Vai direttamente a:

30 marzo 2011

Antonio Palmieri

Archivio del mese di marzo 2011

30 marzo 2011

Scritto da Antonio Palmieri | 30 marzo 2011 | CALENDIARIO

Oggi alle 15 farò il question time al ministro Brunetta.
Diretta tv su RAI TRE dalle 15…


Risoluzione Libia: un testo equilibrato

Scritto da Antonio Palmieri | 25 marzo 2011 | Prima Pagina

Questo il testo su cui abbiamo impegnato il governo circa il da farsi in Libia: un testo equilibrato, che tiene conto della necessità di proteggere la popolazione libica e anche l’Italia, da ogni punto di vista.

  • adoperarsi per far emergere in tutte le sedi opportune il punto di vista dell’Italia e le circostanze che rendono possibile il suo sostegno all’intervento internazionale;
  • garantire, nell’ambito di un rigoroso rispetto della risoluzione Onu anche attraverso opportune iniziative politico diplomatiche e alla intimazione del cessate il fuoco, il ritorno più rapido possibile a uno stato di non conflittualità;
  • rappresentare nelle sedi proprie la necessità di assegnazione alla Nato del comando e del controllo delle operazioni militari e al fine di giungere a un coordinamento degli sforzi alleati;
  • assumere ogni utile iniziativa affinché le imprese europee impossibilitate ad onorare i contratti in essere in ragione delle sanzioni ONU e UE trovino una tutela negli articoli 10 e 12 del regolamento dell’Unione europea 204/2011, che rispettivamente prevedono le modalità per assicurare i pagamenti dovuti alle imprese europee in base a contratti precedenti l’entrata in vigore delle sanzioni e la preclusione di eventuali azioni legali per inadempimento contrattuale;
  • riattivare, non appena le circostanze e le decisioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU lo renderanno possibile, gli accordi bilaterali, in particolare quelli in materia energetica, stipulati dall’Italia con la Libia;
  • adoperarsi, nelle opportune sedi, in primo luogo in ambito NATO, affinché sia attuato, anche in ottemperanza di quanto previsto dalla risoluzione ONU 1973, l’embargo sulle armi nei confronti della Libia;
  • insistere, così come stabilito dai punti 6 e 7 del Consiglio affari esteri dell’Unione europea del 21 marzo 2011 richiamati in premessa, affinché l’Unione europea renda immediatamente operativa un’azione di pattugliamento del Mediterraneo in funzione di deterrenza e di contrasto alle organizzazioni criminali legate anche a gruppi terroristici e dedite al traffico di esseri umani, nonché in funzione di prevenzione migratoria e di assistenza umanitaria;
  • ottenere dai partners europei e dalla Commissione un apporto di mezzi, anche finanziari, per condividere l’onere della gestione degli sbarchi di immigrati, secondo quanto stabilito nelle conclusioni del Consiglio europeo straordinario dell’11 marzo scorso; 
  • attivarsi nelle sedi proprie affinché l’Europa si doti al più presto di un «sistema unico di asilo», che fin da subito preveda un sistema di burden sharing teso a redistribuire la presenza degli immigrati tra i paesi membri e fornisca una maggiore assistenza nelle operazioni di riconoscimento e identificazione di coloro che si dirigono verso le coste italiane;
  • adottare ogni iniziativa per assicurare la protezione delle popolazioni della regione, nello scrupoloso rispetto della risoluzione n. 1973 e delle relative prescrizioni;
  •  adottare ogni iniziativa necessaria per assicurare che l’Italia partecipi attivamente con gli altri paesi disponibili, ovvero nell’ambito delle organizzazioni internazionali di cui il Paese è parte, alla piena attuazione della risoluzione n. 1973 ai fini della protezione dei civili e delle aree popolate sotto pericolo di attacco, ivi compresa la concessione in uso di basi sul territorio nazionale;
  • tenere costantemente informato il Parlamento.

Inguaribile voglia di vivere

Scritto da Antonio Palmieri | 19 marzo 2011 | Prima Pagina

Oggi partecipo con la mia famiglia all’incontro pubblico e alla successiva assemblea del nostro club “L’inguaribile voglia di vivere”, nato un anno fa su ispirazione di Massimo Pandolfi per diffondere la cultura dell’accoglienza della vita in difficoltà e per realizzare piccoli (ma grandi) sogni e desideri dei malati di malattie gravemente invalidanti come la SLA….malattie che rendono le persone colpite prigioniere del loro corpo e che non possono, per ora, essere guarite: però queste persone possono essere curate, nel senso che si può condividere la fatica del cammino loro e delle loro famiglie e farle vivere in dignità e libertà e, perchè no, realizzando anche qualche desiderio che per noi “sani” è banale ma per loro invece è eccezionale: come la loro inguaribile voglia di vivere!


Italia, auguri!

Scritto da Antonio Palmieri | 17 marzo 2011 | Prima Pagina

e dunque W l’Italia….non solo oggi ma ogni giorno. Italia, auguri!


Dalla posta per me/ Questa proprio non la capisco…

Scritto da Antonio Palmieri | 4 marzo 2011 | Prima Pagina
Mi scrive Renata:
“Qualcuno mi spiega, per cortesia, perché almeno il 95% dei profughi che sbarcano sulle nostre coste ha una media d’età che va dai vent’anni ai quaranta e sono in maggioranza uomini?
Per ogni paese questa categoria rappresenta il patrimonio nazionale, la forza pensante e lavorativa, in Libia, in Tunisia, in Egitto chi ci resta nelle piazze a far la rivoluzione, le madri, i padri, le mogli, sorelle, figli, i nonni? Ma questi non sono i primi da proteggere?
Boh! Sicuramente mi sfugge qualcosa, ma io questa cosa qui non la capisco tanto bene.
Ciao e buona giornata.
Renata.

Legge sul fine vita

Scritto da Antonio Palmieri | 3 marzo 2011 | Prima Pagina

Ieri, oltre ad approvare il federalismo municipale, abbiamo fatto una interessante discussione nel gruppo pdl alla Camera sulla legge del cosiddetto testamento biologico. Davvero interessante…



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.