalmente clandestinamente nel paese MAI potrà avere la possibilità di accedere alla cittadinaza inglese e nemmeno a una presenza regolarizzata sul territorio??? E tale legge non ostacola certamentee i buoni affari con gli Arabi, o col mondo musulmano, se è questo che interessa a BERLUSCONI!

    11 Gennaio 2015 | #

  39. gallo giovanni scrive

    sarò sinteticissimo.- le sue proposte a commento suggerito sono, l’ABCB della politica.- Ma da molti anni tutto è costruito al contrario da coloro che gestiscono il potere.-

    11 Gennaio 2015 | #

  40. Filippo Totino scrive

    http://www.totino.it/wordpress/?p=122

    11 Gennaio 2015 | #

  41. Adriano scrive

    Sul piano militare ritengo sia impossibile battere degli estremisti che sono pronti a sacrificare la propria vita .Se si pensa inoltre che il pericolo più imponente è l’Africa che si stà islamizzando al 100% portarvi la guerra è praticamente assurdo. Credo invece che si devrebbe coinvolgere l’ONU (ammesso che l’ONU esista vedi i marò in India) per attuare sanzioni o interventi militari contro quegli stati (Katar???) o quegli sceicchi i cui figli portano soldi ed armi e la loro presenza nelle file dei terroristi Non si dovrebbe comprare più niente che provenga da questi stati tagliando così il flusso di denaro che alimenta il terrorismo. Per quanto riguarda la prevenzione e repressione si deve prendere esempio dagli Isdraeliani:distruggere tutte le case dei “martiri”e deportare le mamme i fratelli ii figli e tutti i parenti del terrorista (perchè non potevano non sapere).Riguardo al punto 3 sono perfettamente d’accordo nel rinunciare al politicamente corretto :la mia idea è che non esistano islamici moderati poichè sono tutti conniventi se frquentano le moschee e sanno o fanno finta di non sapere altrimenti denuncerebbero tutti gli imam fondamentalisti.Credo che sarebbe interesse degli Islamici combattere le serpi che hanno in seno altrimenti l’odio raziale ricadrà su tutti indistintamente.Mi viene un dubbio:Se i martiri che vanno in paradiso trovano 12 donne vergini le martiri donne cosa trovano?

    11 Gennaio 2015 | #

  42. Giacomo scrive

    Onorevole Palmieri,leggo dal dibattito articolate sfumature atte a cercare una qualche giustificazione agli atti terroristici militarmente organizzati.Premetto di non essere una persona votata al martirio o dedita alla violenza raziale o religiosa, oggi le mie convinzioni vengono spinte dal vento della vendetta facendo nascere nel mio cuore sentimenti di ribellione a fronte di queste barbarie.Bisogna combatterle militarmente attaccando le loro roccaforti distruggendo ogni fonte di loro finanziamento eliminandoli dalla faccia della terra,solo avendo il coraggio di portare avanti queste azioni potrà dare la possibilità ai nostri figli di vivere a casa loro in libertà e sicurezza

    11 Gennaio 2015 | #

  43. Daniele scrive

    Ci sono alcune domande da porsi a proposito dei terribili fatti francesi:
    A) Chi ha interesse al che l’ISIS prosperi?
    B) Chi finanzia l’ISIS?
    C) Da dove arrivano le armi che usano?
    D) Come mai l’Occidente non invia la un robusto corpo di spedizione e distrugge tutte le installazioni militari del Califfato?
    E) Come mai non si provvede a chiudere il flusso di immigrati preventivamente onde prevenire l’entrata dei miliziani dell’ISIS?
    F) Non sarebbe ormai il caso di setacciare anche le nostre periferie e vedere di che vive questa gente e se del caso rimandare a casa loro quelli che danno sospetti?
    Mi sembra che oramai è il caso di svegliarsi, non vi pare?

    11 Gennaio 2015 | #

  44. Ben Bellantone scrive

    Caro Palmieri, nessuna difficolta’ a sottoscrivere i suoi punti 1-2-3 ed aggiungerei 4- dar fine a mare nostrum, la piu’ grande stronzata fatta dal governo appaoggiato da Alfano e co.; 5- estradare, senza possibilita’ di appello, chiunque commette un crimine in Italia; 6- controllo di tutte le moschee in Italia imponendo un osservatore a tutti i riti religiosi con chiusutaimmediata ed espulsione dell’Imam che predica odio; imporre alle Moschee di dare lezioni sulla nostra cultura e tradizione; istituire una commissione che risponda solo alla Presidenza del Consiglio e che giudichi chiunque e’ in Italia e commette un reato.
    E se mi permette Le vorrei solo chiedere perche’ accettiamo che i sinistroidi in telesione ed in altre pubbliche trasmissioni spesso senza neanche accusarli di mentire e dimostrando la verita’. Quando abbiamo ragione dobbiamo farci sentire anche se ripetitivi e non permettere ai sinistroidi di accusarci senza ragioni. Io sono di Forza Italia dalla prima ora e tale rimango per convinzione anche se di errori ce ne sono stati e per le tante cose belle fatte non ci siamo mai saputi difendere abbastanza da raggiungere gli elettori arrivando persino a perdere quelli che avevamo. Silvio e’ grande, con tutti i suoi errori, ma e’ stato spesso lasciato solo. La sinistra ha cercato di distruggerlo e non ci e’ riuscita, ma lo ha azzoppato e tutti noi abbiamo il dovere di farlo risorgere ed alla grande. Basta con le piccolo menti…… AD MAJORA.

    11 Gennaio 2015 | #

  45. Delphi Marino scrive

    Ho letto con estremo interesse il 90% dei commenti, piu’ tardi leggero’ tutti gli altri. Tutti INTERESSANTI, ma c’e’ un MA, e vi dico il perche’. Inutile scandalizzarsi per quello che e’ successo a Parigi e dintorni, certamente c’e’ dolore per tutte le vittime, ma pensateci un momento. Qualcuno ha detto che il Corano contiene “passi criminali” cioe’ invita a uccidere gli infedeli. Vi pare strano cio”? a me NO! Cosa ha fatto la Chiesa CRISTIANA per …diciamo un 5-8 secoli, ho detto secoli, non giorni. Ebbene la dolcissima, giusta, perfetta Chiesa Cristiana ha messo al rogo milioni di persone, anche religiosi come Savonarola e Giordano Bruno, fatti bruciare lentamente mentre le cornacchie nere pregavano. A cosa sono servite le Crociate? Non ve lo chiedete? Hanno ucciso qualsiasi persona “araba” che passava davanti a loro e hanno RUBATO per portare a casa il bottino cioe’ alla Chiesa. Cosa hanno fatto in Sud America, chi praticava la propria libera religione che loro consideravano “pagana”e non volevano abbracciare la cristiana? Li uccidevano. Quanti ne hanno buttato nei fiumi con la pietra al collo? Tantissimi. Quanti ne hanno smembrati, legando le gambe ad un cavallo che andava a nord e le braccia legate al cavallo che andava a sud e poi fatti correre e il malcapitato o malcapitata, veniva totalmente smembrata. Morte estremamente orribile. Anche la madre di Copernico che raccoglieva erbe per fare decotti per le donne che stavano dando alla luce il proprio figlio e lenirne i dolori, volevano bruciarla perche’ considerata “strega”, ma il Re che proteggeva Copernico mise le cose a posto e fu salvata. Quindi, cari lettori, chi semina vento……raccoglie tempesta. Ora il mondo occidentale raccoglie la TEMPESTA che per secoli ha imposto all’Africa e Medio Oriente, trattando le popolazioni come schiavi e portando a casa tutto il possibile e arricchirsi, come la Corona d’Inghilterra che ha il diamante piu’ grande del mondo rubato in Sud Africa nelle miniere dove lavoravano solo i neri e tutti i giorni gli facevano i Raggi X per vedere se ingoiavano qualcosa di prezioso. Dopo pochi anni morivano di cancro, ma chi se ne fregava, di negri, l’Africa era piena. In Australia, dove io vivo, 100 e piu’ anni fa, i bravi preti cattolici, rubavano i figli appena nati o piccolissimi alle mamme aborigene per darle alle coppie inglesi sterili, ormai non venivano piu’ gli schiavi ma solo militari e civili, quindi ancora oggi va avanti la diatriba della “Stolen Generation”. I preti sono secoli che vanno in tutto il mondo a fare proselitismo. Io, con la mia famiglia e mio figlio, era abbastanza piccolo, abbiamo abitato in Medio Oriente, Avevamo amici sunniti e shiti e maroniti. Si era tutti amici, nessuna donna andava velata. Ma i bravi americani bombarda di qua, bombarda di la’, fa comunella con Paesi Arabi per il petrolio e tengono le donne senza istruzione perche’ non devono saper ne’ leggere ne’ scrivere e non possono guidare la macchina. Ma aggrediscono altri Paesi musulmani alle porte della Russia e sapete PERCHE ! Perche’ gli USA, che hanno dato, ai neri, diritto al voto e frequentare le scuole fino all’Universita’, solo nel 1960, dopo 400 anni di SCHIAVITU’. Poveri italiani, leccatori di deretani statunitensi. Siete delle PECORE. Ripeto, hanno seminato VENTO? E ora raccolgono TEMPESTA. Loro non fanno come gli americani, non aggrediscono Paesi Occidentali, loro mettono sui barconi donne e ancora donne incinte e con bambini, poi raggiunta l’Italia ne fanno altri 6 o 7 e fra vent’anni, cari italiani…..sarete tutti MUSLIM!. Dite grazie a quel buffone deficiente di nome RENZI, al Mare Nostrum e al Vaticano, dove il Papa blatera tutti i giorni dicendo che siamo tutti FRATELLI. Saranno fratelli del Papa, non miei.

    11 Gennaio 2015 | #

  46. Salvatore scrive

    Il terrorismo, secondo il mio modesto parere, si combatte prima di tutto prendendo le distanze da piccoli partiti come ” SEL ” e RIFONDAZIONE COMUNISTA ” per quanto riguarda il nostro Paese, visto i trascorsi ed anche i presenti con personaggi politici già coinvolti come Massimo D’Alema, in Libano, ed altri che vennero coinvolti nel caso Ocalan ecc. ecc., L’Europa intera o quella dell’Unione, dovrebbe ridimensionare l’entrata di extracomunitari e dire basta agli sbarchi, soprattutto adesso che viviamo in questa difficile situazione e non dare credito alle parole di una incompetente e senza cervello come Laura Boldrini che andrebbe immediatamente cacciata e diffidata da fare politica. L’Europa dovrebbe fare l’Europa e pensare più agli interessi delle nazioni comunitarie che a vendersi per una mangiata di fabbriche e cinicamente tralasciare la dignità dei suoi cittadini. Certo, l’Intelligence va rafforzata in tutti gli stati membri e mettere le organizzazioni nelle posizioni ideali da poter dialogare e passarsi prima le informazioni e poi agire in maniera chirurgica. Si dovrebbe cominciare a distruggere l’economia terroristica cominciando da basso perseguendo seriamente i falsi venditori abusivi che vendono merce contraffatta cui ricavati è noto vanno alle organizzazioni terroristiche, fare rinascere la giustizia perseguendo quelli che stanno nei mercatini a vendere merce rubata e ricettata col benestare della sinistra. Disintegrare le organizzazioni malavitose che occupano le case dietro ricatti, minacce e compensi in danaro, Rimettere i controlli su chi affitta e compra case, rafforzare le Ambasciate e Consolati nelle nazioni più a rischio di terrorismo con uomini e donne validi per una intelligence capace e che darebbe i suoi frutti, ritirare gli Ambasciatori del patto comunitario quando una nazione è ritenuta ostile e prendere immediate distanze bloccando loro ogni genere di merce ed altro, far ritornare la Marina Militare e l’Aeronautica nei ruoli che gli aspettano e ristallare i radar, ridare la politica e per finire, basta con i giochetti di parole e col politichese, un politico davanti alla nazione deve dire cose chiare e serie, e non fare alla Renzi che parla bene e razzola male, aspettiamo di riscattare la nostra italianità e forti e solidari con i nostri amici europei

    11 Gennaio 2015 | #

  47. Giuseppe Cavoto scrive

    Caro Antonio, credo che non sia sufficiente organizzare in Italia e in Europa una attività di intelligence e di prevenzione. Il fenomeno dell’estremismo islamico è stato e sarà sempre più grave ed imprevedibile. Neppure credo che sia possibile attuare una politica più efficace di integrazione o di dialogo interreligioso. C’è una assoluta ed invalicabile incompatibilità di posizioni tra cristianesimo ed islamismo, come la storia secolare insegna.
    Ciò che occorre è sollecitare con forza e determinazione la creazione di una speciale organizzazione europea, dotata di servizi di polizia altamente qualificati, capace di individuare i terroristi islamici presenti in Europa e neutralizzarli e soprattutto di impedire che abbiano libero accesso nei nostri Paesi.
    Occorre inoltre a livello legislativo europeo introdurre misure che consentano di far valere un principio fondamentale nel mondo del diritto noto con il nome di principio di reciprocità, che i musulmani disconoscono: se nel Paese da cui provieni non sono tollerati i cristiani e le loro chiese, non hai diritto di pretendere il contrario in Italia o in Europa, quindi non hai quivi diritto di ingresso. Se chiedi ospitalità in Italia o in Europa dovrai garantire il rispetto assoluto dell’ordinamento del Paese che ti accoglie, pena l’immediata espulsione. Sarei anche dell’idea di promuovere un registro di carico e scarico di tutti gli esplosivi, con possibilità di sequestro penale immediato di quelli non registrati e giudizio per direttissima dei violatori, in modo di prevenire o quanto meno limitare gli attentati terroristici. Se ciò è stato possibile per le armi, lo zucchero e per le uve, non credo che sia impossibile per la dinamite e gli esplosivi in genere.

