Vai direttamente a:

Renzi alla Camera

Antonio Palmieri

Archivio del mese di febbraio 2014

Renzi alla Camera

Scritto da Antonio Palmieri | 25 febbraio 2014 | Prima Pagina

Come ieri al Senato, anche oggi alla Camera Matteo Renzi ha scelto di usare la sua replica per parlare al pubblico in ascolto, in tv, radio e online. 
Come ieri al Senato, ha eluso ancora una volta il tema delle coperture alle misure, giuste e condivisibili, che ha annunciato. 

Vedremo…

 

Governo Renzi

Scritto da Antonio Palmieri | 22 febbraio 2014 | Prima Pagina
Da cittadino, con una Paese in crisi, auguro buon lavoro al governo Renzi. Da deputato Forza Italia, lo aspetto in Parlamento.
 

Governo Renzi: saremo “diversamente oppositori”

Scritto da Antonio Palmieri | 19 febbraio 2014 | Prima Pagina

Saremo “diversamente oppositori”. Al contrario di quanto fece la sinistra con i nostri governi, voteremo le grandi riforme e valuteremo il resto provvedimento per provvedimento. Vaglieremo le proposte, non il proponente.


Le difficoltà per Renzi

Scritto da Antonio Palmieri | 18 febbraio 2014 | Prima Pagina

Finora Renzi si è confrontato con situazioni – presidente provincia, primarie sindaco, sindaco, primarie Pd, segretario Pd – dove le regole del gioco erano tali per cui comandava lui la situazione. Ora si deve confrontare con regole che gli impongono di tenere conto anche degli altri e che sono concepite proprio per non avere un “uomo solo al comando”. Questo è il punto, a mio avviso.


Eugenio Corti: omaggio a un grande scrittore italiano. Il mio intervento in aula alla Camera

Scritto da Antonio Palmieri | 7 febbraio 2014 | Prima Pagina

Signor Presidente, finalmente possiamo commemorare in quest’Aula la scomparsa di Eugenio Corti, che è morto martedì sera a 93 anni, e che è stato un grande scrittore italiano, brianzolo per la precisione, autore di un capolavoro che si chiama Il cavallo rosso, apprezzato romanziere, autore di testi teatrali, saggista, intellettuale, che lo scorso maggio fu insignito dal Presidente Napolitano della medaglia d’oro ai benemeriti della cultura e dell’arte.

«Il cavallo rosso» è un grande romanzo storico che impegnò 11 anni della vita di Eugenio Corti; fu pubblicato per la prima volta in Italia nel 1983, vanta oltre mezzo milione di copie vendute nel nostro Paese, svariate traduzioni all’estero – anche in lituano, rumeno e giapponese. In Francia il nome di Corti gode di grande fama ed è stato paragonato ad autori quali è Hemingway, Mann, Camus, Kafka e Musil. Solo nel nostro Paese Corti ha avuto una vita, per così dire, molto complicata e difficile, avara di riconoscimenti pubblici, forse anche per il fatto che egli si è sempre dichiarato uno scrittore cattolico e fortemente anticomunista.

Corti ebbe una vita avventurosa: nel 1942 poco più che ventenne si arruolò volontario e fu destinato al fronte russo. Seguì la ritirata che diede origine alla sua prima opera che si chiama «I più non ritornano», del 1947, e fu il primo scrittore italiano a raccontare la tragedia dei nostri militari in Russia. Dopo l’8 settembre Corti entrò volontario nei reparti militari italiani che affiancarono gli Alleati della guerra di liberazione partecipando alla battaglia per lo sfondamento finale della linea Gotica e da qui venne un’altra opera di Corti che si chiama «Gli ultimi soldati del re». Alla domanda perché Corti scelse di partire perla Russia, rispose così: «volevo vedere di persona, farmi un’idea dei risultati del gigantesco tentativo di costruire un mondo nuovo senza Dio, anzi contro Dio, operato dai comunisti. Volevo assolutamente conoscere la realtà del comunismo e per questo pregavo Dio di non farmi perdere quell’esperienza che ritenevo sarebbe stata per me fondamentale».

Termino Presidente, anche perché servirebbe molto tempo per raccontare Eugenio Corti, con un ricordo personale. Io ho conosciuto Eugenio Corti nel 1989 quando lo invitai a presentare «Il cavallo rosso» presso il mio centro culturale. Venne in una piccola parrocchia di estrema periferia milanese e con umiltà rimase tra noi quella sera, con la semplicità dei veri testimoni e di chi sa di svolgere un compito: scrivere per tradurre in bellezza gli ideali della propria vita.

Credo che la nostra Aula faccia bene a rendere omaggio a un grande autore italiano. In queste 48 ore i giornali l’hanno ricordato tardivamente, adesso lasciamo ai posteri di continuare l’apprezzamento della sua opera


ROUNDTABLE – TASSARE IL WEB.

Scritto da Antonio Palmieri | 7 febbraio 2014 | EVENTI NOTEVOLI

ROUNDTABLE – TASSARE IL WEB.
Scelta di equità fiscale o freno alla digitalizzazione?

Martedì 11 Febbraio 2014, ore 17-20 presso la Sede I-Com, Piazza dei Santi Apostoli 66 – Roma

Ore 17 Apertura

Stefano DA EMPOLI, Presidente I-Com

Ore 17.10 Introduzione I-Com

Ore 17.30 Relazioni iniziali

Francesco PIZZETTI, Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino e Presidente Alleanza per Internet

“La tassazione del veb. Problemi e criticità”

Stefano EPIFANI, Professore di Tecnologie perla Comunicazioned’Impresa Sapienza Università di Roma e Direttore Associazione Italiana per l’Open Government

“Gli impianti della tassazione del wweb sulla digitalizzazione del Paese”

 

Ore 18.00 Dibattito

Introducono il dibattito

Cesare AVENIA, Presidente ASSTEL

Elio CATANIA, Presidente ASSINFORM

Cristiano RADAELLI, Presidente ANITEC

 

Speaker confermati

Raffaelle BARBERIO, Direttore Key4biz

Francesco CASTELLI, Head of International, EU and Relevant Market Regulation Telecom Italia

Luisa CRISIGIOVANNI, DIRETTORE Altroconsumo

Franco MICOLI, Responsabile Regulatory & Public Affairs Alcatel-Lucent Italia

Andrea PEZZI, Founder e CEO di OVO

 

Ore 19.30 Conclusioni

Francesco BOCCIA, Presidente Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione Camera dei Deputati

Antonio PALMIERI, Deputato FI Commissione Cultura, Scienza e Istruzione

 

 

 



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.