Vai direttamente a:

20 ottobre 2011

Antonio Palmieri

Archivio del mese di ottobre 2011

20 ottobre 2011

Scritto da Antonio Palmieri | 20 ottobre 2011 | CALENDIARIO

Oggi alle 18 sarò alla presentazione del libro di Maurizio Sacconi AI LIBERI E FORTI Valore, visione e forma politica di un popolo in cammino, che si terrà alla Camera di Commercio di Roma – Tempio di Adriano – Piazza di Pietra – Roma


MAURIZIO SACCONI Ai liberi e forti. Valori, visione e forma politica di un popolo in cammino

Scritto da Antonio Palmieri | 19 ottobre 2011 | Prima Pagina

Oltre novant’anni fa anni il partito popolare di Don Luigi Sturzo lanciò un celebre appello “ai liberi e forti” a “cooperare ai fini superiori della Patria senza pregiudizi né preconcetti”.

Maurizio Sacconi propone oggi un manifesto analogamente dedicato a “un popolo di liberi e forti che, ancorato ai valori della tradizione nazionale, ha saputo resistere al fascino delle ideologie totalitarie, che diffida degli interessi particolari che pretendono di farsi bene comune ed è responsabilmente orientato a non attendere con passività dallo Stato le risposte ai propri bisogni, perché intento a costruirle attraverso forme comunitarie”.

 E’un manifesto culturale prima ancora che politico, in cui non mancano passaggi importanti sugli ultimi quindici anni del centrodestra italiano e la sottolineatura delle cinque grandi intuizioni di Silvio Berlusconi e della sua coalizione, vera e propria eredità politica di
questi anni.  Dimensione pubblica dei valori della tradizione nazionale, azione diplomatica volta ad affermare gli interessi italiani in campo internazionale, primato della società sui partiti, necessità di una riforma istituzionale dello Stato e disciplina nei conti pubblici: un bilancio in larga parte positivo e riferibile non soltanto a questo governo ma più in generale all’esperienza dei moderati italiani dal ’94 ad oggi. 
 
Per Sacconi “Silvio Berlusconi ha rappresentato la risposta democratica all’anomalia, accuratamente organizzata nei primi anni Novanta, di un ceto politico moderato e riformista annichilito da indagini a senso unico e dal connesso massacro mediatico.” 
 
Adesso il ministro del Welfare chiama i moderati all’evoluzione rispetto quella esperienza e ad una sintesi tra le forme politiche di prima e seconda repubblica, tra reti fin troppo strutturate e quindi autoreferenziali e altre troppo fragili e perciò insufficienti a garantire qualità nell’azione pubblica.


PALMIERI: Ai manifesti abbiamo lavorato col premier. La foto non c’è perché la sua forza è il Pdl

Scritto da Antonio Palmieri | 14 ottobre 2011 | RASSEGNA STAMPA

Ecco la mia intervista  pubblicata su “Il Giorno”  il 14 ottobre 2011

È IL DEPUTATO Antonio Palmieri il coordinatore delle campagne elettorali del PdI. Ed è l’autore dei manifesti – senza il volto del premier – che il Popolo della Libertà sta usando per la sua massiccia campagna di tesseramento.

Onorevole Palmieri, come sono nati?

“Come al solito, da una serie di proposte che ho presentato al nostro presidente Berlusconi dopo averle condivise con i nostri grafici e anche con Ignazio La Russa e Angelino Alfano. E come sempre abbiamo lavorato col presidente sulle proposte finché è venuto fuori il prodotto finale”.

Com’era il presidente del Consiglio, sfiduciato o entusiasta?

“Silvio Berlusconi ci crede, ha lavorato parecchie ore con noi, è stato come sempre partecipe e ci ha dato i suoi suggerimenti anche di natura grafica, e alcuni per migliorare i testi. E quando fa così è perché ci crede. Non c’era occasione migliore per smentire le voci che ogni giorno gli attribuiscono un nuovo partito o un nuovo nome”.