    10 Gennaio 2015 | #

  48. pier luigti scrive

    Carissimo Antonio in un paese governato da chi non ha il consenso del popolo ed agisce per cavoli suoi
    quali leggi ci tutelano. Come ex sottufficiale ho giurato fedeltà alla Costituzione non a chi non la osserva.
    Pertanto cominciamo ad avere rispetto per i nostri connazionali ed a togliere le mele marce. Basta con questo tipo di governo !

    10 Gennaio 2015 | #

  49. MARTINO COLUCCI scrive

    2. In Italia e in Europa con attività di intelligence, di prevenzione e di repressione mirata;
    vanno stroncati sul nascere, stop alle immigrazioni di qualsiasi tipo.
    LEGGE MARZIALE e PENA DI MORTE per le stragi terroristiche.

    10 Gennaio 2015 | #

  50. stefano scrive

    sono pienamente d’accordo, dobbiamo essere orgogliosi di essere italiani e difendere la nostra cultura e le nostre tradizioni. non dobbiamo accettare tutti, ma solo chi viene per lavorare formarsi un famiglia e rispettare le nostre regole e la nostra cultura, altrimenti se ne tornino al suo paese.

    10 Gennaio 2015 | #

  51. Maria Grazia scrive

    Caro Antonio, è vero quello che dici, ma è anche vero che una politica intelligente sul mercato petrolifero poteva prevedere nel tempo lo strapotere arabo e l’arricchimento unilaterale, la dipendenza dell’Europa e del mondo rispetto al petrolio. Sottovalutare o non interessarsi delle religioni in nome di un ateismo dilagante è stato un errore grave, come anche il non sottolineare mai abbastanza l’importanza della persona. Su questi temi- religioni come diritto inalienabile, persona e risorse alternative- si deve battere molto di più. Oggi gli abusi sulla persona sono veramente troppi, si uccide senza pensare, tra questa civiltà e gli orrori di tutte le epoche non c’è differenza. Lo svendere le radici cristiane dell’Occidente rinnegando la storia è stato un colpo mortale nell’agire quotidiano. Una Europa debole è stata preda di tutte le ideologie, l’ultima la gender, ma anche una mentalità finalizzata al denaro ha svenduto nel PArlamento Europeo le radici culturali degli stati membri. C’è poi lo sfruttamento reale per motivi economici dei Paesi del terzo mondo, che rimangono sempre in sottosviluppo. Insomma, una mancanza colossale di giustizia, perché solo il denaro conta. Oggi questi islamici dietro la bandiera della religione portano avanti gli interessi dei ricchi arabi, sulla pelle di poveri musulmani a cui viene raccontato il Corano. Quando si parla poi della importanza delle religioni, non dobbiamo tacere che non sono tutte uguali, e che solo la pace e la presenza di Dio fanno la differenza. In tutti i casi, nessuno deve offendere gli altri, anzi, se c’è religione gli altri si rispettano, non si irridono,questo per rifarmi al recente massacro di Charli Hebdo, anarchici che scrivevano di tutto contro gli altri. Non si deve prendere in giro nessuno, è vilipendio alla religione, ma neanche ovviamente sparare. Bisogna che ci sia una azione mondiale in questo senso, da raggiungere per via diplomatica.

    10 Gennaio 2015 | #

  52. DAVID LUCIANO scrive

    SE VERAMENTE È COME DICE IL MONDO MUSULMANO CHE SUOLO UNA PARTE SI INCLINA PER IL TERRORISMO CHE NON CONDIVIDONO NIENTE DI QUELLO CHE SUCCEDE, ALLORA, LORO STESSO DEVONO FARGLI LA GUERRA , NON NOI .
    DOPO, IO STESSO DICO A QUESTO TERRORISTA , CHE SONO VIGLIACCO ,COBARDE , UN SOLDATO LOTTA CONTRO UN ALTRO SOLDATO, NO CON CIVILI, UN SOLDATO NON VIOLA UNA
    BIMBA DI 4 ANNI, O LA VENDE PER ESSERE VIOLATA, O TAGLIA IL COLLO AD UN CIVILE CON LE MANI LEGATE .CHE CLASSE DI BASTARDEO SONO , AL MUNDO MUSULMANO, IO CHIEDO
    A LORO CHE VOI STESSI GLI FA LA GUERRA , E LI AMMAZZI COME QUELLI SI MERITANO , E FACCIAMO VEDERE CHE VERAMENTE VOI STANNO CONTRO QUESTO ATTI TERRORISTICI

    10 Gennaio 2015 | #

  53. Luigi scrive

    «Con il nuovo millennio è ripreso il conflitto che segnò il primo e il secondo millennio cristiano: quello tra Cristianità e Islam. Si tratta di una guerra radicalmente asimmetrica, che ha la forma dello scontro tra una religione e uno Stato, tra la potenza tecnologica e il suicidio martiriale, tra scelte individuali e diffuse e organizzazione concentrata. Motivato in forme religiose, il conflitto dell’Islam è soprattutto contro la civiltà tecnologica e i rapporti sessuali, sociali, economici che essa comporta e che influenzano il mondo musulmano non più in forma religiosa, da cui l’Islam si può difendere con la coercizione, ma occupando l’immaginario dei popoli musulmani, offrendo loro un modello di vita in cui non sussistono più le regole etiche della società, ma tutto è affidato alla scelta individuale. La società tecnologica insidia il mondo musulmano sul piano del costume, delle regole, delle scelte, offre una alternativa rispetto alle norme che vigevano nelle tribù arabe del VII secolo, codificate nel Corano. L’Occidente si trova esposto di fronte a una sfida, che riguarda la sua identità, posta da un’altra identità. Si tratta di una sfida storica impensata, che non ha precedenti e che trova stranamente, nella tradizione rivoluzionaria dell’Occidente, nella sua forma post-marxista, una complicità obiettiva. Ma non solo: dopo la fine della seconda guerra mondiale le stesse Chiese cristiane hanno pensato l’espansione mondiale del Cristianesimo come una colpa e hanno perso la coscienza della loro storia come identità e come valore. Ciò che chiamiamo “nichilismo” è la coscienza dell’uomo europeo in rivolta contro la propria storia e in particolare contro la tradizione ebraica, greca e romana, fuse e innalzate dal Cristianesimo in una sintesi che ha realizzato la più grande forma civile della storia umana. La principale forza su cui fa leva l’offensiva islamica contro la Cristianità è proprio il nichilismo europeo, considerato come la rivolta della coscienza europea contro la propria identità e la propria storia.» GIANNI BAGET BOZZO – RAFFAELE IANNUZZI

    10 Gennaio 2015 | #

  54. Giovanni scrive

    caro On.Non facciamoci illusioni,l’Islam ha sempre mirato a conquistare l’Europa,una volta è stato fermato alle porte di Vienna.Ora ha due strategie parallele:mandare migranti disarmati bambini e donne e uomini che si riprodurranno a raffica ,in 30 anni avranno il controllo del Parlamento e faranno le LORO leggi.L’altro il terrorismo che ci convincerà alla loro cultura.Poichè credo che chi ha il potere sappia dove sono le basi di addestramento e i loro capi,bombardamenti a oltranza come a Desdra nel ’45, controllo satellitare dei porti di partenza delle navi e se non autorizzate impedire partenza come si fa con gli aerei.Io come Pilota quando andavo nei loro paesi,mi adeguavo alla loro cultura;e pretendo lostesso da parte loro!Un saluto cordiale Giovanni

    10 Gennaio 2015 | #

  55. Gianfranco Bondanini scrive

    Credo fermamente che il “buonismo” a senso unico, ovvero in direzione degli afroasiatici sia stato il peggior male che potevamo fare all’Italia e agli Italiani. Sarebbe ora di smettere questo Taffazziano modo di fare politica e di fare accoglienza, anche perchè nel frattempo i VERI bisognosi sono diventati molti Italiani che da classe media sono finiti nella povertà assoluta e lo Stato non aiuta loro, ma continua a spendere patrimoni per portare a casa ingrati, che mai si integreranno considerandosi superiori a noi.

    10 Gennaio 2015 | #

  56. Antonietta Pullano scrive

    Vivi e lascia vivere…portare avanti questo principio di vita, importante per tutti.
    Stiamo tornando inesorabilmente indietro.
    Da Antonietta Pullano

    10 Gennaio 2015 | #

  57. anna maria baldocchi scrive

    Lei onorevole ha centrato il punto, condivido pienamente!

    10 Gennaio 2015 | #

  58. bbruno4 scrive

    non c’è rimedio alcuno per una società un tempo cristiana che ha rinnegato così radicalmente la fede sua di un tempo per fare propri tutti i dogmi della modernità negatrice di Dio, per non sentirsi sorpassata dai tempi!. In questo rinnegamento della fede cristiana e in questa adozione della nuova fede della modernità il vaticano II- vero consilium impiorum ( dal punto di vista cristiano ) ha giocato un ruolo decisivo. Il tutto espresso senza equivoci nella famosa dichiarazione d’ intenti dell’iniziatore di quel concilio: Apriamo la chiesa (!) al mondo!
    Ma contro questa ribellione si alza da sempre la Vendetta di Dio (“A me appartiene la vendetta! Io darò la retribuzione… È terribile cadere nelle mani del Dio vivente” (Ebrei 10:30, 31), come sulla Gerusalemme prevaricatrice alla quale Ezechiele annuncia la giusta ‘retribuzione’: “gente ribelle siete …Viene la fine, la fine viene su di voi; ecco, viene..vi darò in preda agli stranieri…vi scaglierò addosso i peggiori tra i popoli, e si impadroniranno delle vostre case, e umilieranno la vostra superbia e tutto quanto vi è caro sarà profanato….!”

    E’ la storia sacra che continua, perché tutta la storia sta nelle mani di Dio. Nonostante quelli di Charlie Hebdo e quelli tutti che si dicono Charlie!

    10 Gennaio 2015 | #

  59. giuseppe scrive

    Salve,un ringraziamento ad Antonio Palmieri per l’opportunità di iteragire con altre persone.
    Ho letto il talmud ,il Corano ,leggo la Bibbia ( e sento la necessità di continuare a leggere per capire sempre meglio.)
    Devo dire che ne Mosè ,ne Gesù Cristo ,ne Maometto sono venuti per fondare una religione.
    Le religioni le hanno fondate gli uomini per il tornaconto di pochi a spese dei milti.
    Islam in arabo significa sottomissione a L’UNICO DIO ,Musulmano significa credente a l’unico DIO . ALLAHA è il nome di di DIO in arabo YHWH è il nome di DIO in aramaico ,lingua con cui è stato scritto il vecchio Patto, Yave’ o Geova è sempre il nome di DIO scritto nelle bibbie Greche ,per assonanza del termine YHWH dell’aramaico.
    Da tener presente che il nome di DIO “YHWH” ( IO SONO COLUI CHE SONO ) Che in arabo significa ALLAH ( lingua in cui fù scritto il Corano ) anche gli ebrei e cristiani di lingua araba chiamano ALLAH il loro DIO.
    Nel Corano, Cristiani ed ebrei, vengono chiamati gente del libro e sono considerati fratelli nella fede nello stesso DIO (CORANO,III,64-69) Nel Corano si parla di Gesù Cristo come figlio di Maria concepito per opera dello Spirito Santo ( Corano III,42-59),solamente che Gesù è uguale ad Adamo ( l’unica differenza è questa ) .Siccome ,sia gli ebrei che i cristiani hanno deviato la vera fede (hanno usato la religione per il proprio tornaconto ) ecco che ebrei e cristiani diventano infedeli ,cioè gente da combattere,perchè hanno abbandonato la retta via.
    Questo ci porta ad affermare che gli orrori ,le guerre ,gli assassinii le atrocità che avvengono tra queste religioni ,non sono dovute DIO ,ma all’avidità ,,al potere ed ad ogni sorta di malvagità di pochi uomini senza scrupoli , che vogliono dominare su molti
    Gli ebbrei hanno rinnegato Cristo ,hanno estromesso i palestinesi dalla lorov terra (sono stato in Isdraele e ho notato quello che avveniva) ,i cristiani nei secoli si sono macchiati dei peggiori crimini,basta pensare alle crociate ,alla inquisizione e al fatto che il posto di DIO è stato preso dalla madonna e dai santi ,con un sincretismo religioso dei vari culti pagani , è successo che anzichè la chiesa cristianizzare i pagani sono stati i pagani a paganizzare la chiesa. I fatti di parigi sono avvenuti non per uno scontro tra religioni ma per la natura criminale di chi ha sparato, ma soprattutto per la criminalità di chi sta dietro e finanzia tutto questo. Avete notato che questo fatto di Parigi ha distolto l’attenzione dei popoli da un problema ancora peggiore quale è la recessione economica? gcarbotti2007@libero.it

    10 Gennaio 2015 | #

  60. Mario scrive

    L’ipocrisia buonista di certa sinistra italiana ed europea,che determina una politica estera sbagliata,favorisce di fatto gli estremisti criminali islamici.

