Vai direttamente a:

Risoluzione a favore degli insegnanti di sostegno

Antonio Palmieri

Scritto da Antonio Palmieri | 17 luglio 2002 | Attività 2002

Testo approvato in commissione
del 17 luglio 2002

La VII Commissione, premesso che:

gli alunni portatori di handicap per poter ottenere una reale integrazione scolastica necessitano di insegnanti di sostegno specializzati;

numerosi insegnanti di sostegno hanno conseguito il relativo titolo di specializzazione frequentando i corsi biennali attivati dalle Università ai sensi del Decreto interministeriale n. 460 del 24 novembre 1998;

tali insegnanti, non essendo in possesso dell’abilitazione all’insegnamento, non hanno potuto accedere alle graduatorie permanenti previste dall’articolo 401 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e successive modificazioni;

la maggior parte degli insegnanti in questione, pur in mancanza dell’abilitazione all’insegnamento, ma avendo conseguito il titolo di specializzazione (a norma della legge n. 104 del 1992), ed a causa della forte richiesta di personale specializzato ha, negli anni scorsi, avuto l’incarico annuale;

l’aspettativa lavorativa di questi insegnanti consolidatasi negli anni, è destinata però ad essere vanificata fin dal prossimo anno scolastico, a causa dell’inserimento nelle graduatorie permanenti (previste dal decreto direttoriale del 12 febbraio 2002) di un numero elevato di docenti abilitati presso le scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario (SSIS) i quali, avendo seguito, nel loro percorso formativo, le previste 400 ore aggiuntive attinenti l’integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap hanno titolo a svolgere l’insegnamento sui posti di sostegno;

a tutto questo si è aggiunto il decreto ministeriale del 20 febbraio 2002 che consente alle Università l’attivazione di nuovi corsi di specializzazione per il sostegno (di 800 ore) riservati però a chi è già in possesso del titolo dell’abilitazione all’insegnamento;

tutti gli insegnanti specializzati sul sostegno e abilitati, sopra indicati, avranno quindi priorità rispetto a coloro che hanno conseguito il titolo di specializzazione in attuazione del decreto interministeriale n. 460 del 1998 (1.150 ore in due anni ) ma che non sono in possesso, come gia detto, dell’abilitazione, e che però negli anni trascorsi, hanno maturato una significativa esperienza di insegnamento;

impegna il Governo:

a dare una soluzione anche di carattere legislativo al problema in modo che i docenti interessati in possesso del titolo di studio prescritto, e che abbiano 180 giorni di servizio, possano conseguire, nelle scuole di specializzazione dell’insegnamento secondario l’abilitazione al predetto insegnamento previa valutazione da parte delle scuole stesse, del percorso didattico teorico-pratico e degli esami sostenuti per il conseguimento del diploma di specializzazione per il sostegno, ai fini del riconoscimento dei relativi crediti didattici, anche per consentire loro un abbreviazione del percorso degli studi della scuola di specializzazione con iscrizione in soprannumero al secondo anno di corso della scuola;

a prevedere, nel contesto della stessa soluzione, analoga valutazione da parte dei corsi di laurea in scienze della formazione primaria di cui all’articolo 3, comma 2 della legge 9 novembre 1990, n. 341, ai fini del conseguimento della laurea predetta per coloro che, in possesso del diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno, siano immatricolati con il possesso del diploma di scuola secondaria superiore;

a prevedere altresì che l’esame di laurea sostenuto a conclusione dei corsi in scienze della formazione primaria, comprensivo della valutazione delle attività di tirocinio previste dal relativo percorso formativo, abbia valore di esame di Stato ed abiliti all’insegnamento, rispettivamente nella scuola materna o dell’infanzia e nella scuola elementare o primaria, e consentire l’inserimento nelle graduatorie permanenti previste dall’articolo 401 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni;

a prevedere che l’attuazione di quanto previsto nella soluzione prospettata abbia luogo in tempo utile per consentire ai docenti interessati di inserirsi, nelle graduatorie permanenti, con l’anno scolastico 2003-2004.

a ricercare nelle more del conseguimento del titolo prescritto da parte dei docenti specializzati in questione, per quanto possibile e nel rispetto delle norme vigenti, soluzioni amministrative che consentano la continuità del servizio di tali docenti nell’anno scolastico 2002-2003.

Deputati firmatari dellla risoluzione: Angela Napoli, Butti, Rositani, Fatuzzo, Garagnani, Bianchi Clerici, Lucchese, Colasio, Maggi, Gambale, Palmieri, Licastro Scardino, Santulli, Carli, Sasso, Martella, Grignaffini, Titti De Simone.

Commenti

Commenti Commenti (0) |

Nessun Commento »

Per fare in modo che la conversazione sia utile e proficua, tutti i commenti saranno letti ma saranno pubblicati quelli che porteranno un contributo effettivo al tema proposto dal post.

Feed RSS di questi commenti. | TrackBack URI

Protected with SiteGuarding.com Antivirus
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.