Però l’immagine di Silvio non c’è…

“No non c’è volutamente, intanto perchè non c’è mai stata in nessuna delle nostre campagne di tesseramento, nemmeno ai tempi di Forza Italia. Poi perché si vuole sottolineare che ci si iscrive al PdI anche rispetto a tutte le altre cose che ci sono nel partito. E che la forza politica di Berlusconi è il Pdl».

Che messaggio volete far passare?

“Tre messaggi. Primo dire che il Pdl c’è e che in questa campagna che dura l’intero mese di ottobre si scommette sul nuovo corso a guida Alfano, e questo è il messaggio per i sostenitori accaniti che si erano già iscritti in passato.

Secondo vogliamo parlare a tutti i cittadini, quindi la forma che abbiamo scelto di queste domande vuole far riflettere
sulla situazione attuale.

“Ami davvero l’Italia?” è una risposta a questi catastrofisti che il premier ha anche evocato nel suo discorso alla Camera.

Il non arrendersi di fronte alle difficoltà è evidentemente riferito alla figura del premier che tiene duro ma è anche rivolto a chi per colpa della crisi vive un momento di difficoltà. A loro diciamo che noi lavoriamo per alleviare queste difficoltà. Terzo e ultimo vogliamo andare a prendere un po’ di sostenitori di opinione, per questo nei manifesti viene anche indicato il sito Iternet. Speriamo di intercettare il voto di opinione e spingerlo, nei limiti del possibile,a crederci ancora e a non cedere alle campagne violente contro di noi. Tutti i messaggi sono stati fatti col nostro stile, con un linguaggio chiaro, semplice, diretto, immediato”.

Previsioni?

“Vediamo quello che succede, poi i conti si fanno alla fine, ossia a metà novembre. In questo fine settimana ci saranno gazebo in cui si distribuisce anche una pubblicazione che racconta succintamente cosa ha fatto il
Governo in questi tre anni, che è già on line. Perché sono tante le cose che abbiamo fatto ma spesso i primi a non essere consapievoli siamo proprio noi. Quindi parliamo anche ai nostri”.


PALMIERI: Ai manifesti abbiamo lavorato col premier. La foto non c’è perché la sua forza è il Pdl

Scritto da Antonio Palmieri | 14 ottobre 2011 | Prima Pagina

L’intervista a “Il Giorno” del deputato e responsabile Internet del Pdl, Antonio Palmieri

È IL DEPUTATO Antonio Palmieri il coordinatore delle campagne elettorali del PdI. Ed è l’autore dei manifesti – senza il volto del premier – che il Popolo della Libertà sta usando per la sua massiccia campagna di tesseramento.

Onorevole Palmieri, come sono nati?

“Come al solito, da una serie di proposte che ho presentato al nostro presidente Berlusconi dopo averle condivise con i nostri grafici e anche con Ignazio La Russa e Angelino Alfano. E come sempre abbiamo lavorato col presidente sulle proposte finché è venuto fuori il prodotto finale”.

Com’era il presidente del Consiglio, sfiduciato o entusiasta?

“Silvio Berlusconi ci crede, ha lavorato parecchie ore con noi, è stato come sempre partecipe e ci ha dato i suoi suggerimenti anche di natura grafica, e alcuni per migliorare i testi. E quando fa così è perché ci crede. Non c’era occasione migliore per smentire le voci che ogni giorno gli attribuiscono un nuovo partito o un nuovo nome”.

Però l’immagine di Silvio non c’è…

“No non c’è volutamente, intanto perchè non c’è mai stata in nessuna delle nostre campagne di tesseramento, nemmeno ai tempi di Forza Italia. Poi perché si vuole sottolineare che ci si iscrive al PdI anche rispetto a tutte le altre cose che ci sono nel partito. E che la forza politica di Berlusconi è il Pdl».

Che messaggio volete far passare?