    10 Gennaio 2015 | #

  61. DAVID LUCIANO scrive

    1 – FARE GUERRA AI TERRORISTI È INUTILE, IL MONDO……. TERRORISTA È GRANDE CHE PENSI L’USA. SALVIAMO NOSTRI MILITARI
    2 – IO PENSO ALL’ITALIA, PER EUROPA CHE ESSI PENSINO, PERCHÉ ESSI NON PENSANO A NOI, LA PREVENZIONE DI LA NOSTRA FRONTIERA , CHE VEDANO NOSTRI MILITARI, OGNI PERSONA CHE ARRIVA, DI QUALUNQUE COLORE O RELIGIONE, ALLA NOSTRA NAZIONE, DEVE AVERE, DOCUMENTI IN ORDINE, SCANSIONE PER INTELLIGENZA , A CHE VENGONO, DI TURISTA, BENE, QUANTO TEMPO E QUANTO DENARO PORTANO. A LAVORARE, BENE, OTTENNERO GIÀ LAVORO?,NO, BUONO QUANTO DENARO PORTANO, SE NON HANNO, DEVONO AVERE QUALCHE PARENTE CHE DIVENTI RESPONSABILE PER QUELLO.Questo non È Essere Razzista, È Controllare la Nostra Casa, Se Un Uomo Arriva Dall’Italia, Senza Controllo, Se Documenti, Senza Denaro, Con Famiglia, E Senza Lavoro, E Nessuno Che lo Tuteli, Quella Persona Sicuro Al 100 percento Che Ruba.IL GOVERNO IN QUESTI MOMENTI NON SI PUÒ FARE CARICO, PERCHÉ AVENDO ITALIANI CHE SI SUICIDANO PER NON POTERE PORTARE IL PANE A LA CASA, NON È GIUSTO CHE IL GOVERNO EGLI DI DI MANGIARE UN STRANIERO. E NON SONO RAZZISTA, MA CI SONO PAESI CHE GLI ITALIANI RIMASERO SE LAVORI E LO DEPORTARONO.
    3 – SU LA CULTURA, LA RELIGIONE, ED EDUCAZIONE, NON SIAMO UGUALI, ESSI AMMAZZANO CATTOLICI, VUOLE DIRE, CHE NON PENSANO MAI COME NOI, VIOLANO BAMBINE DI 4 ANNI, LI VENDONO, CHE CULTURA È QUELLO.
    4 – PENSO CHE SE VERAMENTE, IL MONDO MUSULMANO, È UNA PARTE DI ESSI CHE SONO COME DICONO CHE NON CONDIVIDONO NIENTE DI QUELLO CHE SUCCEDE CON TERRORISTI, LORO STESSI LO DEVONO FARE LA GUERRA AI MALVAGIO, INETTI E VIGLIACCI CHE SI ACCATTIVANO DI ESSERE SALDATO QUANDO TAGLIANO IL COLLO AD UNA PERSONA LEGATA DI MANI, SONO VIGLIACCI, PIACCIONO LORO LA LOTTA, DEVONO FARLE CORPO A CORPO, COME VERO MASCHIO.

    10 Gennaio 2015 | #

  62. LAURA GARDA scrive

    Onorevole Palmieri, sappiamo tutti quali potentati economici vi siano nel mondo arabo: ricchezze favolose dovute principalmente al petrolio di cui il mondo intero ha bisogno. I potenti emirati potrebbero da tempo avere eliminato il terrore di queste fasce appartenenti al cosiddetto Islam “cattivo”. Come mai non lo hanno fatto? Se vi sono popolazioni disagiate a giustificare l’emigrazione in occidente dovrebbero essere i ricchi emirati a distribuire la ricchezza che si godono da soli. Il fanatismo religioso non appartiene agli arabi ricchi, ma ai poveri, facilmente indotti a credere che sia giusto uccidere in nome del Profeta e che infiltrarsi nelle nostre terre sia una missione da compiere per la quale saranno premiati, in terra e in cielo. Mantenere nell’ignoranza queste fasce di popolazione, impedirgli di evolversi, di rispettare le donne e non considerarle funzionali ai loro bisogni è un modo per tenerli asserviti e obbedire, in ogni momento e in ogni luogo, a comandi che provengono da fonti insospettabili. Smettiamola di raccontarci le favole. L’Islam potrebbe eliminarci fra 5 minuti.
    Se finora non è accaduto è perché ancora non fa parte dei loro disegni, ma ci hanno in pugno. E tutto questo è accaduto per l’idiozia del buonismo che, anche nel nostro paese, ha creato un degrado ad ogni livello di vita civile. Sappiamo tutti chi sono i nostri “buonisti”. Votiamoli anche la prossima volta.
    Sempre con stima
    Laura Garda

    10 Gennaio 2015 | #

  63. Edda Buti scrive

    Egregio On. Palmieri sono sicura che questa tremenda esperienza non sposterà nulla sulla mentalità dei nostri politici. Purtroppo il falso buonismo caldeggiato da tutta la sinistra porterà sul nostro suolo milioni di individui che vogliono venire per essere da noi mantenuti. E naturalmente fra questi importeremo anche i novelli prossimi terroristi. E anche se non terroristi vengono solo per essere prepotenti, come già visto in moltissime occasioni, con impossibilità di fare un elenco.

    10 Gennaio 2015 | #

  64. Antonino scrive

    Finiamola di prenderci per il culo e guardiamoci allo specchi ogni tanto.

    10 Gennaio 2015 | #

  65. zoilo scrive

    dopo aver letto l’articolo di Piero Ostellino è difficile scrivere qualcosa di originale. Provo pertanto a fare una proposta stile Charlie. Mi piacerebbe che qualche migliaio di donne, così vessate da quella ideologia islamica, si recassero tutte insieme a torso nudo e con il seno al vento davanti alla più grande moschea di Parigi, per far capire la nostra differenza culturale e il nostro credo liberale. Una foto del raduno farebbe il giro del mondo e provocherebbe più danni nell’estremismo islamico di una guerra. La rivoluzione in quel mondo potrà avere successo soltanto se la faranno le donne.

    10 Gennaio 2015 | #

  66. Nadia scrive

    Le dice niente la notte di San Bartolomeo?

    10 Gennaio 2015 | #

  67. FRANCO scrive

    Gentile On. Palmieri,

    Evito di ricordare Crociati, Templari e Castel Sant’Angelo, per non annoiare il Lettore.
    Persone Degne e Indegne esistono in tutto il Pianeta, come impiegati e lavoratori, Degni e indegni del loro Posto di Lavoro.

    Secondo la mia opinione:
    Questi “TERRORISTI” sono giovani, come siamo stati noi che amavamo e (ancora amiamo la nostra Patria). Essi al contrario, sono cresciuti in Società e scuole, in contrasto alle Radici dei loro Genitori.

    Giovani che non hanno mai acquisito la Vera cultura Islamica e quella Cristiana, compresa la Storia del Mediterraneo, con i suoi pregi ed errori.

    A mio parere; Essi non sono nemmeno “Un pezzo dell’Islam”.
    Sono giovani ILLUSI dell’ONNIPOTENZA con la sete di Vendetta Storica, sicuramente strumentalizzati …. forse…. e, non mi stupirei dall’ Occidente.

    Nel 1990 ho operato in IRAN nei pressi dell’antica capitale Isfahan. Ho conosciuto colleghi e le loro famiglie ospitali. Fedeli nel loro credo e, non apparentemente.

    Basandomi sulla Scienza della Fisica :”PER OGNI AZIONE, ESISTE UNA REAZIONE” e, ricordandomi le raccomandazioni dei miei Superiori; “Pensare sempre alle Conseguenze prima dell’ AZIONE”.

    Tutti coloro che, in nome di Dio uccidono i Suoi Figli, non sono degni di meritarsi la Libertà.

    Se il Continente europeo, si unirà Politicamente, e avrà una banca-dati di tutti i Cittadini, sarà così in grado di controllare le Frontiere e difendersi dagli intrusi pericolosi.

    10 Gennaio 2015 | #

  68. giuseppina parisi scrive

    se vogliamo la libertà ..dobbiamo anche essere consapevoli che non possiamo professare tutti la stessa religione…..ognuno è libero di scegliere….ma dobbiamo imparare a rispettare anche chi non ha fatto la nostra stessa scelta religiosa (che non incentivi la violenza)….condanno ogni tipo di terrorismo, ma credo che non dobbiamo dare spazio a provocazioni gratuite che non hanno niente a che vedere con la libertà ma possono innescare (soprattutto nei giovani) meccanismi di rivalsa estrema che mettono a rischio la vita persone innocenti .

    10 Gennaio 2015 | #

  69. Luisella scrive

    bisogna NON dimenticare le parole di Papa Francesco che siamo di fronte ad una terza guerra mondiale che , a differenza delle precedenti, viene combattuta su diversi fronti uno dei quali è il Mediterraneo. Che cosa si vuole fare? Affondare le carrette del mare piene di profughi siriani così abbiamo risolto il problema (tanto è una azione militare giustificata da stato di guerra)- Oppure ricordarci dei tanti, che durante l’ultimo conflitto, sono stati salvati dai campi di concentramento e quindi dalla morte anche con altissimi rischi personali dai nostri nonni/genitori?
    Il terrorismo lo abbiamo sempre avuto in “seno” finanziato da molti di varie bandiere. Come non ricordare dei campi di addestramento dei nostri Brigatisti Rossi in Libia negli anni 70?
    E le armi ai paesi arabi chi le vende?
    Consiglio di rivedere un bellissimo film di Alberto Sordi “fin che c’è guerra c’è speranza” sull’argomento.
    Pensare di essere in guerra è dolorosissimo, i nostri genitori ne portano ancora le ferite.
    Bisogna lottare contro chi semina terrore in tutte le sue forme.
    SIcuramente come dice l’On Palmieri dobbiamo essere orgogliosi delle nostre radici culturali occidentali per il politically correct (ipocrisia del tutto made in USA).

    10 Gennaio 2015 | #

  70. Giuseppe scrive

    Salve sig. Antonio, io sono molto drastico e dico che non esiste mussulmano che non abbia gioito, anche senza manifestarlo, per i fatti che si sono succeduti negli ultimi 10/15 anni, dall’11 settembre ad oggi, passando per Londra e Madrid. Cosa stiamo facendo? Dove stiamo andando? Dove ci stanno portando? La tolleranza non paga, e non sono razzista, bisogna agire drasticamente ed al più presto possibile prima che sia troppo tardi. Io non me ne intendo di politica internazionale, ma posso dire che se c’è qualcuno che minaccia casa mia e la mia famiglia, mi difendo con tutti i mezzi possibili. Basta, è ora di reagire prima che arrivino nelle nostre case.

    10 Gennaio 2015 | #

  71. Angela Cocchi scrive

    Gentile onorevole,
    sono d’accordo con Lei ,ma Forza Italia o il PDL quando governavano non hanno fatto niente per impedire questo disastro.Pensavano solo a litigare,dimenticandosi dei problemi della gente.Avrebbero dovuto ascoltere di più le persone.Anche adesso,nonostante la grave situazione in cui versa il paese,i deputati e i dirigenti pensano solo alle loro poltrone.
    Il popolo della Destra è amareggiato e deluso.
    Per quanto riguarda la nostra Civiltà, sono molto preoccupata; sento solo tante chiacchiere.
    La saluto cordialmente

    10 Gennaio 2015 | #

  72. Gianacrlo Gallani scrive

    Gli avvenimenti di Parigi sono realmente tragici. Ricordo a tutti cche Orianna Fallaci ci aveva messo in guardia ma credo che pochi haano letto i suoi scritti. Mi sembra importante riflettere anche al terrorismo italiano quello delle varie mafie e quello delle brigate rosse, ma la televisione dovrebbe organizzare delle serie per insegnare il buon senso, la ragionevolezza e l’umanita oltre all’amore per la Patria. BUON ANNO A TUTTI – NOTIZIARIO DEGLI ITALIANI IN FRANCIA – solechesorgi.blogspot.it

    10 Gennaio 2015 | #

  73. Pascha scrive

    Signore, contro il fanatico-criminale religioso nulla si può se non sopprimerlo.Questi individui hanno un solo credo e fine della vita: sopprimerla, perché hanno fatto un fallimento totale della propria. Di questi tempi di assestamento umanistico, succede di tutto, ovvero, gli estremismi di ogni genere vogliono un loro riscatto, trascurando secoli e secoli di civiltà. Sono persone indottrinate e pericolosissime perché sono state loro scippata l’umanità: non hanno più alcun desiderio e pietà della propria e dell’esistenza dei propri simili.

    10 Gennaio 2015 | #

  74. Vincenzo scrive

    Caro onorevole Palmieri,
    La ringrazio per avermi informato del modo in cui battere il terrorismo, ma credo che sia più utile informare e convincere il Suo ex alleato che ne ha competenza e responsabilità ad agire in tal senso. Credo che FI debba pretendere con forza dal Governo di adottare già dalle prossime ore tutto quanto è necessario per attuare i suoi 3 punti. Naturalmente si dovranno adottare misure di difesa durature nel tempo e dare conto ai cittadini delle proposte fatte da FI e quali di queste sono state approvate dal Governo. Speriamo di essere ancora in tempo…..

    10 Gennaio 2015 | #

  75. Giuliana scrive

    Prima di qualsiasi altra iniziativa, blocchiamo assolutamente questa immigrazione pilotata da chi ci lucra sopra, siano i passeur o le varie associazioni – pseudo – no profit. Stiamo subendo un’invasione legalizzata di persone – certamente la gran parte onesta e che sfugge a terre in guerra ed a fame e stenti – ma è impossibile censire la gran quantità di immigrati dell’ultimo anno ed in futuro andrà ancora peggio. Non sappiamo chi sono, da dove vengono e soprattutto se sono pacifici o se invece abbiano già contatti con cellule terroriste presenti sul nostro territorio o nel resto dell’Europa.

    10 Gennaio 2015 | #

  76. Romano scrive

    Condivido le parole del nostro Presidente, ed il programma del partito riguardo l’immigrazione ed il controllo di chi viene e vive in casa nostra provenendo da altri Paesi.

