Vai direttamente a:

Linkiesta.it: “Forza Italia su internet si ispirerà a Barack Obama”

Antonio Palmieri

Archivio del mese di agosto 2013

Linkiesta.it: “Forza Italia su internet si ispirerà a Barack Obama”

Scritto da Antonio Palmieri | 13 agosto 2013 | RASSEGNA STAMPA

La campagna di comunicazione web.
Oltre 2mila volontari digitali e 259mila militanti su forzasilvio.it. Il voto? «Noi siamo pronti».

“Ancora in campo per l’Italia”. Allo slogan si accompagna il nuovo, vecchio, logo di Forza Italia. Sullo sfondo un’immagine della recente manifestazione a via del Plebiscito: Silvio Berlusconi sul palco, circondato dall’affetto del suo popolo. La campagna di comunicazione in vista del “ritorno” di Forza Italia è partita da pochi giorni. Nel weekend sono stati affissi i primi manifesti nelle principali città italiane. Contemporaneamente il nuovo tormentone ha iniziato a diffondersi in rete.

Oltre ai classici manifesti, la grande partita si gioca online. Del resto Silvio Berlusconi non ha mai fatto mistero di puntare molto sul web. Lontani i tempi del maggio 2010 quando, a una conferenza stampa con l’allora presidente egiziano Mubarak aveva detto: «Abbiamo tanti strumenti tecnologici. C’è, per esempio anche l’uso di Google (pronunciato Gògol) e di altri strumenti offerti da internet». La rinascita di Forza Italia – e forse anche una nuova campagna elettorale – oggi passa dalla rete. «Bisogna cercare la giusta grammatica e la giusta sintassi per ciascun media» racconta il deputato Antonio Palmieri, responsabile internet e nuove tecnologie del Pdl. «Da ieri la campagna di comunicazione è su tutti i nostri spazi web. L’obiettivo è quello di rilanciare il messaggio per amplificarne la portata. Lo stesso faranno i nostri volontari».

Intanto lunedì è stata inviata una mail ai 200 parlamentari del Pdl per «invitarli a postare l’iniziativa anche sui loro social network». Mentre un altro messaggio ha raggiunto gli oltre 259mila iscritti al sito forzasilvio.it, per mobilitare l’esercito virtuale del Cavaliere. «Gli obiettivi sono due – racconta Palmieri – informiamo i nostri militanti della campagna in corso e li invitiamo a diffondere a loro volta il messaggio».

Chi è rimasto in città ha già visto i primi manifesti 6×3. Anche sui cartelloni un link rimanda direttamente al sito forzasilvio.it. È il network ufficiale di Silvio Berlusconi. Nato pochi anni fa e direttamente ispirato da barackobama.com (la pagina del presidente americano a cui il leader Pdl ha sempre invidiato le grandi capacità mediatiche). La scelta di portare i passanti più curiosi su forzasilvio.it non è casuale. «L’idea del ritorno a Forza Italia ha un significato preciso – racconta Palmieri – È una chiamata alla mobilitazione per la cosa pubblica, rivolta a persone che non se ne sono mai occupate prima. E su forzasilvio.it, chi vuole può diventare un militante con una semplice iscrizione online».

A breve saranno modificati la pagina web e gli account del partito sui social network. Ma nessuna fretta. «Tutto avverrà nelle forme e nei tempi del passaggio ufficiale dal Popolo della Libertà a Forza Italia». Intanto oggi chi digita forzaitalia.it viene automaticamente reindirizzato sul sito del Pdl. Dove è possibile condividere sulla propria pagina Facebook le riforme berlusconiane o le tappe della «persecuzione» giudiziaria del Cavaliere. E dove, sempre da domenica sera, il vecchio logo tricolore affianca il simbolo attuale. Tornare all’immagine del 1994, nel mondo della rete e dell’innovazione tecnologica non si rischia di trasmettere un senso di immobilismo? «Non credo» spiega Palmieri «A volte per andare avanti occorre fare un passo apparentemente all’indietro. Tornare al nome e al logo del partito che abbiamo lasciato 5 anni fa serve a comunicare un messaggio importante: lo spirito, i valori e gli obiettivi di quell’esperienza vivono ancora».

In queste ore il messaggio inizia a diffondersi in rete. Durante l’ultima campagna elettorale il Pdl poteva contare sull’aiuto di circa 2mila volontari digitali. Un porta a porta virtuale sperimentato con successo e destinato a proseguire. «Con i volontari digitali abbiamo costruito un rapporto che è stato riattivato per questa campagna di comunicazione» racconta Palmieri. Senza contare il bacino di risorse potenziali rappresentato dagli iscritti al network ufficiale forzasilvio.it. «Come sempre, però, ognuno è libero di contribuire nelle forme che preferisce. I nostri militanti sono invitati a partecipare, noi ci limitano a fornire gli strumenti».

