Vai direttamente a:

Auguri per il Santo Natale e per il 2010

Antonio Palmieri

Archivio del mese di dicembre 2009

Auguri per il Santo Natale e per il 2010

Scritto da Antonio Palmieri | 24 dicembre 2009 | Prima Pagina

Come diceva un professore universitario, “Si fa quel che si può e si può fare molto poco…tuttavia quel poco lo dobbiamo fare tutto”. Consapevole che non siamo padroni di niente e che dobiamo essere capaci di tutto, ovviamente per il bene, che Dio benedica te e i tuoi cari.

Blocco la mia attività on line fino al 10 gennaio.

Se vuoi mandare idee per il codice di autoregolamentazione per internet, commenta il post precedente. Leggerò tutto. Ciao!


Spunti e idee per il codice di autoregolamentazione per internet

Scritto da Antonio Palmieri | 24 dicembre 2009 | Prima Pagina

Se vuoi lasciare idee e suggerimenti, commenta questo post. Li porterò al ministro Maroni.
Grazie!


Bravo Maroni. Buona l’idea di un codice di autoregolamentazione

Scritto da Antonio Palmieri | 22 dicembre 2009 | Prima Pagina

Il ministro Maroni ha per ora messo da parte l’idea di una legge per regolamentare internet e vuole provare la via di un codice di autoregolamentazione che coinvolga tutti gli operatori del settore, per evitare che la spazzatura dell’odio sommerga la rete. Mi sembra un buon punto di partenza.


Paolo Attivissimo smaschera gli internettardi che sostengono che l’aggressione di Tartaglia contro Berlusconi sia un falso

Scritto da Antonio Palmieri | 21 dicembre 2009 | Prima Pagina

Paolo Attivissimo è noto come spietato cacciatore e smascheratore di bufale on line.

Ecco come smaschera i fautori della tesi che Berlusconi avrebbe ordito e organizzato lui l’aggressione ai suoi danni fattagli da Tartaglia. Leggi qui: http://attivissimo.blogspot.com/2009/12/berlusconi-aggredito-internettardi.html


Incontro Schifani-Allen primo passo per patto d’intervento con Facebook

Scritto da Antonio Palmieri | 18 dicembre 2009 | Prima Pagina

Stabilire un patto d’intervento con i proprietari di Facebook per rimuovere tempestivamente i contenuti odiosi o che istigano a reati è la via maestra per porre fine alle polemiche di questi giorni e soprattutto per fare in modo che questo importante social network possa continuare a far dialogare le persone tra loro.

L’incontro tra il presidente Schifani e Richard Allen, responsabile delle politiche Ue di Facebook, è una grande occasione per raggiungere questo obiettivo.

Come ho già scritto, ritengo che gran parte delle difficoltà derivino dal fatto che l’azienda Facebook non abbia una rappresentanza in Italia, circostanza che impedisce di avere un interlocutore per agire immediatamente in caso di bisogno.

Nessuno vuole criminalizzare indistintamente Facebook perché i milioni di italiani e le aziende che lo usano tutti i giorni non possono essere confusi o danneggiati per colpa di pochi estremisti. Tuttavia è tempo di impedire che la sacrosanta libertà di espressione degeneri in libertà di odio e in facoltà di compiere impunemente reati. Un reato è un reato sia che si compia on line o per strada. Le leggi per intervenire ci sono. Ora tocca ai gestori di Facebook agevolare tecnicamente la bonifica dalla spazzatura on line.


Video chat alle 18.30

Scritto da Antonio Palmieri | 18 dicembre 2009 | EVENTI NOTEVOLI

Oggi sono in video chat, tema internet e politica, qui: http://www.oilproject.org/EVENT253


18 dicembre 2009

Scritto da Antonio Palmieri | 18 dicembre 2009 | CALENDIARIO

Oggi alle 18.30 mi trovi in video chat, tema internet e politica, qui: http://www.oilproject.org/EVENT253


Criminalizzare Facebook è inutile e sbagliato

Scritto da Antonio Palmieri | 18 dicembre 2009 | Prima Pagina

Credo che gran parte delle difficoltà rispetto ai contenuti violenti e che istigano a reati propagandati su Facebook deriva dal fatto che in Italia non esiste Facebook, l’azienda non ha legale rappresetanza e dunque manca l’interlocutore per agire immediatamente e rimuovere i contenuti incriminati. E’ inutile criminalizzare indistintamente Facebook. Serve fare un accordo operativo efficace con i proprietari dell’azienda su come comportarsi in caso di illeciti commessi abusando di questo social network.


Quarto incontro Capitale Digitale – Creative Commons

Scritto da Antonio Palmieri | 17 dicembre 2009 | EVENTI NOTEVOLI

Sarò relatore al quarto incontro Capitale Digitale – progetto  di sviluppo ideato e prodotto da Telecom Italia, Fondazione Romaeuropa, Wired  e in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Comunicazione di Roma e la CATTID de La Sapienza. L’evento è patrocinato dalla Camera dei Deputati. Interverrà Joi Ito , Chairman Worldwide di Creative Commons, la fondazione che disciplina e diffonde una nuova logica del copyright nell’ era Internet. Mr Ito, giapponese, venture capitalist di scala mondiale e serial entreprenueur di successo, figura chiave della cultura  Internet e consulente ascoltato da Governi e Istituzioni è alla sua prima uscita pubblica.

L’incontro si terrà oggi alle 18.30 a Roma – Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati, Palazzo Marino


Bene Maroni su ddl per il web

Scritto da Antonio Palmieri | 16 dicembre 2009 | Prima Pagina

Le parole del Ministro Maroni confermano che nessuno nel Governo e nella maggioranza ha mai pensato a leggi speciali per internet.

Internet non è un luogo a parte e per questo è giusto perseguire i reati online applicando le leggi vigenti.

Siamo lieti che il Ministro accolga la nostra sollecitazione a intervenire non per Decreto ma con un Disegno di Legge, a ulteriore garanzia per tutti.
L’obiettivo resta sempre lo stesso: impedire che la spazzatura dell’odio sommerga la rete. Libertà di espressione non significa libertà di insulto o istigazione a delinquere. Internet non è una arena dove esprimere il peggio di sé. Dobbiamo educarci tutti a usarla liberamente ma responsabilmente.



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.