    10 Gennaio 2015 | #

  77. Emilio scrive

    “… Circa la capacità della classe politica europea di reagire alla minaccia, lo scetticismo è però più
    che giustificato. Non si tratta solo di codardia e incapacità ma, come al solito, di affari. Le monarchie
    del Golfo che alimentano i gruppi islamisti e jihadisti sono le stesse che finanziano moschee, centri
    di cultura e organizzazioni islamiche presenti in tutta Europa, ma sono soprattutto le stesse che
    investono nel Vecchio Continente centinaia di miliardi di dollari. Una pioggia di petrodollari che
    condiziona da tempo la politica europea, che oltre Atlantico finanzia think-tank molto ascoltati dalla
    Casa Bianca e che non serve quindi solo ad acquistare aziende, alberghi e squadre di calcio. Il
    Qatar ha offerto a Parigi 100 milioni di euro per “riqualificare le periferie disagiate”. Qualcuno
    mostrerà stupore quando il prossimo Califfato, con annessa jihad, verrà proclamato in una città
    europea ?

    oppure possiamo ridurci al referendum sulla moschea di cantù- cui peraltro tu cosa voteresti?
    grazie

    10 Gennaio 2015 | #

  78. Nicola scrive

    Io credo che certe cose vadano considerate globalmente ed un popolo appartenente ad una unica nazione debba essere unito sugli indirizzi generali, così facendo diventa forte e resistente all’onde d’urto essterne.
    E’ arrivato il momento che l’Europa debba prendere coscienza, che certa politica estera, come quella dell’immigrazione debba essere decisa da un unico centro di potere, ma sopratutto debba essere governata e gestita sempre da un unico centro a cui tutti gli stati membri debbono adeguarsi.
    Ma sopra ogni cosa per governare e gestire gli altri è necessario sapere chi siamo noi, cosa vogliamo per poterlo prima rispettare noi e poi farlo rispettare agli altri.
    Un santo uomo che vedeva molto lungo, papa Giovanni Paolo II aveva messo al centro delal questione europea l’identità cristiana dell’Europa. I cosidetti laici, nostrani e non, non gli hanno dato retta. E’ doveroso riconoscerlo che la coltura occidentale e l’etica morale è fortemente influenzata da valori cristiani cristallizzatisi ormai da secoli e secoli. Per questo è necessario che i politici dotati di certa sensibilità portano all’attenzione europea, in modo incessante, senza discontnuità alcuna l’attenzione su questo argomento. la goccia continua, seppure piccola e debole alla fine riesce a fare il buco. La politica sull’immigrazione non può essere una per ogni Stato.
    Poi al di là dei problemi particolari che possono essere risolti in modo contingente è necesario vedere quello che è sotto gli occhi di tutti. L’immigrazione indiscriminata porta nei paesi occidentali anche cattiva gente, oltre che allevarla da noi, gente che è coordinata da forze esterne; è necessario individuare questa gente esperlerla senza indugi, magari con poteri straordinari e stare attenti che non rientra per altre vie, naturalmente sempre per il tramite di quella politica unica europea anzidetta. Attraverso detta politica unica forse sarebbe possibile imporre il concetto di reciprocità a tutti gli stati arabi.
    Io credo che alla fine non ci voglia molto per debellare uno sterminio di massa perpretato dagli isalmici in tutto il mondo. Certo il popolo occidentale deve reagire efficaciamente anche per le stragi extraeuropee.
    Poi a tutti coloro che esprimono opinioni su questo argomento voglio dire che non è il caso di scaldarsi a tal punto da offendere gli altri, non è il caso per dire cosa avete fatto voi e cosa faremo noi. Su queste questioni non c’è un noi o un voi siamo tutti

    10 Gennaio 2015 | #

  79. Vincenzo presti scrive

    Caro antonio
    Dobbiamo incontrarci presto
    Sono sempre più totalmente d’accordo con te
    Un abbraccio
    Vincenzo Presti

    Vincenzo Presti
    Ph. +39 3488829955

    Il giorno 10/gen/2015, alle ore 15:22, Antonio Palmieri, deputato FI ha scritto:

    Ciao Vincenzo,

    Il terrorismo islamico si batte:

    1. Sul piano militare agendo nei Paesi dove combattono e si addestrano i terroristi.
    2. In Italia e in Europa con attività di intelligence, di prevenzione e di repressione mirata;
    3. Sul piano culturale essendo orgogliosi delle nostre radici culturali e religiose;
    rinunciando al politicamente corretto;
    essendo consapevoli che questi terroristi non sono l’Islam ma sono un pezzo dell’Islam.

    Antonio Palmieri

    Se vuoi rispondermi SCRIVI QUI. Leggerò e pubblicherò le risposte nel blog, così da alimentare un dialogo a più voci. Se non vuoi essere pubblicato, basta scriverlo nel commento.

    Grazie!

    http://www.antoniopalmieri.it
    @antoniopalmieri
    http://www.facebook.com/palmieriantonio

    PASSAPAROLA!
    Diffondi “Contatto Palmieri”
    http://www.antoniopalmieri.it

    Conformemente all’informativa ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003 n° 196, l’On. Antonio Palmieri si impegna a raccogliere i dati personali degli iscritti al solo fine di costituire una banca dati interna e di fornire il servizio di Newsletter richiesto. Senza l’espressa autorizzazione degli interessati i dati non saranno in altro modo utilizzati.

    powered by phpList

    10 Gennaio 2015 | #

  80. cosimo scrive

    Non vorrei essere ripetitivo, basta leggersi Oriana Fallaci . Islam moderato?
    Ma di che cosa stiamo parlando? Quali sono gli stati “democraticamente”
    eletti dove vige un “islam moderato” così come lo vogliamo intendere noi?
    Basti ricordare che in Pakistan ci sono persone in carcere solo per aver difeso
    la loro fede, in Arabia Saudita dove, non ricordo il nome, un Blogger subisce non
    so quante frustate ogni settimana (non ricordo per quanti mesi) solo per aver
    criticato (e non offeso) l’islam. Questi paesi non compiono atti terroristici ……
    ma questo è per voi islam moderato? Concludo dicendo che il termine islam
    moderato (traducendo la parola islam col suo significato reale appare anche un controsenso islam=sottomissione cioè sottomissione moderata ….mi viene
    da ridere) è solo il frutto della paura, del non voler prendere coscienza veramente
    di chi o cosa ci siamo portati in casa. Ormai si contano milioni di mussulmani in
    Europa, forse l’unica strada sarebbe quella di tornare alle radici giudaico cristiane
    dalle quali provenivano e non aver paura …. o peggio …. vergogna di “imporle” come NOSTRE RADICI.

    10 Gennaio 2015 | #

  81. A.Livio Bassi scrive

    Altre possibili azioni “pratiche”: 1) Vietare nel modo più rigoroso ed intransigente ad Aziende del mondo Occidentale di vendere armi all’ISIS. 2) Vietare l’acquisto di petrolio da fonti che sono chiaramente legate ad ISIS. Senza armi e con meno soldi, saranno meno.. attrezzati per gli attentati!
    Azione “teorica” fondamentale da cercare di attuare: SCORRELARE completamente le azioni da intraprendere dalle “visioni pOLITICHE ( p ..volutamente minuscola)” altrimenti si continuerà a dire, non solo in Italia, che una azione và fatta se quelli “dell’altro partito” dicono di non farla e viceversa…..

    10 Gennaio 2015 | #

  82. Franca scrive

    Buonasera, leggendo alcuni commenti ritengo ci siano già diversi argomenti di dibattito.
    credo siamo già andati oltre il confine del dialogo e della comprensione, ci vorrebbero delle azioni importanti, continuative e condivise.
    ciò che è successo a Parigi potrebbe succedere in Italia domani e non oso pensare come saremmo capaci di reagire.
    quando la Polizia usa le maniere un pò più forti, a seguire passano il tempo a dare giustificazioni e a volte subiscono denunce ecc.

    10 Gennaio 2015 | #

  83. Silvano scrive

    Onorevole, commentare i suoi punti non è semplice perchè il problema mi sembra molto complesso. Vorrei cominciare però dalle considerazioni finali dove dice che bisogna rivolgersi all’Islam moderato.
    Purtroppo non vedo un Islam moderato. Ciò che fanno i gruppi estremisti e terroristi di fatto è condiviso da tutto l’Islam perchè l’Islam è ed è sempre stato questo. Il fine è far trionfare ciò che ha detto Maometto e annientare gli avversari. Tutta la storia islamica è in questa direzione a cominciare dalla prima espansione che non è avvenuta certo per permeazione delle popolazioni tramite la testimonianza fino al martirio (ad es. come quella cristiana), è avvenuta con le armi e con la sottomissione violenta.
    E’ indubbio però che, nel vuoto culturare attuale, le idee mussulmane sono convincenti e affascinanti, non si spiegherebbero altrimenti le conversioni di così tanti occidentali, uomini e donne.
    Sempre più si conferma che le parole di Beneddetto XVI a Ratisbona sono vere, così come, su un altro versante, erano vere le previsioni della Fallaci.
    Riguardo ai suoi tre punti non capisco come si possano applicare i primi due se non siamo convinti del terzo. Che tutto l’Occidente non sia convinto del terzo lo dimostrano le innumerevoli affermazioni ed iniziative che esso prende condannando tutto ciò che ha fatto, addossando la responsabilità di tutto ciò che accade alla propria cultura, filosofia e religione. Elimindo ogni segno della propria storia con la scusa di non ledere la sensibilità dei nuori arrivati.
    Vedendo lo spettro del razzismo in ogni dichiarazione che faccia balenare qualche ipotetica differenza tra gli uomini. Negando e volendo sovvertire, anche con la forza e l’intimidazione, la struttura base della società e delle sue struttura fondanti come la famiglia. Negando le verità scientifiche e biologiche, oltre che antropologiche, sulla natura umana; facendo credere che i sessi sono molteplici e che gli accoppiamenti siano tutti leciti.
    Mi chiedo: esiste una formazione politica o culturale, oltre la Chiesa cattolica ma forse oggi neppure lei, che non chiarezza e determinazione abbia il coraggio di dissertire a questa assurda deriva relativistica e autodistruttiva?
    Per l’Occidente tutto, compresi gli attentati francesi, è solo motivo di dibattito, una bella occasione per poter riempire giornali e televisione di dibattiti con accuse reciproche, di sviare il problema su aspetti collaterali. Esempio: non si deve manifestare contro l’attentato di Parigi, ma a favore della libertà di espressione esaltando un giornale scandalistico, blasfemo e osceno che in un qualunque paese veramente civile e rispettosi della libertà e dignità delle persone andrebbe immediatamente chiuso. Si può e si deve avere il diritto di offendere e abusare delle convinzioni più profende delle persone, come sono le convinzioni religiose e esistenziali, ma non si può dire cose negative sugli omosessuali e non è lecito promuovere un convegno sulla famiglia.
    Come vede sono pessimista sulla possibilità di contrastare adeguatamente ciò che sta accadendo. Stiamo vivendo fondandoci su equivoci: l’Islam buono, l’Occidente sempre e comunque cattivo e razzista, gli immigrati tutti e sempre buoni, perseguitati, la società oscurantista da distruggere ecc.
    Se qualcuno non ha il coraggio di dire e testimoniare che l’Occidente è stato portatore di civiltà e benessere, non nascondendo gli errori e le cose negative, che le nostre origini sono giudaico-cristiane, che la filosofia su cui si regge il nostro mondo è quella greca e poi romana, che l’illuminismo ha portato grandi aperture e progresso, accanto ai semi per la decadenza attuale, non si riuscirà a cambiare la direzione tragica in cui siamo avviati.
    Io ora non vedo nessuno su questa linea, certamente non il Parlamento europeo, certamente non il nostro disastroso e disastrato Governo e neppure il suo Partito.

    10 Gennaio 2015 | #

  84. Aldebrano Micheli scrive

    Signor Palmieri;
    l’ISLAM non è una religione, è un’IDEOLOGIA; un islamico che vive in una comunità di gente di credo diverso non si integrerà mai avendo come missione quella di convertire all’ISLAM tutti coloro che ai suoi occhi sono “cani infedeli”; l’unica difesa è respingerli alle frontiere, rastrellare e ricacciare all’origine con le loro progenie quelli già radicati nel territorio. Il ministro dell’invasione Alfano la smettesse di andare a recuperare in mare lo spurgo dell’umanità; continuando a fare quello che sta facendo si accredita come alto traditore della Patria degnamente fiancheggiato dalle più alte cariche dello Stato

    10 Gennaio 2015 | #

  85. Renza Clelia scrive

    E’ ora di smetterla con questi immigrati o chi chiede protezione internazionale (al nord chiamati Blu Vacanze, costano sui 45\50 Eu a testa al giorno vestiti e NON lavorano). Il governo Letta- Renzi ecc. hanno pure tolto la legge Bossi Fini reato di clandestinità. Fra poco ci rinchiuderete in una regione come riserva per i pochi italiani che ormai rimangono in Italia. I terroristi è una scelta politica di averli lasciati entrare in Italia (sbachi di clandestini che non sappiano nemmeno chi sono……) Ora posso dare solo ragione a Salvini e la Meloni. BASTA immigrati 8con tutti diritti) agli IMMIGRATI vogliamo ritornare ad essere ITALIANI.Grazie On. Palmieri si faccia da porta voce.

    10 Gennaio 2015 | #

  86. Antonio scrive

    Sono perfettamente d’accordo con Lei ma Le ricordo che questa Italia non muoverà mai un dito poiché è
    governata dalla sinistra (Boldrini docet) e dalla Chiesa che predicano : accoglienza, integrazione, società multietnica, ecc. Ovvero predicano il suicidio dell’Italia, dell’Europa e della nostra civiltà. Perché togliere i crocifissi dalle scuole o evitare il Presepe a Natale? Perché lo pretende una piccola minoranza cattiva ed agguerrita!!!! Cominciamo a non farci imporre queste piccole cose e poi penseremo anche alle grandi cose.