“Tre messaggi. Primo dire che il Pdl c’è e che in questa campagna che dura l’intero mese di ottobre si scommette sul nuovo corso a guida Alfano, e questo è il messaggio per i sostenitori accaniti che si erano già iscritti in passato.

Secondo vogliamo parlare a tutti i cittadini, quindi la forma che abbiamo scelto di queste domande vuole far riflettere
sulla situazione attuale.

“Ami davvero l’Italia?” è una risposta a questi catastrofisti che il premier ha anche evocato nel suo discorso alla Camera.

Il non arrendersi di fronte alle difficoltà è evidentemente riferito alla figura del premier che tiene duro ma è anche rivolto a chi per colpa della crisi vive un momento di difficoltà. A loro diciamo che noi lavoriamo per alleviare queste difficoltà. Terzo e ultimo vogliamo andare a prendere un po’ di sostenitori di opinione, per questo nei manifesti viene anche indicato il sito Iternet. Speriamo di intercettare il voto di opinione e spingerlo, nei limiti del possibile,a crederci ancora e a non cedere alle campagne violente contro di noi. Tutti i messaggi sono stati fatti col nostro stile, con un linguaggio chiaro, semplice, diretto, immediato”.

Previsioni?

“Vediamo quello che succede, poi i conti si fanno alla fine, ossia a metà novembre. In questo fine settimana ci saranno gazebo in cui si distribuisce anche una pubblicazione che racconta succintamente cosa ha fatto il
Governo in questi tre anni, che è già on line. Perché sono tante le cose che abbiamo fatto ma spesso i primi a non essere consapievoli siamo proprio noi. Quindi parliamo anche ai nostri”.


Dopo il voto di ieri

Scritto da Antonio Palmieri | 12 ottobre 2011 | Prima Pagina

Il voto di ieri è un incidente senza risvolti politici. Non ci sono stati nè trucchi nè imboscate. Il capogruppo della Lgea Reguzzoni ha spiegato che Bossi non ho potuto partecipare al voto, dopo averlo fatto sul primo voto di giornata, perchè trattenuto da una giornalista. Insomma non c’era trucco nè inganno.
Ora sembra inevitabile una nuova fiducia, per ribadire ancora una volta che la maggioranza c’è. Tutto questo però sarebbe stato evitabile se tutti fossimo più accorti, visti i tempi complicati che stiamo vivendo…credo e spero che da ora in poi sarà così.


PDL: PALMIERI, REINDIRIZZARE SITO GOLIARDATA INUTILE

Scritto da Antonio Palmieri | 7 ottobre 2011 | Prima Pagina

“Per una volta sono completamente d’accordo con l’on Donadi: reindirizzare forzagnocca.it sul sito del Pdl è proprio uno scherzo di pessimo gusto”.
Lo dichiara l’on. Antonio Palmieri, responsabile nazionale internet del Pdl. “In altri momenti farebbe sorridere -prosegue Palmieri – ma i nostri apocalittici avversari trasformano tutto in tragedia. Facendo una semplice ricerca si può vedere che il dominio forzagnocca.it è registrato da tale signor Mastroianni, che nulla ha a che vedere con il Popolo della Libertà. Stiamo attuando le contromisure tecniche per porre fine alla goliardata inutile”.


Ieri in onda su Agorà per Steve Jobs

Scritto da Antonio Palmieri | 7 ottobre 2011 | Prima Pagina

Ieri sera ho partecipato come ospite da Milano alla puntata speciale in prima serata di Agorà (in onda su Rai3) dedicata a Steve Jobs. E’ stata una esperienza piacevole. Non era la solita trasmissione di quella rete, piena di acredine e contrapposizione…


Pdl, 400 mega-manifesti in città e via al tesseramento on line – Il Giornale.it, 03 ottobre 2011

Scritto da Antonio Palmieri | 3 ottobre 2011 | RASSEGNA STAMPA

Ecco l’articolo pubblicato su Il Giornale.it, 03 ottobre 2011



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.