Allo slogan e al logo di Forza Italia si accompagna un’immagine precisa. Selezionata con attenzione dai responsabili della comunicazione berlusconiana. La foto del Cavaliere sul palco del recente comizio a via del Plebiscito. «Vede, non c’è un leader da solo, che comunica con autoreferenzialità. C’è un popolo che si stringe attorno a lui. Il messaggio è chiaro: siamo tutti insieme ancora in campo per l’Italia». Sembra quasi l’avvio di una campagna elettorale. Il ritorno a Forza Italia è solo un pretesto per prepararsi alle urne? «Come struttura noi siamo pronti a qualsiasi evenienza – ammette Palmieri – Ma questa campagna di comunicazione ha solo due grandi messaggi: Silvio Berlusconi continua il suo impegno e rimane in campo. E il nostro prossimo approdo sarà Forza Italia. Detto questo, quello che accadrà sul piano politico lo scopriremo solo vivendo…».

di Marco Sarti

Ecco l’articolo

 

 

 

 


Panorama.it: “Forza Italia: al via la campagna di Ferragosto”

Scritto da Antonio Palmieri | 13 agosto 2013 | Prima Pagina

Manifesti, aerei, social network: ecco la strategia comunicativa per il rilancio del partito creato da Silvio Berlusconi.

E’ la prima campagna di Ferragosto in grande, “almeno quanto era possibile in tempi brevi”, spiega Antonio Palmieri, l’uomo a cui da 20 anni Silvio Berlusconi affida la comunicazione politica e responsabile web di quella che fu la Forza Italia delle origini, poi Pdl e oggi nuovamente Forza Italia in stile 2.0.

Uno sforzo organizzativo reso urgente e necessario dal precipitare degli eventi delle ultime settimane: dalla condanna definitiva in Cassazione alla procedura per la decadenza da senatore del Cavaliere e la sopraggiunta incandidabilità per effetto della legge Severino.

Uno tsunami giudiziario che avrebbe abbattuto chiunque ma non lui, non Silvio Berlusconi “un uomo certamente ferito nell’intimo per l’ingiustizia subita – spiega Palmieri – ma tutt’altro che rassegnato e anzi con la determinazione di esserci ancora”.

Ed è proprio questo il messaggio che milioni di italiani si vedranno recapitare direttamente nei loro luoghi di villeggiatura. Niente lettere nelle cassette della posta, nessuna ospitata nei talk show sopravvissuti ai palinsesti estivi e nemmeno iniziative di piazza.

Ai bagnanti che in questi giorni affollano i litorali basterà alzare lo sguardo verso il cielo giovedì 15 agosto o digitare sui proprio palmari, comodamente sdraiati sui lettini, www.forzasilvio.it per mettersi in testa che c’è ancora un Berlusconi in campo e quel Berlusconi è ancora Silvio, che il Cavaliere non è solo ma con lui c’è un popolo che lo sostiene e che l’approdo è la nuova Forza Italia.

GLI AEREI

“Silvio libero”, “Forza Italia, Forza Silvio”. Sono gli striscioni che compariranno nei cieli italiani sulle principali località di villeggiatura nel giorno di Ferragosto. “Non è la prima volta che lo facciamo – ricorda ancora Antonio Palmieri – è un’iniziativa che ci piace, festosa e non invasiva. I bambini ne sono entusiasti e la loro attenzione cattura anche quella degli adulti”.

I MANIFESTI

Sono circa 2.000 6×3 e 4×3 dislocati nelle principali città italiane nelle aree di servizio lungo le autostrade. Al centro ci sono le persone, i sostenitori di Silvio, e da una parte, su un palco, Silvio Berlusconi. La scritta “Ancora in campo per l’Italia” e il simbolo di Forza Italia per dare immediatamente una realizzazione grafica delle parole pronunciate da Berlusconi lo scorso 4 agosto durante la manifestazione in via del Plebiscito: “Sono qui, non mollo”.

IL SITO

Domenica scorsa Antonio Palmieri ha inviato una mail a tutti gli iscritti al sito del Pdl con un link che rimanda a una pagina da cui è possibile scaricare e condividere tutti i materiali della campagna attraverso social network e indirizzi di posta elettronica. “Internet è infatti lo strumento più comodo per chi vuole mobilitarsi e sostenere la nascita della nuova Forza Italia durante il periodo estivo”.

LA RETE

“Le piazze virtuali sono luoghi di relazione che vanno continuamente alimentati e che ormai svolgono un ruolo fondamentale in campagna elettorale come è stato dimostrato 6 mesi fa”. Come riportato anche da una ricerca del Sole 24 Ore, quella del Pdl, alle scorse elezioni, è stata una delle più efficaci per qualità e quantità. Citata anche da Gianni Riotta come esempio interessante della cosiddetta “pratica della convergenza”, ossia della immediatezza con cui il messaggio del leader viene diffuso viralmente attraverso i social.

FACEBOOK E TWITTER

La pagina Facebook di Silvio Berlusconi conta 528mila “Mi piace”. “Anche se non sono tutti sostenitori, è utile e interessante il dibattito che alimenta la portata della pagina stessa. Molto spesso è proprio dai commenti su Fb che tiriamo fuori spunti per la comunicazione tradotti poi in infografiche”. Sistematicamente Antonio Palmieri mostra a Silvio Berlusconi una sintesi di ciò che viene postato su Fb e Twitter. “Il Cavaliere ha capito l’importanza della rete fin dal 1995 quando, dopo i Radicali, fummo il primo grande partito in Italia ad approdare on line”.

Dunque niente videomessaggi, incursioni televisive, messaggi alla nazione, comparsate in spiaggia tra i bagnanti come si era detto qualche giorno fa? “No, non ci saranno iniziative balneari di questo tipo, ma non escludiamo niente. Tutto quello che sarà necessario fare, lo faremo al momento opportuno”.

Silvio c’è, insomma. Il suo popolo pure e non molla.

di Claudia Daconto

Ecco l’articolo



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.