    10 Gennaio 2015 | #

  87. ANGELA scrive

    I proclami non servono a niente. Spieghi nel concreto nel suo lavoro in Parlamento come si concretizzano questi proclami. Oriana Fallaci, irrisa dai cosiddetti progressisti, aveva previsto molte cose che stanno accadendo sull’islam. Cosa vuol dire essere orgogliosi delle proprie tradizioni? Avere dei parlamentari cristiani che neanche sono riusciti a far riconoscere all’Europa le sue radici? Che nemmeno riescono ad impedire che le lobby gay impongano a tutte le famiglie l’educazione gender già dalle scuole materne? Far passare leggi che penalizzano sempre più la famiglia? E l’elenco delle nefandezze sarebbe ancora lungo. Ma dove sono i parlamentari cristiani???? Dove erano mentre succedeva tutto questo??? Nessun personale rancore ma un grande rammarico. Non sono una persona che si arrende e conduco civilmente le battaglie in cui credo ma lo strumento politico è diventato una bella presa per i…fondelli.

    10 Gennaio 2015 | #

  88. ULISSE scrive

    Non si dimetichi l’11 settembre 1683 – Marco d’Aviano – I turchi in fuga dall’assedio di Vienna.

    10 Gennaio 2015 | #

  89. Elisabetta scrive

    Buongiorno onorevole.
    Disprezzo l’Islam fortemente. Non tollero il loro modo di pensare, operarare perchè mina la nostra società da un punto di vista etico e religioso. La scuola pubblica non difende per nulla i valori del cattolicesimo. Sono di Forza italia da sempre ma in questa lotta mi sento molto più vicina alla Lega.
    La ringrazio e Le porgo i migliori saluti.

    10 Gennaio 2015 | #

  90. Giuseppe scrive

    Caro onorevole è ora che tutte le nazioni e gli uomini di buona volontà, cerchino realmente di risolvere un problema serio, pericoloso che si rafforza ogni giorno sempre più, lasciando sgomento, paura, incertezza nei popoli che vogliono pace, speranza, amore e sicurezza nel futuro, bisogna investire nella sicurezza che è essenziale in ogni paese che si definisce civile, ovviamente unito a repressione e a cultura, un grazie alle insostenibile forze dell’ordine in generale, che sacrificano spesso forse troppo, per donarci sicurezza,giustizia ogni giorno, spesso dimenticati. Ogni persona deve fare il suo, politici, militari, civili. Tutti uniti per la pace, la crescita, la libertà reale nel rispetto di ogni persona senza distinzione. Auguroni a a voi per una buona, giusta politica per la nostra bella Italia per il mondo intero, viva la pace e la responsabilità per un mondo giusto pieno di amore. Saluti affettuosi anche al presidente, che vorrei conoscere, con affetto Giuseppe

    10 Gennaio 2015 | #

  91. Claudio Donati scrive

    Basta che alle parole seguano alla fine i fatti. Con fermezza e decisione. E ricordo che fra i tantii che oggi prendono al volo queste evento tragico per dirsi “Anch’io sono Charlie” ci sono anche gli stessi che si sono stracciate le vesti dopo il prezioso discorso di Ratisbona di Benedetto XVI o di fronte alle parole “profetiche” se mi è permesso, di Oriana Fallaci. Quindi oltre alla fermezza e decisione anche un poco di coerenza non guasta.

    10 Gennaio 2015 | #

  92. PIETRO scrive

    Gent.mo On.Le Palmieri,
    in merito alle ultime vicende che si presume si tratti di terrorismo, resto dell’avviso che solo se c’è coesione nazionale e internazionale, si può risolvere o quantomeno combattere più efficacemente questo problema e no perdendo tempo solo a fare annunci o manifestare solo solidarietà
    Colgo l’occasione per porgere i più cordiali saluti.

    Pietro CLEMENSI
    Vice Presidente Club Forza Silvio Città di Condofuri

    Non voglio che il mio commento sia pubblicato.

    10 Gennaio 2015 | #

  93. roberto scrive

    Ieri è stata una giornata dimostrativa come persone disperate , hanno messo da parte la ragione e si sono espressi con le armi invece di adoperare le parole. noi siamo qui a dirci quali rimedi ad una siffatto comportamento distruttivo. La mia anali arriva e si ferma su una barriera che delimita un modo di fare vecchissimo ma ancora usato per arricchirsi alle spalle di altri. questo modo si chiama APPROFITTAMENTO che deve essere debellato. se non si elimina nasceranno sempre situazione di reazione di un povero, magari ignorante che provoca distruzione immaginabili.

    10 Gennaio 2015 | #

  94. Luigi scrive

    Occorre sottolineare che cio’ che accomuna un italiano, un norvegese, un portoghese e un polacco non è la lingua, la musica, la cucina, l’arte. Ma il CRISTIANESIMO. Le bandiere d’Europa sono piene di croci: Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Regno Unito, Svizzera, Grecia, Portogallo, Malta. Proprio come quelle dei paesi islamici abbondano di mezzelune e quelle dei paesi post-coloniali costruiti a tavolino dalla massoneria pullulano di stelle a 5 punte (emblema della religione dell’uomo-senza-dio; simbolo stilizzato del Caprone, di Baphomet, la scimmia di Dio, mendax ab initio). Le radici culturali dell’Occidente è il Cristianesimo, che ha recuperato la tradizione giudaico-cristiana innestandola nel diritto romano e nel pensiero greco. La nostra civiltà, l’unica nella storia capace di produrre pensiero scientifico, tecnologia, benessere è un tempio che poggia su tre colonne: Gerusalemme, Atene, Roma. E questo grazie a quella straordinaria civiltà durata 1000 anni, chiamata dalla storiografia massonica Medio-Evo o Età di Mezzo (implicitamente Età di una presunta barbarie fra il paganesimo antico ed il neo paganesimo della modernità) che si dovrebbe chiamare molto più propriamente CRISTIANITA’. In quei mille anni sono state costruite le cattedrali e i borghi e città che ancora oggi richiamano turisti dal mondo e ci danno da mangiare. In quei mille anni è stato impostato il capitalismo che ha portato un livello di benessere mai visto prima nella storia. In quei mille anni è stata creata la base della cultura occidentale. In quei mille anni sono nate l’università, le opere di misericordia, gli orfanotrofi, gli ospizi, gli ospedali. In quei mille anni è stata abolita la schiavitù, ritornata poi con Voltaire ed i falsi lumi della dea Ragione. ALLA BASE DELLE SCELTE POLITICHE C’E’ IL PENSIERO FILOSOFICO. ED ALLA BASE DI QUESTO C’E’ UNA VISIONE TEOLOGICA. A seconda che si veda nell’ embrione un essere umano o un grumo di cellule farò delle scelte politiche conseguenti. SMETTIAMOLA DI DIRE CHE LA RELIGIONE E’ UN PROBLEMA DI COSCIENZA INDIVIDUALE DA NASCONDERE NELL’INTIMITA’. SONO LE RELIGIONI CHE HANNO COSTRUITO E COSTRUISCONO LE CIVILTA’ Smettiamola di idre, in una società ove tutto è pubblico, dalle abitudini sessuali ai 740, solo la religione deve essere confinata nella sfera privata. LA MASSONERIA E’ LA INIMICA VIS, LA FORZA EMICA DA CONTRASTARE CON LA CULTURA NON ALLINEATA AL DILAGANTE CONFORMISMO. La Verità (Cristo) ci renderà liberi.

    10 Gennaio 2015 | #

  95. Gildo scrive

    D’accordo: qualsiasi religione di origine diversa, integrata nel territorio, deve rispettare le regole e leggi di stato. Nel nostro paese esiste il falso buonismo per questione di recupero voti.
    Ieri in parlamento non c’era quasi nessuno!! Che delusione……..

    10 Gennaio 2015 | #

  96. maria Marchetto scrive

    Condanno l’azione di terrorismo, ma si è fatto molto poco su attenzioni a questo! Ci stanno imponendo la religione di Stato!!!! Le sinistre troppo morbide ad accettare qualsiasi imposizione loro: scambiandola come integrazione!Maria

    10 Gennaio 2015 | #

  97. Massimo scrive

    Dimenticavo: e smettiamola, tutti, di confondere la cittadinanza con la nazionalità. Gli assassini di Parigi avevano la cittadinanza francese, ma non erano di nazionalità francese.

    10 Gennaio 2015 | #

  98. bbruno4 scrive

    noi non staremmo qui a parlare – e a preoccuparci – di terrorismo islamico se avessimo tenuta presente la storia della cristianità: noi qua e loro là, ognuno a casa sua, per incompatibilità dei caratteri: e se di là quelli tentavano di assalirci noi pronti a respingerli, sì, con le armi con la guerra col sangue, con le… crociate! Ma il mondo moderno è ANTI-CRISTIANO: l’immigrazione/invasione di milioni di mussulmani a cui segue la proliferazione endogena di altrettanti milioni, è stata pianificata protetta e garantita da chi vuole eliminare ogni presenza e resistenza cristiana dai nostri paesi.Facendo leva sui nostri strascichi di buoni sentimenti, ultimo residuo di una educazione ormai savanita nell’insulso sentimentalismo, e con la collaborazione di questi falsi maestri e pastori della cristianità, che hanno fatto della dissoluzione del popolo cristiano il loro principio operativo, mascherandola sotto le specie dell’a accoglienza e della solidarietà!
    Da non dimenticare, a scanso di troppi fatali distingo: ogni terrorista è ogni volta l’ultimo che ha lasciato il campo dei ‘buoni’ mussulmani! E lo scopriamo sempre dopo, e quando è tardi, che i vari Mohamed Ali Abdul Husseim – tutta brava gente, tutti ‘moderati’ – sono diventati improvvisamente i Chérif e Said della strage di Parigi, molto poco buoni e moderati…E ci indigniamo e piangiamo e manifestiamo! E il nostro Silvio vuol farli tutti italiani: bontà sua o obbedienza al disegno massonico??? Ma non c’ è solo la sua bontà, e il disegno massonico che non ci dicano che deve anche piacerci, oltre che subirlo!

    10 Gennaio 2015 | #

  99. Luigi scrive

    Sono convinto che il terrorismo si batte sopratutto sul piano culturale essendo orgogliosi delle nostre radici culturali e religiose; rinunciando al politicamente corretto che è la più stupida ipocrisia della secolarizzazione; facendola finita con la dittatura del relativismo. Giacchè se è vero che le persone sono uguali nei diritti e nelle opportunità, non è assolutamente vero che debbano esserlo per i meriti e le capacità. L’ideologia dell’egualitarismo è una menzogna. In un qualsiiasi gruppo sociale ci sarà sempre chi si distingue per impegno e risultati e chi per fancazzismo. Non è possibile mettere sullo stesso piano una cultura che ha prodotto La Divina Commedia ed il Rinascimento, con quella degli antropofagi in nome di un relativismo ridicolo ed ideologico. Non è possibile mettere sullo stesso piano la famiglia secondo il DIRITTO NATURALE e altre forme di unione che famiglia non sono; perchè la famiglia è antecedente allo stato e alla legge. NO AL PENSIERO RIVOLUZIONARIO, che ha prodotto le oppressioni che ci affliggono da quasi 200 anni. Si al pensiero CONTRO-RIVOLUZIONARIO: Juan Donoso Cortes, Gomez Davila, Joseph De Maistre, Ernest Hello, Plinio Correa De Oliveira, Blaise Pascal, Augusto Del Noce, Luigi Taparelli D’Azeglio, Clemente Solaro Della Margherita, Capece Minutolo, Francisco De Tejada, Bruno Lanteri, etc etc etc etc.

    10 Gennaio 2015 | #

  100. Roberto scrive

    Ho vissuto in Libia per lunghi anni nella città di Bengasi,tutte le religioni se lasciate in mano al potere dei chierici sono o diventano violente non solo l’islam.
    Forza Italia nata nel 94 liberale e laica,dopo aver imbarcato cattolici di destra ed ex fascisti e’ scivolata non solo nelle patrie galere,ma anche in un vuoto ideale.
    Scusate la mia franchezza.
    Ps fondatore di Forza Italia nel 94 a Lucca.

    10 Gennaio 2015 | #

  101. Massimo scrive

    Pare che domani alla manifestazione “unitaria” di Parigi gli organizzatori non abbiano voluto il Fronte Nazionale di Marine Le Pen, berciando su “integrazione, tolleranza, no al razzismo”. Le stesse parole di Renzi oggi a Bologna. Come vogliono riparare ai danni dell’euro con più europa, così pensano di combattere il terrorismo con più integrazione. Allora siamo noi che non vogliamo essere “unitari” con costoro. E che combattano da soli la loro guerra, ma poi non vengano a piangere lacrime di coccodrillo per le stragi o per chiederci di pagare i riscatti per i loro compagni sequestrati. Dobbiamo respingere i barconi, non andarceli a prendere fuori dalle nostre acque territoriali. Dobbiamo bonificare la nostra Terra non solo da chi già è arrivato illegalmente, ma anche dalle quinte colonne che, purtroppo, hanno sempre provocato il crollo delle civiltà cui appartenevano e che hanno tradito.

