Vai direttamente a:

Un passo verso il quoziente familiare

Antonio Palmieri

Archivio del mese di giugno 2008

Un passo verso il quoziente familiare

Scritto da Antonio Palmieri | 30 giugno 2008 | Prima Pagina

Il governo ha colto la valenza culturale, politica e di metodo dell’ordine del giorno presentato da me con il sostegno di altri 17 colleghi del PDL (se mi fossi impegnato a fondo avrei raccolto un numero di firme ben più alto ma mi bastava questo numero) e si è impegnato a rimodulare da gennaio la detassazione degli straordinari e dei premi di produzione in funzione del numero dei figli.
Questa decisione conferma che il quoziente familiare è uno degli obiettivi di legislatura a sostegno della famiglia e inaugura un metodo di lavoro che guarda ai singoli provvedimenti valutandoli in un’ottica ‘familiare’, vale a dire in base al numero dei suoi componenti. Questo è il principale merito di un atto che evidentemente non risolve tutti i problemi ma costituisce un importante passo in avanti: molti altri ne verranno se sapremo lavorare con tenacia, pazienza, competenza e realismo.


26 giugno 2008

Scritto da Antonio Palmieri | 26 giugno 2008 | CALENDIARIO

Oggi dalle 9 in aula per l’intera giornata, per discutere e votare gli ordini del giorno e dare il voto finale al decreto con le misure per intervenire sul potere d’acquisto dei cittadini…


Nel 2009 la detassazione di straordinari e premi di produzione sarà proporzionata al numero dei componenti della famiglia

Scritto da Antonio Palmieri | 25 giugno 2008 | Prima Pagina

Questo il testo definitivo dell’ordine del giorno da me proposto al decreto con le misure per sostenere le famiglie come l’abolizione totale dell’ICI e la detassazione degli straordinari. Il governo si è impegnato, in caso di riproposizione della detassazione di premi di produzione e straordinari, ad applicarla tenendo conto del numero dei componenti della famiglia.

ORDINE DEL GIORNO
La Camera,

premesso che:

in una fase in cui il divario tra prezzi e potere d’acquisto dei salari e degli stipendi si è fatto in certi casi intollerabile, le misure nel presente decreto intendono sostenere il reddito dei cittadini e delle famiglie, con particolare riguardo ai redditi bassi e medio bassi;

la detassazione degli straordinari e dei premi di produttività è una importante misura non solo per contrastare il carovita, ma anche per premiare chi si impegna a lavorare di più, valorizzare il libero rapporto tra dipendenti e datore di lavoro, favorire l’aumento della produttività e contribuire alla competitività delle imprese;

il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Governo intendono promuovere la famiglia come “nucleo di spinta dell’intera organizzazione sociale” e che l’introduzione del quoziente familiare, da attuare nell’arco della legislatura, è uno degli strumenti a tal scopo individuati;

la detassazione degli straordinari e dei premi di produttività è una misura sperimentale in vigore nel periodo luglio – dicembre 2008 e che trenta giorni prima del termine della sperimentazione i ministri competenti e le parti sociali coinvolte procederanno ad una verifica degli effetti di tale disposizione;

il tetto di reddito per usufruire dell’imposta sostitutiva del 10%, è in questa fase sperimentale fissato in maniera indifferenziata a 30.000 Euro, a prescindere dal numero dei componenti del nucleo familiare del lavoratore;

tutte le indagini dimostrano che le famiglie con più figli sono quelle più colpite dall’aumento dei prezzi e che più sono a rischio di scivolare in una situazione di povertà;

impegna il Governo

in caso di riproposizione del provvedimento, a differenziare l’intervento in base al numero dei componenti del nucleo familiare del lavoratore.
Il Governo potrà attuare la differenziazione a favore dei lavoratori con un nucleo familiare numeroso aumentando il tetto di reddito stabilito per usufruire della detassazione in relazione al numero dei componenti del nucleo familiare.


Governo, Palmieri: questa sarà legislatura costituente per la vita Roma

Scritto da Antonio Palmieri | 25 giugno 2008 | RASSEGNA STAMPA

Dopo la lettera aperta di Scienza e Vita a governo e parlamento, così ho commentato:

“La lettera aperta di Scienza e Vita e’ un opportuno appello che non cade nel vuoto ma si sposa con gli impegni previsti dal programma di legislatura della maggioranza e ribaditi dal governo. Ci sono le condizioni politiche e culturali perche’ questa sia una legislatura costituente a favore della vita e il governo ha gia’ iniziato, con il sottosegretario Roccella, a lavorare nella direzione auspicata dall’appello. Si puo’ essere ottimisti, anche perche’ la situazione e’ gia’ molto migliorata, per il semplice fatto che vita, famiglia e ricerca non sono piu’ sotto attacco da parte del governo, come invece accadeva quando governava l’Unione”. Lo afferma Antonio Palmieri, deputato del Pdl.