    10 Gennaio 2015 | #

  102. RICCARDO scrive

    Gentile onorevole, le spiacerebbe pubblicare chiaramente la strategia di F.I. SULLO JUS SOLI PROSSIMO VENTURO CHE RENZI STA GIA’ SBANDIERANDO SULL’ONDA DI QUELLO CHE LA FAMOSA ” MANGIATRICE DI BANANE ” VOLEVA CALDEGGIARE UN ANNO FA?fATE SAPERE AGLI ITALIANI CHE COSA INTENDE FARE F.I. SU QUESTA PROSSIMA INIZIATIVA!VEDIAMO SE ANCHE IN QS FRANGENTE F.I. REGGERA’ LA CODA A RENZI…

    10 Gennaio 2015 | #

  103. bbruno4 scrive

    noi non staremmo qui a parlare – e a preoccuparci – di terrorismo islamico se avessimo tenuta presente la storia della cristianità: noi qua e loro là, ognuno a casa sua, per incompatibilità dei caratteri: e se di là quelli tentavano di assalirci noi pronti a respingerli, sì, con le armi con la guerra col sangue, con le… crociate! Ma il mondo moderno è ANTI-CRISTIANO: l’immigrazione/invasione di milioni di mussulmani a cui segue la proliferazione endogena di altrettanti milioni, è stata pianificata protetta e garantita da chi vuole eliminare ogni presenza e resistenza cristiana dai nostri paesi.Facendo leva sui nostri strascichi di buoni sentimenti, ultimo residuo di una educazione ormai savanita nell’insulso sentimentalismo, e con la collaborazione di questi falsi maestri e pastori della cristianità, che hanno fatto della dissoluzione del popolo cristiano il loro principio operativo, mascherandola sotto le specie dell’accoglienza e della solidarietà cristiane!
    Da non dimenticare, a scanso di troppi fatali distingo: ogni terrorista è ogni volta l’ultimo che ha lasciato il campo dei ‘buoni’ mussulmani! E lo scopriamo sempre dopo, e quando è tardi, che i vari Mohamed Ali Abdul Husseim – tutta brava gente, tutti ‘moderati’ – sono diventati improvvisamente i Chérif e Said della strage di Parigi, molto poco buoni e moderati…E ci indigniamo e piangiamo e manifestiamo!E il nostro Silvio vuol farli tutti italiani: bontà sua o obbedienza al disegno massonico??? Ma non c’ è solo la sua bontà, e il disegno massonico che non ci dicano che deve anche piacerci, oltre che subirlo!

    10 Gennaio 2015 | #

  104. RICCARDO scrive

    Gent. onorevole, non mi trova d’accordo con le sue opinioni. F.I. non ha fatto nulla per limitare gli sbarchi dei clandestini, anzi ha permesso a Renzi di fare abbrogare il reato d’immigrazione clandestina , di andare a prendere i clandestini direttamente quasi nei punti d’imbarco, e non ha fatto NIENTE per influenzare l’alleato Renzi a scoraggiare le perternze dei barconi di disperati. Voi dal vs Colle non frequentate i mercati e le metropolitane, voi non tocate con mano l’arroganza dei magrebini e delle magrebine e siete LONTANI dalle richieste dei cittadini e non fate NIENTE per rendere la vita difficile
    ( anzi la facilitate) a qs signori che NON SONO BENE ACCETTI E VOI NON RISPETTATE, le aspettative dei cittadini italiani che pagano le tasse ed ANZI IMPONETE la prresenza di qs persone mantenute con i soldi delle ns tasse!! Andate ed ascoltate quelo che dicono i proprietaqri di banche al mercato : a loro i vigili elevano multe appena deboradano il limite con la loro banca, mentre chiudono gli occhi sugli sconfinamenti delle banche dei magrebini. E VOI CHE FATE? ASCOLTATE I CITTADINI A me sembra che F.I. abbia solo un obiettivo :quello di tornare al potere ma SENZA ASCOLTARE LE ESIGENZE DEGLI ITALIANI, VOLETE IL POTERE PER IL POTERE!!MA NON HO SENTITO NESSUNA PRESA DI POSIZIONE VERSO QUEI PRRESIDI CIALTRONI CHE HANNO FATTO TOGLIERE IL PRESEPIO DALLE LORO SCUOLE, VOI DOVE ERAVATE? DOVE? DOVE?

    10 Gennaio 2015 | #

  105. GIOVANNI scrive

    Come combattere il terrosimo in Italia
    aoccore in primis inizare dalle scuiole di ogi ordine e grado
    con delle lezioni e delle dimostrazioni di testimoni di fatti dal vivo
    sul piano culturale che dimostrino e speghino di orgogliosi delle nostre radici culturali e religiose
    rinunciando al solti discorsi politicamente scorretti di parte e senza contraddittorio sui fatti della seconda guerra momdiale e inizino a ricordare le radici Cristiane a cui dobbiamo la nostre libertà e le nostre leggi
    essendo consapevoli che questi terroristi non sono l’ Is lam ma sono un pezzo dell ’Isl am
    che pero’ sta cercando in ogni modo di raggiugere l’ occidente e di convertirlo
    dopo la sconfitta del idea anti Ebraica Nazista ci sarà certamente anche la scofitta di questo nuovo terrorismo di origine I slamica ma solo se l Europa tutta e il resto del mondo civile rimarrà unito

    10 Gennaio 2015 | #

  106. Gabriella Gagliardini scrive

    Per riuscire a risolvere il problema dei terroristi islamici occorrerebbe guardare in casa nostra, per prima cosa, e mandare al loro paese tutti quelli che sono schedati e sospettati di terrorismo islamico, ripulire intanto l’Italia da tali soggetti non facendoli rientrare più. Dopodiché, riuscire a mettere leggi durissime, come in tempo di guerra, perché di guerra si tratta. Ultima cosa importante, è far rispettare le leggi in modo tassativo! Non con lo stile delle toghe rosse che fanno rischiare le forze dell’ordine per niente!

    10 Gennaio 2015 | #

  107. Edoardo scrive

    Caro Onorevole, mi dispiace essere brusco, ma sono convinto che, allo stato attuale, l’Italia NON ha la possibilità di sconfiggere il terrorismo. Una visione deformata politicamente della Giustizia, forte con gli avversari di partito, debolissima con delinquenti, inquinata da leggi cervellotiche, ostili contro certe categorie di cittadini onesti, hanno prodotto guasti incalcolabili, tra cui anche la sfiducia nello stato (non più degno della maiscola!), che ci chiede il sacrificio eroico, ma ci sputa in faccia quando leviamo grida di dolore. Questo pseudo stato che da molto non controlla adeguatamente le ORDE Barbariche che percorrono le sue strade, bivaccano dovunque, nelle Stazioni, davanti ai Supermercati, nei Parchi, nei mezzi pubblici, senza che NESSUNO intervenga MAI a cercare di stabilire un Ordine. Se non controlliamo i ladri, gli stupratori, i rapinatori del Sabato, il racket dei posteggi, della prostituzione, i truffatori, i borseggitori, come potremmo fermare gente armata militarmente, organizzata e animata da FEDE sincera? Se i magistrati si divertono a rimettere IMMEDIATAMENTE in libertà i delinquenti FATICOSAMENTE acchiappati, con rischio, da parte degli Agenti, oltre di qualche coltellata o revolverata, di subire la CONDANNA dal magistrato che considera maltrattati gli arrestati ! Personalmente ho sceso quasi tutti i gradini della delusione per l’operato del governo e per quanti lo appoggiano. Di fronte ad un baratro della rovina economica ed ora anche della sicurezza civile, solo un mare di chiacchere di gente inadeguata, abituata a “dire” senza “fare”, anzi… che pensa di dilatare la spesa parassita per le sue infinite clientele, tagliando sui finanziamenti dei mezzi di Polizia.

    10 Gennaio 2015 | #

  108. Piero scrive

    Condivido soprattutto il punto 3 .
    Sul punto 2 ci sono state in passato ma soprattutto ora delle grosse responsabilitá da parte di tutti gli stati europei che non hanno mai utilizzato un filtro adeguato . Dobbiamo essere giustamente drastici :
    In Europa entra solo chi é perfettamente a posto e la verifica deve essere continua .
    Sul punto 1 il discorso é piú complesso , ma se gli stati islamici non collaborano le nostre frontiere per loro devono chiudersi.

    10 Gennaio 2015 | #

  109. ambretta scrive

    La mia famiglia…mi ha insegnato …la liberta’…la dignità…né offendere…né sfidare…ma il rispetto…della libertà dell’altro. Chi ha più buon senso …lo usi…chi difende la DEMOCRAZIA… non può…rispondere…con la stessa violenza…UCCIDERE!!!…perchè mai nessuno …muore…tutto ha un seguito!…tutto…si ripete!…tutto rinasce!… evidente che la tecnologia….VOLA!…(ormai…il mondo…è diventato..un …paesino)..è che le nostre menti…si sono…FERMATE!!!…non sanno trovare…conl’uso…dell’intelligenza…ARGINARE!…la violenza!…dico…ARGINARE!!!!…perché…siamo…solo…uomini!!!eliminarla…è difficile…ma non…PROVOCARLA!…questo si poteva…e si può!
    La Libertà…non è spavalderia!!…è un sentimento sano…e consapevole.

    10 Gennaio 2015 | #

  110. Vittorio scrive

    Terrorismo molecolare? Difesa molecolare ! ad esempio: il terrorista che entra in un supermercato e vuol fare 10 o 20 ostaggi sarà fermato da qualcuno degli ostaggi stessi. La parte buona della popolazione è estremamente più numerosa dei terroristi e dei delinquenti comuni. Questa mio modo di vedere che può spaventare è però la soluzione vera contro terrorismo e delinquenza comune; è purtroppo finito il tempo in cui ci si addormenta in poltrona davanti alla tv

    10 Gennaio 2015 | #

  111. Pietro scrive

    Preg.mo On.Palmieri
    A mio parere non é così semplice.
    Dopo i recenti fatti in Francia tornaano di attualità letture diverse dei fatti in essere, compresa l’affermazione che é vero che tutti i mussulmani non sono terroristi, ma altrettanto vero che i terroristi sono quasi tutti mussulmani

    Il problema della trasformazione dell’Europa in Eurabia é sempre più un fatto attuale e concreto, da tenere d’occhio.

    Quello che sta succedendo nel nostro paese e nel mondo si inserisce, purtroppo, in un progetto più ampio, gestito da menti raffinatissime, da non sottovalutare mai!! Il progetto è l’islamizzazione a lungo termine (circa 200 anni nelle previsioni degli iman) delle popolazioni di fede diversa. I mezzi utilizzati sono essenzialmente due: il terrore e l’infiltrazione culturale.

    Con il terrore si convince molta gente, la più debole intellettualmente, ad aderire ad una idea, solo per evitare danni personali e per i propri figli ( si ricordi che negli anni 30/40 la maggior parte delle popolazioni italiane e tedesche erano fascisti o nazisti attivi ma la maggior parte lo erano per paura o per convenienza).

    L’altra strada è la lenta e poco appariscente infiltrazione della cultura islamica attraverso strutture semi-legali e tollerate, come le piccole moschee di quartiere, le scuole islamiche, i centri culturali islamici.

    Come è noto l’islam impone prima l’obbedienza a Dio e agli insegnamenti del corano (che è l’interprete della parola di Dio), in subordine alle leggi dello Stato. La presa del potere da parte dell’islam per l’occidente è un rischio mortale. Le gerarchie religiose più oltranziste potranno, quando avranno sufficiente potere, cancellare la nostra storia e la nostra arte. Questo è uno dei tanti progetti della jiad islamica.

    Pietro

    10 Gennaio 2015 | #

  112. Francesco scrive

    Di quale terrorismo parliamo? Ho qualche migliaia di euro in un conto corrente bancario on line. In tre mesi di deposito mi sono state trattenute 8,46 Euro circa per il conto ed ho ricevuto un accredito per la “competenza” trimestrale di o,o6 Euro. Come me lo spiega? Siamo noi che dobbiamo pagare le Banche per tenere i soldini nelle Banche stesse? NON HO PAROLE. Grazie.

    10 Gennaio 2015 | #

  113. Gianni scrive

    L’assassinio è contenuto nelle sure del corano. Ogni musulmano deve uccidere tutti gli infedeli cioè i non musulmani.
    Non vogliamo moschee in Italia, fucina di assassini terroristi. Lo dica a tutti i sindaci italiani ad iniziare da pisapia.
    Basta con il buonismo e con l’accoglienza indiscriminata, basta con questa sinistra imbelle che tira in Italia tutta la feccia possibile e tralascia di seguire gli italiani.
    Grazie

    10 Gennaio 2015 | #

  114. ANGELO E ROSSI scrive

    NON ESISTE UN iSLAM MODERATO

    Le radici del male

    Il mondo è stato scosso dal massacro indiscriminato di centinai di innocenti e in particolare dalla decapitazione del giornalista americano. Uomini di chiesa, pacifisti e “dialoganti”, sono convinti che la religione islamica sia una “normale” religione con cui discutere e dialogare. Commentatori e analisti si fanno in quattro per far credere all’opinione pubblica che i cosiddetti integralisti non hanno nulla da spartire con la religione di Maometto. Falso! I veri islamici, cioè i tagliagole, sono coloro che mettono in pratica le prescrizioni del Corano. Al contrario, i “cattivi” islamici sono coloro che pur dicendosi musulmani, non “praticano” le moschee.

    Come notorio, durante le “messe” islamiche, gli iman non si limitano a predicare il “verbo” di Allah, ma pianificano strategie di conquista e “conversione”. I sempliciotti, cioè quelli che “gli islamici sono nostro fratelli e buon ramadan” evidentemente hanno scambiato il Corano per il libro dei sogni. Eppure basterebbe leggere pochi versetti per rendersi conto donde la radice dell’odio. Alcuni versetti: “Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciati: la persecuzione è peggiore dell’omicidio. Ma non attaccateli vicino alla Santa Moschea, fino a che essi non vi abbiano aggredito. Se vi assalgono, uccideteli. Questa è la ricompensa dei miscredenti.” (Corano 2:191).“Vorrebbero che foste miscredenti come lo sono loro e allora sareste tutti uguali. Non sceglietevi amici tra loro, finché non emigrano per la causa di Allah.

    Ma se vi volgono le spalle, allora afferrateli e uccideteli ovunque li troviate. Non sceglietevi tra loro né amici, né alleati.” (Corano 4:89). “Altri ne troverete che vogliono essere in buoni rapporti con voi e con la loro gente. Ogni volta che hanno occasione di sedizione, vi si precipitano. Se non si mantengono neutrali, se non vi offrono la pace e non abbassano le armi, afferrateli e uccideteli ovunque li incontriate. Vi abbiamo dato su di loro evidente potere.” (Corano 4:91). “La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita; nell’altra vita avranno castigo immenso.” (Corano 5:33). “E quando il tuo Signore ispirò agli angeli: “Invero sono con voi: rafforzate coloro che credono. Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo [decapitateli], colpiteli su tutte le falangi!”. (Corano 8:12). “Non siete certo voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi. Quando tiravi non eri tu che tiravi, ma era Allah che tirava, per provare i credenti con bella prova. In verità Allah tutto ascolta e conosce.” Altrimenti detto è l’assoluzione anticipata per un omicida, perché uccida un infedele in nome d’Allah. (Corano 8:17). “Maledetti! Ovunque li si troverà saranno presi e messi a morte uccisi senza pietà”. Corano (47:4). Se questo è il Corano, ha senso accusare chi semplicemente lo mette in pratica? Il Corano non convince? E lo si dica chiaramente, ma non si dia la colpa a chi pur di congiungersi carnalmente alle 72 procaci vergini che attendono nel sensuale paradiso maomettano, ammazzano e si fanno ammazzare.

    G.T. & A.E.R.

    10 Gennaio 2015 | #

  115. giuseppe provenzale scrive

    Perché non cominciare a parlare dei Paesi finanziatori che – petrolio ahimè – riteniamo “amici” e sono invece ancora nel medioevo? Giuseppe Provenzale

    10 Gennaio 2015 | #

  116. Manlio Laschena scrive

    Ho raggiunto la soglia degli ottanta anni e sono entrato in quel periodo dove è facile non essere condizionato da quelle ipocrisie di linguaggio e di pensiero che sono tipiche di tanti “comunicatori” odierni. Cerco quindi di parlar chiaro, con l’unica remora di ferire chi non lo merita.
    Non mi riferisco all’ISIS ne ad Al Quaeda, bensi ai fenomeni europei di conflitto di idee “sociali”.
    Nel mondo occidentale il fattore religioso è in sostanza passato da tempo in seconda linea, senza volerne sminuire l’importanza formativa ed educativa. Nel mondo islamico è esattamente il contrario ed il suo potere “temporale” è molto forte. Questa differenza è, a mio parere, alla base di molte delle condizioni sociali dei due “mondi”: l’occidentale e l’islamico. Purtroppo però, questa differenza non è marginale, ma sostanziale. Infatti il maggior problema è che essa rende difficile il dialogo tra le due parti, anche perché queste non riescono nemmeno ad ascoltarsi.
    Un altro elemento, che gioca fortemente nel rendere diversi i due mondi, è l’evoluzione reciproca dello scetticismo. Lo scettico è chi nega che ci sia possibilità di conoscere la verità. Nel mondo islamico mi sembra di trovare molta più “ingenuità”, che nel mondo occidentale. Ne deriva, e non temo di essere smentito, che sono molto di più gli islamici che possono essere “plagiati” da una idea di verità assoluta e di fede incrollabile. L’occidentale è disincantato ed appunto, scettico ed in lui non attecchiscono facilmente estremismi di alcun tipo.
    I fattori citati rendono difficile non poco risolvere i conflitti ideologici che ci affliggono e non saranno certo le ipocrite dichiarazioni di convivenza e comprensione a rappresentare un percorso risolutivo. Se vogliamo attenuare il rischio di fenomeni così orribili come i recenti accaduti in Francia, dovremmo evitare di creare condizioni di vita tali da stimolare odio e rancore. In Italia, ad esempio, è pazzesco ritenere di poter accogliere tanti immigrati senza sapere, da subito, che saranno abbandonati a se stessi. Ipocrisia o colpevole opportunismo ?

    10 Gennaio 2015 | #

  117. Don Gabriele Mangiarotti scrive

    Carissimo, le allego le mie riflessioni pubblicate su un quotidiano di San Marino. Grazie della attenzione

    A proposito dell’atto barbarico compiuto nei confronti di Charlie Hebdo non ci sono né ci possono essere giustificazioni per la follia omicida. E basterebbe anche solo riflettere sull’accanimento con cui hanno ucciso pure il poliziotto per confermarci nel giudizio: sono solo assassini, e come tali vanno condannati.
    Sono purtroppo figli di quella mentalità – nata nel contesto islamico – che non riconosce diritti a chi è considerato nemico della religione islamica e del suo progetto egemonico. Basta vedere quello che accade ora nell’ISIS, o in Pakistan, o in Nigeria, o nel Sudan… (la lista sarebbe estremamente lunga).
    Vorrei però aggiungere alcune considerazioni. Nella Francia così ferita da questa orribile tragedia abbiamo assistito all’incarcerazione di semplici cittadini che indossavano una maglietta raffigurante una famiglia composta da un uomo e una donna e due loro figli. E nella stessa Francia la vignetta che rappresentava la Santa Trinità in esplicite pose omosessuali aveva diritto di circolazione, come pure il pamphlet satirico sulla «vera storia di Gesù bambino». Allora, a bocce ferme, bisognerà anche riflettere sulla libertà di espressione, che non può mai essere libertà di offesa delle persone e delle loro convinzioni. Satira non può mai coincidere con bestemmia.
    In queste ore segnate dallo sdegno non possiamo però fermarci di fronte alla chiarezza di un giudizio. Non saranno l’irrisione e l’oltraggio alla fede degli uomini a sconfiggere la violenza omicida. Sacro è ciò che è indisponibile all’arbitrio dell’uomo.
    Io «non» sono Charlie. Prego e pregherò per questi uomini, l’ho già fatto, con dolore e compassione, ma non mi identifico con il loro progetto.
    In gioco c’è anche una riflessione sull’Islam, e non possiamo nasconderci che non è facile. Ricordiamo tutti la reazione scomposta dell’Occidente (prima ancora che del mondo islamico) di fronte al discorso straordinario di Papa Benedetto a Ratisbona. La guerra è stata scatenata dai media laicisti e massonici americani, che hanno aperto la strada alle ingiurie degli stati mussulmani. Non dimentichiamolo!
    Recentemente il Presidente dell’Egitto, Al Sisi, si è fatto promotore di una rivoluzione religiosa. Il mondo musulmano non può più essere percepito come «fonte di ansia, pericolo, morte e distruzione» per il resto dell’umanità. E le guide religiose dell’islam devono «uscire da loro stesse» e favorire una «Rivoluzione religiosa» per sradicare il fanatismo e rimpiazzarlo con una «visione più illuminata del mondo ». Se non lo faranno, si assumeranno «davanti a Dio» la responsabilità per aver portato la comunità islamica su cammini di rovina. Sergio Romano sul Corriere ha commentato: “I leader delle nazioni arabe hanno un evidente interesse a contrastare le gesta dello Stato Islamico, ma hanno taciuto, forse per non irritare gli ambienti più confessionali delle loro società. Al Sisi ha avuto il merito di violare questo tabù e di farlo di fronte a una platea di imam e ulema in una istituzione accademica che è stata definita in passato, anche se con una formula molto approssimativa, il Vaticano dell’Islam. Ancora più interessanti sono gli argomenti di cui Al Sisi si è servito per affrontare il problema: il fanatismo islamico sarebbe il risultato di un pensiero dominante che è divenuto, con il passare del tempo, un codice di regole inviolabili. Tocca agli imam e agli ulema smantellare questa costruzione, tocca a loro guidare una «rivoluzione religiosa».
    Sembra di capire – conclude Sergio Romano – anche se non viene detto esplicitamente, che il presidente chieda ai custodi della fede di non più considerare le antiche scritture un testo immutabile, da leggere alla lettera, ma un testo storico da leggere con criteri moderni….”.
    Ma come potrà essere accettato dal mondo mussulmano questo invito a «relativizzare» la propria fede? Se per l’islam il Corano è parola dettata da Allah, come potrà un uomo cambiarlo? È come se mi chiedessero di cambiare il Vangelo. Posso cambiare religione, non adeguare la rivelazione ai miei sentimenti. Certo, la strada è solo quella indicata da Papa Benedetto: il dialogo tra le culture, perché tra le religioni non è praticabile. Altrimenti si darà solo spazio al fondamentalismo Ci vuole quest’altra strada, che in termini cristiani si chiama testimonianza. Ed è l’unica speranza.

    10 Gennaio 2015 | #

  118. enrico scrive

    Purtroppo non c’è niente da fare. Lei propone 3 punti. Per come la vedo io:
    punto 1 – l’europa non ha alcuna voglia di entrare in conflitto;
    punto 2 – i servizi di intelligence italiani credo siano tra i migliori d’europa. Ciò che è successo in francia dimostra, se non altro, che quelli francesi sono peggio dei nostri. Proprio per questo, per essere stati efficienti, i nostri servizi sono stati decine di volte smantellati al minimo scandalo. Mi aspetto a breve una nuova “ristrutturazione in peggio, altro che potenziamento e coordinamento con gli altri servizi europei!
    punto 3 – gli europei – gli italiani ancora di più – temono di essere orgogliosi di essere europei e come tali di essere appena appena più evoluti di altre culture. Non appena uno ha il coraggio di affermarlo viene tacciato di razzismo. In questo frangente francese Marina Le Pen ne è la dimostrazione. Non si dice … mah, questa donna forse non ha tutti i torti, NO, si instaura una battaglia ideologica prendendo le parti dei terroristi piuttosto che ammettere che la Le Pen forse, sebbene in minima parte, una minima ragione ce l’ha.
    Ancora oggi non si riconosce che Oriana Fallaci aveva visto giusto!
    Ormai sul ponte sventola bandiera bianca. Chi può emigri il più lontano possibile dall’europa. Vada in Russia o sud america, sperando di poter essere accolto, perchè non è detto, mica sono l’italia quei posti lì

    10 Gennaio 2015 | #

  119. Francesco scrive

    Grazie Onorevole dello spazio che mi concede, ringrazio perchè non è così usuale e scontato tutto questo. Venendo all’oggetto, ritengo sciagurata la politica fin qui portata avanti dell’accoglienza volutamente incontrollata, fin da prima che il fenomeno immigratorio verso il nostro Paese si manifestasse in tutta la sua virulenza. Artefici di questa politica: la sinistra sinistra e la sinistra catto-comunista, a parole pietiste e buoniste, ma in realtà solo affariste avendo da subito intuito il business dell’accoglienza senza regole… se è vero come è vero che a detta del compagno Buzzi “rendono più gli immigrati che i traffici di droga” … e poi senza correre rischio alcuno! I sinistri nostrani poi per sgomberare il campo dai tentativi di interporre ostacoli tipo la legge Bossi-Fini, che cercava di contingentare l’immigrazione a chi solo poteva accedere a un lavoro e quindi ad una residenza, hanno fatto ricorso alla forza della magistratura per rendere inapplicabile la suddetta legge e di seguito ostacolare sia i respingimenti che le espulsioni nei confronti anche di chi recidivo riceveva più volte i divenuti ridicoli “fogli di via”. Oggi, chissà se qualche elettore di sinistra aprirà gli occhi, dopo Parigi e il mondo di mezzo romano, che poi non è solo romano bensì italiano, e rispedirà al mittente il predicozzo opportunista tipo quello di una Lucia Annunziata che ci mette in guardia e scopre che siamo in guerra, ma che cavolo! ma chi ci ha portato a tutto questo! Dite finalmente come stanno le cose e dite di chi è la responsabilità! Sono da sempre forzista, ma su questo punto la Lega ha il coraggio di dire ciò che noi tacciamo!

    10 Gennaio 2015 | #

  120. Francesca scrive

    Il ns. governo deve fare molto di più per combattere il terrorismo islamico ma fino adesso cosa ha fatto? niente anzi arrivano sempre di più clandestini tra cui sicuramente ci saranno dei terroristi invece
    se si vuole aiutare bisogna aiutarli nei loro paesi, invece fino a quando saranno accolti qui avremo sempre più miseria in quanto i costi ce li sobbarchiamo tutti noi con le nostre tasse che ci state prosciugando mentre a tutti questi extracomunitari che occupano case, non pagano luce acqua spazzatura date tutti gli aiuti, mentre a noi niente le pensioni sono bloccate, i ns. pensionati poverini quante volte mi capita di vederli rovistare tra le cassette della verdura al mercato .Ma la ns. Italia che fine ha fatto ma voi non vi rendete conto che ci stanno occupando piano piano… cosa volete che diventi una colonia araba o islamica????? io se va avanti così voterò Salvini è l’unico per ora che difende il nostro paese da questa gente……
    Intanto pensateci a fare qualcosa e non gettare il ns. paese in pasto ai ……….