Malati di SLA: iniziative in cantiere per la libertà di vivere

Scritto da Antonio Palmieri | 25 giugno 2008 | RASSEGNA STAMPA

Rilanciare l’appello popolare “Liberi di vivere” rivolto al presidente Giorgio Napolitano affinche’ le istituzioni a ogni livello siano vicine ai malati di sclerosi laterale amiotrofica. Invitare il governo a far ripartire al piu’ presto il Tavolo per la Sla che era stato attivato dal 2007 al Ministero della Salute. Sono i due obiettivi illustrati in una conferenza stampa svoltasi oggi a Montecitorio, alla quale hanno partecipato Mario Melazzini, presidente Aisla (Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica), il governatore lombardo Roberto Formigoni, Francesca Martini, sottosegretario al Welfare, l’ex ministro della Salute Livia Turco, Antonio Palmieri (Pdl), uno dei promotori dell’appello al presidente Napolitano, il cantante Ron, testimonial Aisla. La conferenza stampa ha offerto anche l’occasione per presentare le iniziative della giornata mondiale sulla Sla, in calendario sabato 21 giugno. Slogan del Global day: “Dateci una mano a sconfiggere la Sclerosi laterale amiotrofica”. È stata inoltre presentata la prima giornata nazionale della Sla, in programma il prossimo 18 settembre.
Per allora – ha rilevato Palmieri – le firme raccolte – attualmente giunte a quota 18mila – potrebbero avvicinarsi al raggiungimento di quota 30mila. L’obiettivo e’ arrivare a 50mila firme entro l’anno, da consegnare al presidente della Repubblica, affinche’ sproni le istituzioni a ogni livello a non lasciare da soli i malati di Sla e loro famiglie e, piu’ in generale, tutti coloro che soffrono di malattie croniche degenerative, che privano dell’uso del corpo ma non delle facolta’ mentali. Melazzini ha indicato nell’assistenza domiciliare uno dei traguardi fondamentali per aiutare le persone colpite da Sla. Tra gli sforzi di sensibilizzazione, particolare rilievo ha il concerto che Ron terra’ sabato sera a Montefalco (Perugia) nella Piazza del Comune. Il testimonial Aisla sara’ accompagnato dall’orchestra Amedeo Modigliani e proporra’ duetti a sorpresa con alcuni ospiti Vip.

Agenzia stampa Il Velino, 19 giugno 2008


25 giugno 2008

Scritto da Antonio Palmieri | 25 giugno 2008 | CALENDIARIO

Oggi lavoro nelmio ufficio alla Camera, fino alla fiducia, prevista per le 20 di stasera. Presenterò un ordine del giorno che impegna il governo a rimodulare da gennaio la detassazione degli straordinari e dei premi produzione in base al numero dei componenti della famiglia…


Dalla posta per me/4 – Il “Ramarro verde”, libro testimonianza sulla SLA

Scritto da Antonio Palmieri | 24 giugno 2008 | Prima Pagina

Ieri ho ricevuto quetsa e-mail:

Ciao sono Marco.
stiamo sposando una nobile causa. con altri 6  malati di SLA, (sclerosi laterale amiotrofica)  per raccogliere fondi,  e aiutare la ricerca, a titolo gratuito, abbiamo scritto un libro, dal titolo “IL RAMARRO VERDE”. IL RAMARRO VERDE si può acquistare già online basta andare su www.edizionicreativa.it
passaparola passaparola passaparola !!!


24 giugno 2008

Scritto da Antonio Palmieri | 24 giugno 2008 | CALENDIARIO

Partenza alle 7 per Roma. Lavoro preliminare sulla posta elettronica e poi in commissione dalle 10 per la secodna parte dell’audizione del ministro Gelmini e dalle 11 in aula per completare in giornata (speriamo) il decreto sull’emergenza rifiuti.


23 giugno 2008

Scritto da Antonio Palmieri | 23 giugno 2008 | CALENDIARIO

Oggi sono a Roma, per alcune riunioni sui temi che seguo, come l’accessibiiltà dei siti internet alle persone con disabilità. Ritorno in serata a Milano…


A proposito della manovra finanziaria

Scritto da Antonio Palmieri | 22 giugno 2008 | Prima Pagina

In carica da soli 35 giorni, il governo continua a mantenere gli impegni presi con l’elettorato, con una progressione impressionante. Dopo i decreti legge per affrontare l’emergenza rifiuti e per contrastare l’immigrazione clandestina, i provvedimenti per colpire la grande e piccola criminalità, l’abolizione totale dell’Ici, la detassazione degli straordinari e dei premi di produzione, la rinegoziazione dei mutui è ora il momento della manovra economica.

Tremonti ha tenuto fede all’impegno di anticipare la manovra economica a prima dell’estate. Senza togliere un euro dalle tasche dei cittadini, si continua ad aiutare chi ha più bisogno: carta prepagata per la spesa alimentare e le bollette per gli anziani con la pensione minima; fondo-casa per le giovani coppie; abolizione del divieto di cumulo tra pensione e lavoro per chi vuol proseguire l’attività; tagli ai costi del carburante; libri di testo e ricette mediche on line; liberalizzazione dei servizi pubblici locali per ridurre le bollette.

 Si tratta di alcune delle misure a maggiore impatto popolare. E ci sono anche misure per lo sviluppo, come la conferma del ritorno al nucleare e la ripresa delle grandi opere, ad iniziare dalla Tav. Spariscono gli adempimenti burocratici introdotti da Prodi e Visco, come il grande fratello sui conti correnti, l’obbligo delle dimissioni su internet, la responsabilità, se fai dei lavori, di accertare che la ditta che hai chiamato sia in regola con fisco e contributi.

Nel suo saggio “La paura e la speranza” Tremonti ha elencato i pericoli che correva l’Europa di fronte agli eccessi della globalizzazione, alla crisi dei mercati e alle speculazioni della finanza mondiale di come  questi rischiassero di scaricarsi sui ceti più deboli, sui poveri, sugli anziani, sulle famiglie e sui giovani. La manovra economica presentata mercoledì dà una prima risposta, anche con misure coraggiose come la cosiddetta “Robin Hood Tax”, che colpisce i guadagni eccessivi “di congiuntura” di petrolieri, banche e assicurazioni, per recueprare denarod a destinare a chi ha più bisogno.



Tecnologia Solidale
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.