    10 Gennaio 2015 | #

  121. Luigi scrive

    Caro Antonio,sono d’accordo con le tue idee…ma vorrei proporti di aggiugere..Controllare questa immigrazione selvaggia.Siamo i guerra…quindi leggi speciali.Una considerazione ..le sinistre così tanto ospitali si diano una regolata…se non vogliono mandare alla rovina la nostra civiltà e democrazia conquistata attraverso il sacrificio dei nostri avi..In Italia siamo a casa nostra.Luigi Panella

    10 Gennaio 2015 | #

  122. MARIA lUISA scrive

    Ha ragione on. Palmieri, ma non mi sembra che in Italia si stia facendo qualcosa per tutelarci, mare norstrum ha aperto una grossa falla ed ora siamo in balia degli eventi.
    Maria Luisa

    10 Gennaio 2015 | #

  123. vincenzo calvi scrive

    L’Arcivescovo Luigi Negri da Ferrara dice una cosa giusta “L’islam è intollerante contro chi non aderisce al credo mussulmano.Nel mondo mussulmano è impossibile fare ironia per noi, invece, l’autoironia è segno di maturità”. Con questa frase possiamo intendere che questo popolo è ancora indietro, culturalmente, di almeno di qualche decina di generazioni. Sarà difficile da cambiare anche perchè in occidente abbiamo il politicamente corretto, gli ipocriti. La sig.ra Fallaci lo diceva da tempo ma noi abbiamo sempre messo la testa sotto il tappeto. Confesso di avere un certo timore quando li incontro, non c’è dialogo con loro, non riesco a capirli e non intendono farsi capire. Vincenzo

    10 Gennaio 2015 | #

  124. giovanna scrive

    Spero che le disgrazie altrui insegnino qualcosa anche ai nostri buonisti, a quelli che ci hanno ridotti a vivere nella paura nel nostro paese, a quelli che innanzitutto devono compiacere gli islamici, negando la nostra cristianità a casa nostra. Cosa aspettiamo a pretendere da tutti quelli che, arrivando indesiderati nel nostro paese, si sottomettano alle nostre leggi, ai nostri usi e costumi. L’alternativa??? respingerli, rimarli nel paese dal quale arrivano. Devono restare nei loro paesi ed eventualmente lottare a casa loro per ottenere quello che vogliono da noi. Quando noi andiamo a casa loro, ci presentiamo con documenti, permessi, abiti adeguati al loro stile di vita e religione. Paghiamo fior di soldi e li rispettiamo anche se ben diversi da noi.
    Purtroppo la nostra classe politica è così vile, incompetente, incapace che non sa nemmeno come proteggere il popolo a cui ha chiesto voti e, con questi, ha ottenuto una massa di privilegi che permettono loro di vivere in un mondo protetto, lontano da problemi di ogni genere.
    Sono sempre stata una liberale di destra che ha sempre votato nella speranza di vivere gli ultimi anni della mia vita nella serenità nella quale sono cresciuta. Ora desidero solo che al governo ci sia una personaggio FORTE, ONESTO, CHE DIFENDA IL SUO POPOLO, E CHE CERCHI DI FARE LEGGI CHE DIANO LAVORO E NON CHE MANTENGANO GLI INETTI. BASTA COMUNIST!!!!! BASTA GENTE SENZA ATTRIBUTI, SENZA CARISMA, SENZA QUALITA’ Antonio Palmieri, datti da fare! Forza Italia non può omologarsi all’andazzo che sta vivendo attualmente!

    10 Gennaio 2015 | #

  125. Serafino scrive

    Battersi contro la ipocrisia dell’immigrazione clandestina selvaggia e l’altrettanta grave ipocrisia del politicamente corretto nonché dell ‘accoglienza secondo la Boldrini,peggiore anche di sfinì,che è quanto dire. Serafino Introcaso

    10 Gennaio 2015 | #

  126. samuele scrive

    è una religione assolutistica e pertanto non potrà mai convivere con le altre !
    per capirlo è sufficiente leggere il corano almeno un a volta, impone ai credenti di combattere per la loro fede, non esiste per loro la tolleranza! esiste un solo modo di sopravvivere impedirli di arrivare e rispedire a casa loro ogni mussulmano in italia non è ammissibile che arrivino quà ed impongano il LORO modo di essere e di vivere e non rispettino le nostre ( buone o molte volte sbagliate) leggi!
    Qualcuno di voi ha provato a vedere come si comportano con gli stranieri in visita od ancor peggio con stranieri che gli danno il pane per lavorare nei loro islamici paesi ?
    unica via d’ uscita ( e non credo a me stesso quando lo dico ) è fare come l’ australia dove un post di facebook riporta che Cameron ha semplicemente e fortemente detto che il paese è cattolico se non lo accettano gli diamo una sacrosanta libertà quella di andarsene od in alternativa adattarsi !
    Altrimenti le alternative sono : 1)abbandonare la nave che affonda ( emigrare) 2) convertirsi all’ islam ed all’ odio che ne consegue 3) SUICIDARSI per non subire di peggio da loro e vivere nel terrore e vedere le proprie compagne o le proprie figlie ed i propri figli vittime di una islamica apartaid tanto condannata in passato

    la paura è se possibile aumentata oltre allo stato padrone ed oppressore della dittatura tipo sovietica che stiamo vivendo, la sempre maggiore restrizione delle libertà, la paura di trovarsi di fronte gente
    che non ha nulla da perdere , lavorare dalla mattina alla sera per portare a casa il pane, non avere più il diritto ad una casa sulla quale dobbiamo pagare il pizzo allo stato, l’ ignomia della tassazione sul diritto a riscaldarsi la prossima quale sarà ? una razione di 100 g di riso a pasto ed un bicchiere d’ acqua ( piccolo) ? ora dobbiamo anch aver paura a fare la spesa od scrivere un parere oppure a fare una battuta con gli amici al bar ( i toscani come me sono fortemente a rischio )

    basta con il buonismo, loro non lo hanno ! rimandiamoli a casa loro non li andiamo a prendere i mezzo al mare !
    unica soluzione L’ ITALIA AGLI ITALIANI cerchiamo di riprendere un vecchio insegnamento
    DAI DA MANGIARE AGLI ITALIANI COMPRA SOLO GENERI FATTI ESCLUSIVAMENTE IN ITALIA DA ITALIANI

    TASSARE CHI DA’ LAVORO AGLI STRANIERI IN MANIERA FORTE ED AGEVOLARE CHI SOSTITUISCE GLI STRANIERI CON ITALIANI ( almeno di 3 generazioni )

    10 Gennaio 2015 | #

  127. Gianfranco scrive

    Il terrorismo si conbatte alla radice si analizzano le cause che generano reazione che diviene poi terrorismo. Dove lo si combatte? Nei paesi dove germoglia e trova fertile humus. Quindi la nostra deve essere una politica di sanzioni ma anche di collaborazione con quegli stati a conduzione islamica che pur non essendo palesi sostenitori dell’estremismo ne sono la piu’ grande risorsa. La risposta alla lotta al terrorsimo sta nella risposta a domande molto semplici che nessuno si pone poiche’ ogni stato povero di energia cerca di acquisre a basso prezzo fonti d’energia di cui I paesi arabi ed islamici sono super dotati.
    Allora chiediamoci ma perche’ queste genti emigrano per venire qui nel nostro mondo? Chi sono questi popoli che migrano ed a quale sociale appartengono della societa da cui emigrano. Quali sono le condizioni generali di vita della grande maggioranza delle popolazioni di quei paesi, che non conoscono sitruzione, non conoscono lavoro e non producono nulla che possa essere a loro necessario. Certo color che vengono nei nostril paesi sviluppati vanno alla ricerca di una vita o di un modo di vita migliore di quello che vivono nel loro paese originario. Quindi vengono da noi vedeono ed esperimentano tutto quello che abbiamo e si sentono autorizzati se non dalla legge dal coraggio o dall’arduita’ dettata dalla fame. Allora cerchiamo di cambiare quelle di societa’. Mi meraviglia I nostril politici italiani si sono lasciati sfuggire una grande occasione che sta a sud, l’Africa attraverso la Libia avremo potuto conquistare quella nazione con la tecnologia, con la collaborazione culturale e commercial e avremmo creato una testa di ponte verso il continente Africano che e’ iul piu’ grande serbatoio di risorse naturali delle quali noi Italia ed il mondo tutto ne continuera’ ad aver bisogno. Sono sempre stato fautore della collaborazione con le nazioni meno sviluppate e del lavoro verso la democratizzazione di quei paesi in cui oggi dettano legge piccolo fantocci dittatori di cui abbiamo paura di rimuoverli perche’ ci svendono le loro risorse a poco prezzo e non danno o fanno niente per sviluppare il proprio paese. Il problema dei migrant dell’Africxa verso l’Europa si potrebbe ridurre drasticamente e probabilmente annullare in un period di 5 o 10 anni se si svolgesse una politica di support alla creazione di postio di lavoro e benessere. Penasteci politici da 4 soldi che intascate stipend da nababbi mentre gli italiani sono costretti a vivere senza casa ed a rovistare tra I cassonetti della spazzatura per fermare la fame. Non avete nessun pudore, vergogna, ma che islam e lotta agli islamici. Si mandiamoli indietro al loro paese ma per farceli retsare dobbiamo fare pressione sui dittatori e reucci che abbiamo loro imposto perche’ diano un po’ di benessere, creando scuole, industrie e assistenza per il loro popolo. Se si fallisce ancora una volta non ci sara’ piu’ ritorno.

    10 Gennaio 2015 | #

  128. Antonino scrive

    Il terrorismo è terrorismo non si può abbattere finché esiste la povertà e lo strapotere.

    9 Gennaio 2015 | #

  129. Roberto scrive

    Perchè la destra non fa fronte comune a condannare questo bunismo ottuso ( ideologico )? ? ?
    Quando al governo c’era ” qualcun altro ” tutta la sinistra scendeva in piazza a fare i
    girotondi, le lenzuolate, a gridare ” d i m e t t i t i ! ! ! ”
    Perchè non fanno la voce grossa facendo notare queste umilianti differenze ?
    SVEGLIAMOCI………. é questo che la gente vuol sentire ! ! ! ! Come mai la lega sta quadagnando terreno ? Si può essere determiati anche senza essere fondamentalisti . Ascoltate la pancia della gente, soprattutto quella che non vota più. SPIEGATEVI ! ! ! ! A buon intenditor…………..

    9 Gennaio 2015 | #

  130. Mario Ferrera scrive

    Il terrorismo
    non si combatte e sconfigge col buonismo
    All’ occidente non mancano ne modi ne mezzi per catturare terroristi e affiliati per renderli innoqui
    Abbiamo visto come si é difesa l’ America
    Per i fanatici le leggi non sono un deterrente

    9 Gennaio 2015 | #

  131. Francesco Borri scrive

    Caro Onorevole, questo E’ l’islam. Si legga il corano. Io da anni iscritto a FI la prossima voterò Salvini, l’unico che cerca di opporsi alla massiccia invasione di mussulmani. L’ unico che si oppone a questo Mare Nostrum. L’ Italia era nostra, prima. Venga a vedere dove io abito. Altro che lex solum o come lo chiamate la vostra bella proposta. E dica al vostro amico Luxuria che i mussulmani non la tratterebero come lo ha trattato il grande Putin, che il Signore ce ne spedisca uno anche a noi (di Putin,intendo dire,di Luxurie ne abbiamo digià). Mi perdoni ma così stanno le cose.

    9 Gennaio 2015 | #

  132. Cristina scrive

    Belle parole… ma quando eravate al governo del paese invece di pensare a risolvere questi problemi cosa facevate…?
    Forse eravate troppo intenti a pensare quanto è “bona” la Minetti o ad ascoltare i consigli dell’On. Verdini ?

    9 Gennaio 2015 | #

  133. guy scrive

    prima dobbiamo eliminare I terroristi di casa nostra……….le toghe rosse

    9 Gennaio 2015 | #

  134. enzo scrive

    Per dimostrare di essere orgogliosi e fedeli alle nostre tradizioni culturali dobbiamo in primis stigmatizzare il fatto che alcuni presidi di istituti scolastici rimuovano il Crocifisso ed impediscano che si faccia il presepio nelle scuole. NON DOBBIAMO PIU’ TOLLERARE QUESTI SOPRUSI. E poi dobbiamo pretendere una radicale invrersione di tendenza nella programmazione scolastica. L’eccessiva pretesa di laicità porta al nichilismo e spiana la strada al credo islamico che potrebbe divenire poi religione di stato.

    9 Gennaio 2015 | #

  135. Gastone scrive

    Spett.le On. Palmieri, conoscendo la sua attività in internet, essendo un iscritto raggiunto dalle sue notizie, aggiungo che non riusciamo a comprendere il disegno dell’Islam che è stato dichiarato ancora anni fa con le prime intromissioni da parte dei paesi europei nei loro territori seminando, per noi anche a fin di bene, terrore e morte con i vari interventi armati a difesa delle popolazioni indifese. Capisco e concordo la strategia della difesa ma esiste un diritto umano che deve essere rispettato “la vita” da ambo le parti. Aggiungo che si dovrebbe iniziare con essere uniti a tutti gli altri stati del mondo per combattere sia l’immigrazione che il disconoscimento dei diritti umani che esistono in questi stati dove regna la legge del più forte e della prepotenza assoluta. Mi riallaccio alla sua delega e credo che questo stato non abbia fatto nulla fino ad oggi al riguardo del riconoscimento dei diritti culturali anche dei cittadini italiani che hanno conseguito un titolo di studio all’estero. Continuiamo a richiedere per il possibile riconoscimento cose e documentazione impossibile. Un esempio pratico: Ing.Tlc iscritto nel suo paese al Collegio professionale e quindi anche libero professionista con anni di esperienza che vine in Italia per ottenere il riconoscimento e gli viene richiesto da parte del Consolato Italiano nel suo paese perché è la Legge italiana che lo impone per ottenere la validità anzicchè la documentazione universitaria, tutta la documentazione scolastica dal primo giorno di scuola cioè significa la documentazione di circa 35 anni fa che è impossibile reperirla per il passaggio di competenza scolastico come succede da noi. Quindi il povero non potrà mai avere tale riconoscimento e sarà considerato nel nostro paese “analfabeta” . Come non si può capire che è assurda una interpretazione del genere? Perché non viene richiesta la documentazione solamente universitaria aggiunta da una dichiarazione che attesti il conseguimento del titolo da parte del Rettore dell’Università dove è stato rilasciata la Laurea? Non capiamo che un laureato del genere a costo zero per la società e immesso sul mercato professionale dopo il superamento dell’esame di stato prescritto in Italia, quindi dovrà aggiornarsi alle leggi europee e parlare e scrivere l’italiano è una convenienza per tutti? Esiste una proposta di legge a tale riguardo mi sembra al senato la pregherei di informarsi perché è una cosa inverosimile al solo scriverla o raccontarla. Se ritiene di darmi notizie al riguardo la prego di contattarmi poiché la moglie è punto di riferimento per i brasiliani e partecipante ad un’associazione nazionale che sta curando questo problema e mi creda in Italia ci sono anche parecchi cittadini italiani laureati all’estero che hanno questo problema. Per ora la ringrazio della su disponibilità a leggere la mia lamentela.

    9 Gennaio 2015 | #

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.